DISTURBI DEL SONNO

trattare i disturbi del sonno

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Il termine collettivo disturbi del sonno si riferisce a condizioni che influenzano la qualità, i tempi o la durata del sonno e influiscono sulla capacità di una persona di svolgere correttamente le proprie attività mentre è sveglia. Questi disturbi possono contribuire ad altri problemi medici.

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Sono stati identificati più di 100 disturbi del sonno specifici e le classificazioni odierne utilizzano metodologie complesse per classificare questi disturbi in base a cause, sintomi, effetti fisiologici e psicologici e altri criteri. Tuttavia, la maggior parte dei disturbi del sonno può essere caratterizzata da uno o più dei seguenti quattro segni:

 

  • Hai difficoltà ad addormentarti o a rimanere addormentato
  • Hai difficoltà a rimanere sveglio durante il giorno
  • Ci sono squilibri nel ritmo circadiano che interferiscono con un sano programma di sonno
  • Sei incline a comportamenti insoliti che disturbano il tuo sonno

INSONNIA

L’insonnia è caratterizzata dalla difficoltà ricorrente di addormentarsi o rimanere addormentati nonostante la motivazione e i mezzi per farlo. Le persone con insonnia sperimentano anche un’eccessiva sonnolenza diurna e altri disturbi cognitivi mentre sono svegli. L’insonnia è considerata una condizione cronica quando i pazienti mostrano sintomi almeno tre volte alla settimana per almeno tre mesi. Sulla base di statistiche recenti, fino a un terzo degli adulti convive con una qualche forma di insonnia.

  • L’insonnia dell’inizio del sonno si verifica quando le persone hanno difficoltà ad addormentarsi, anche quando sono stanche.
  • L’insonnia da mantenimento del sonno si riferisce alla difficoltà a rimanere addormentati durante la notte.
  • L’insonnia mista è una condizione ibrida caratterizzata da sintomi di insonnia di insonnia e mantenimento del sonno.
Insonnia

SE STAI SPERIMENTANDO DISTURBI DEL SONNO, SOTTOPONICI LA TUA SITUAZIONE.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

APNEA OSTRUTTIVA

L’apnea notturna è un disturbo respiratorio comune correlato al sonno che si verifica a causa del blocco delle vie aeree superiori. Le persone con questa condizione spesso si svegliano soffocando o ansimando per mancanza d’aria.

Il russare pesante è un altro sintomo comune. Come altri disturbi del sonno, l’apnea notturna può causare eccessiva sonnolenza e affaticamento diurno, oltre a vari disturbi cognitivi. La maggior parte dei casi di apnea notturna rientra in una delle seguenti due categorie.

L’apnea ostruttiva del sonno (OSA) è causata da un’ostruzione fisica che blocca le vie aeree superiori. Questa ostruzione può essere attribuita a tonsille o adenoidi infrossate, accumulo di liquidi da insufficienza cardiaca o renale avanzata o sindromi genetiche che influenzano la struttura facciale come la palatoschisi. Anche le persone obese con depositi di grasso intorno al collo sono a maggior rischio di OSA e il sonno in posizione supina può portare a episodi di apnea se la lingua ricade in gola. 

L’apnea centrale del sonno (CSA) si verifica quando il cervello smette di inviare segnali ai muscoli che controllano la respirazione, causando episodi di soffocamento durante la notte. Come per l’OSA, l’obesità è un fattore di rischio comune per la CSA. La condizione può anche colpire persone che hanno avuto un ictus, un’infezione cerebrale e altri problemi medici con il tronco cerebrale, nonché coloro che assumono antidolorifici narcotici e altri farmaci che inducono il sonno. 

apnee notturne

NARCOLESSIA

La narcolessia è un disturbo del sonno che fa sentire le persone eccessivamente stanche durante il giorno nonostante abbiano riposato una quantità adeguata la notte precedente.

Questo può portare all’irrefrenabile voglia di dormire, culminata in “attacchi di sonno” che in genere durano pochi minuti. Nel tempo, la narcolessia può anche causare a prendere sonno e di mantenimento del sonno. La condizione nota come narcolessia di tipo 1 spesso include cataplessia o un’improvvisa perdita di tono muscolare che fa cadere o accasciare le persone mentre si addormentano. Gli attacchi di sonno si verificano anche con la narcolessia di tipo 2, ma la cataplessia non è presente.

SINDROME DELLE GAMBE SENZA RIPOSO

Tra i disturbi del sonno è da citare anche la Sindrome delle gambe senza riposo (in inglese Restless Legs Syndrome, da cui la sigla RLS) che è un tipo di disturbo del movimento correlato al sonno che colpisce il 5-10% della popolazione adulta. Conosciuta anche come malattia di Willis-Ekbom, la RSL è caratterizzata da pulsazioni, prurito e altre sensazioni dolorose alle gambe e potenti impulsi a muovere le gambe mentre sono a riposo. Le persone con RLS in genere sperimentano i sintomi più forti a letto, aumentando il rischio di problemi di insorgenza del sonno e problemi di mantenimento del sonno.  Cambiamenti nello stile di vita, l’esercizio moderato e lo stretching notturno possono aiutare alcuni pazienti a gestire i loro sintomi.

sindrome delle gambe senza riposo

ECCESSIVA SONNOLENZA DIURNA

L’EDS è definita da sensazioni di intenso stordimento durante il giorno che può costringere le persone a dormire in momenti inopportuni. Le persone che si sentono eccessivamente intontite durante il giorno possono anche essere più inclini a errori e incidenti. Una vasta gamma di condizioni mediche e psicologiche può portare a EDS, come diabete, ipotiroidismo, dolore cronico, depressione e ansia. Altre cause includono alcuni disturbi del sonno come l’apnea notturna e il disturbo delle gambe senza riposo. Si ritiene che l’EDS colpisca fino al 18% della popolazione.

sonnolenza diurna eccessiva

TRATTAMENTI CON LA MEDICINA INTEGRATA AL BIOMEDIC CLINIC & RESEARCH

Patologie di natura infiammatoria, metabolica, infettiva, allergica, autoimmunitaria vengono trattate presso il Biomedic Clinic & Research avvalendosi della Medicina Integrata. Ciò si traduce in un approccio personalizzato che prende in considerazione metodi diagnostici e terapeutici propri sia della medicina tradizionale che di quella naturale, al fine di occuparsi anche delle cause scatenanti di un determinato disturbo, riferite al singolo paziente. 

DISTURBO DEL SONNO DA LAVORO A TURNI

Il disturbo del sonno da lavoro a turni (o in lingua inglese shift work sleep disorder – SWSD) colpisce principalmente le persone il cui lavoro richiede loro di lavorare a tarda notte o al mattino presto. Dormire durante il giorno e lavorare di notte può causare un disallineamento tra il corpo di una persona e i ritmi circadiani che guidano il suo programma sonno-veglia in base ai cicli di luce e oscurità naturali. Le persone con questa condizione spesso si sentono eccessivamente stanche al lavoro e lottano per dormire a sufficienza durante il periodo di riposo diurno assegnato. Fino al 32% dei turnisti notturni e il 26% dei turnisti a rotazione soddisfano i criteri diagnostici per il disturbo del lavoro a turni.

disordine del sonno da lavoro a turni

PARASONNIE

Le parasonnie sono un gruppo di comportamenti del sonno insoliti che possono verificarsi prima di addormentarsi, durante il sonno o nel periodo tra il sonno e la veglia. Questi si trovano più comunemente nei bambini, ma anche alcuni adulti potrebbero sperimentarli. Questi includono sonnambulismo, enuresi notturna (fare pipì a letto), terrori notturni e altri meno comuni come la sindrome della testa che esplode. Le parasonnie sono suddivise in tre categorie: parasonnie correlate alla fase NREM (Non rapid eye movement- o sonno tranquillo), parasonnie correlate alla fase REM (Rapid eye movement- o sonno attivo e altre.

parasonnie

SINDROME DEL RITMO SONNO-VEGLIA DIVERSO DALLE 24 ORE (MALATTIA NON-24), NOTA ANCHE COME SINDROME IPERNICTEMERALE

Per la maggior parte degli adulti, i ritmi circadiani che guidano il ciclo sonno-veglia e altri processi corporei si ripristinano ogni 24 ore. La condizione nota come disturbo della veglia del sonno non di 24 ore si verifica quando il ciclo circadiano di qualcuno supera il limite di 24 ore. Questi individui spesso subiscono ritardi di una o due ore nei tempi di inizio del sonno e di veglia. Questo disturbo colpisce principalmente coloro che sono completamente ciechi e le persone con demenza.

JET LAG

Detta anche “sindrome da fuso orario”, è una condizione fisiologica che deriva dall’alterazione della capacità dell’organismo di mantenere una condizione di equilibrio interno, indipendentemente dalle modificazioni che avvengono all’esterno, spesso dovuta ad una variazione di fuso orario. 
Un viaggio aereo che copre lunghe distanze, può alterare il proprio ritmo biologico, in quanto l’orario di partenza, non corrisponderà proporzionalmente a quello di arrivo nel luogo di destinazione. 

I principali sintomi evidenziati sono: infiammazione dell’uretra (piccolo condotto che convoglia l’urina dalla vescica verso l’esterno) e problemi di incontinenza, disallineamento o schiacciamento vertebrale, contrattura muscolare, mal di testa, nausea, dolore agli occhi o calo della vista, mal di denti, acufeni (disturbo uditivo costituito da rumori nell’orecchio come fischi o ronzii, ecc.), problemi d’equilibrio, problematiche circolatorie, riduzione della capacità respiratoria, problemi circolatori dei liquidi negli arti inferiori, senso di stanchezza e irrequietezza degli arti inferiori, vene varicose (dilatazione delle vene), gonfiore cutaneo, flebite (infiammazione delle vene), alterazioni neurologiche (che riguardano il sistema nervoso), alluce valgo.

Le principali cause su cui indagare sono: predisposizione ereditaria, utilizzo abituale di scarpe con tacco alto, sedentarietà, postura scorretta da seduti, attività sportiva, trasporto di pesi non equilibrati (come lo zaino o la borsa su una spalla sola, ecc.), attività prolungate svolte in torsione, accavallamento delle gambe, difetto di masticazione, marcata scarsità visiva da un occhio rispetto all’altro, sovrappeso, traumi e lesioni, interventi chirurgici.

TESTIMONIANZE DI ALCUNI PAZIENTI 

"Sono arrivato al Biomedic tramite amici con dolori alla schiena e non dormivo bene la notte. Dopo un percorso di due mesi ho risolto i miei problemi. Grazie al percorso alimentare, ginnastica del respiro, plantari e byte, riesco a dormire rilassato tutta la notte e senza mal di schiena. Grazie a tutti per accoglienza e gentilezza e soprattutto professionalità. "
C.D. (Brescia)
"Quando sono arrivato al Biomedic avevo diversi fastidi che cercavo di curare con ogni mezzo. Fastidi quali: mi alzavo la mattina ma prima che mi svegliassi veramente si facevano le 14.00, nel senso che ero assonnato continuamente, mangiavo e avevo bisogno di una “pennichella” (qualsiasi cosa mangiavo). Provavo alcune diete e pure se scendevo di peso ero tutto fuori da un aspetto armonico e poi avvertivo una stanchezza cronica, spossatezza e se dormivo in più era peggio, mi rovinavo la giornata, non mi sentivo più sveglio per l’intero giorno. Poi ho iniziato la “cura” che non è cura ,è solo un mangiare sano. Dopo il primo mese circa ho iniziato ad alleggerirmi di peso, e poi la cosa fantastica è stata che la mattina mi sveglio e sono sveglio da subito, e quando mangio il corpo ora ha come un aspiratore di energia, cioè mangio e sento che il corpo si riprende. Non mi sento mai pesante o che ho voglia di dormire, anzi, il mio metabolismo è cambiato in meglio. Ho iniziato questa “cura” tra varie difficoltà e sono contento di averla fatta, in particolare vorrei ringraziare Fulvio Balmelli e Salvatore Marino che mi hanno seguito durante il mio percorso. Grazie!!!"
D.A. (Padova)
"Mi sono rivolta al Biomedic poiché all’improvviso mi è successo di non riuscire più a dormire di notte in maniera regolare e a causa di questo problema, non ero più in grado di condurre una normale vita quotidiana. Grazie alle terapie a cui mi sono sottoposta, ho finalmente ricominciato a riposare la notte senza dover ricorrere a nessun tipo di farmaco e questo mi ha permesso di ricominciare a vivere normalmente, occupandomi di me stessa e della mia famiglia e smettendo di essere fonte di preoccupazione per tutti i miei cari. Non avrei mai immaginato che una carenza vitaminica e alcune intolleranze alimentari, avessero causato al mio corpo un’incapacità di dormire e di rilassarsi con conseguenze catastrofiche. Le terapie del Biomedic mi hanno ridato la vita in tutti i sensi e senza nessun effetto collaterale. Ringrazio tutto il personale per la professionalità, la disponibilità e l’aiuto datomi in un momento davvero difficile della mia vita, quando non sembrava esserci nessuna soluzione. Queste terapie per me, sono state come un raggio di luce nelle tenebre, che così hanno iniziato a diradarsi."
A.F. (Verona)