Grave riduzione dell’efficienza fisica e spirituale

Depressione

La depressione è un disturbo dell'umore che comporta una sensazione persistente di tristezza e perdita di interesse.

La tristezza, il sentirsi giù e la perdita di interesse o di piacere nelle attività quotidiane sono sentimenti familiari per tutti noi. Ma se persistono e influenzano la nostra vita in modo sostanziale, il problema potrebbe essere la depressione.

La depressione è la principale causa di disabilità in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Può colpire adulti, adolescenti e bambini.

COS’E’ LA DEPRESSIONE?

La depressione è un disturbo dell’umore che comporta una sensazione persistente di tristezza e perdita di interesse. È diversa dalle fluttuazioni dell’umore che le persone sperimentano regolarmente come parte della vita.

Eventi importanti della vita, come un lutto o la perdita di un lavoro, possono portare alla depressione, ma anche squilibri ormonali, del sistema endocrino o stati infiammatori insospettati. 

La depressione è un problema continuo, non passeggero. Consiste in episodi durante i quali i sintomi durano per almeno 2 settimane. La depressione può durare per diverse settimane, mesi o anni.

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

TIPI DI Depressione

Ci sono diverse forme di depressione. Qui sotto ci sono alcuni dei tipi più comuni.

DEPRESSIONE MAGGIORE

Una persona con la depressione maggiore sperimenta uno stato costante di tristezza. Può perdere interesse in attività che prima gli piacevano.

Il trattamento di solito comporta farmaci e psicoterapia.

DISTURBO DEPRESSIVO PERSISTENTE

Conosciuto anche come distimia, il disturbo depressivo persistente causa sintomi che durano per almeno 2 anni.

Una persona con questo disturbo può avere episodi di depressione maggiore così come sintomi più lievi.

DISTURBO BIPOLARE

La depressione è un sintomo comune del disturbo bipolare, e la ricerca mostra che le persone con questo disturbo possono avere sintomi per circa la metà del tempo. Questo può rendere il disturbo bipolare difficile da distinguere dalla depressione.

DEPRESSIONE PSICOTICA

Alcune persone sperimentano la psicosi con la depressione.

La psicosi può comportare deliri, come false credenze e un distacco dalla realtà. Può anche comportare allucinazioni – percepire cose che non esistono.

DEPRESSIONE POST-PARTUM

Dopo il parto, molte donne sperimentano quello che alcuni chiamano il “baby blues”. Quando i livelli ormonali si riaggiustano dopo il parto, possono verificarsi cambiamenti di umore.

La depressione post-partum, o depressione postnatale, è più grave.

Non c’è una causa univoca per questo tipo di depressione e può persistere per mesi o anni. Chiunque sperimenti una depressione continua dopo il parto dovrebbe consultare un medico.

DISTURBO DEPRESSIVO MAGGIORE CON ANDAMENTO STAGIONALE

Precedentemente chiamato disturbo affettivo stagionale, o SAD, questo tipo di depressione è legato alla riduzione della luce del giorno durante l’autunno e l’inverno.

Si risolleva durante il resto dell’anno e in risposta alla terapia della luce.

Le persone che vivono in paesi con inverni lunghi o rigidi sembrano essere più colpite da questa condizione.

SINTOMI DI Depressione

sintomi della depressione possono includere (ricordiamo che si parla di depressione da un punto di vista patologico se tali condizioni si protraggono per un tempo non direttamente correlato ad eventi o situazioni contingenti):

  • umore depresso
  • riduzione dell’interesse o del piacere in attività che una volta piacevano
  • perdita del desiderio sessuale
  • cambiamenti nell’appetito
  • perdita o aumento di peso involontario
  • dormire troppo o troppo poco
  • agitazione, irrequietezza, alti e  bassi d’umore
  • movimenti e discorsi rallentati
  • affaticamento o perdita di energia
  • sentimenti di inutilità o senso di colpa
  • difficoltà a pensare, concentrarsi o prendere decisioni
  • pensieri ricorrenti di morte o suicidio, o un tentativo di suicidio

 

Sintomi della depressione nelle donne

La depressione è quasi due volte più comune tra le donne che tra gli uomini, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Sotto ci sono alcuni sintomi di depressione che tendono ad apparire più spesso nelle donne:

  • irritabilità
  • ansia
  • sbalzi d’umore
  • stanchezza
  • rimuginare (soffermarsi su pensieri negativi)

 

Inoltre, alcuni tipi di depressione sono unici per le donne, come ad esempio:

  • depressione post-partum
  • disturbo disforico premestruale

 

Sintomi di depressione negli uomini

Gli uomini con la depressione sono più propensi delle donne a bere alcolici in eccesso, a mostrare rabbia e ad assumere comportamenti rischiosi come risultato del disturbo.

Altri sintomi della depressione negli uomini possono includere:

  • evitare le famiglie e le situazioni sociali
  • lavorare senza pause
  • avere difficoltà a tenere il passo con il lavoro e le responsabilità familiari
  • mostrare un comportamento abusivo o di controllo nelle relazioni

 

Sintomi di depressione negli studenti delle superiori

Alcuni studenti hanno difficoltà a far fronte ai cambiamenti che spesso si trovano ad affrontare nel passaggio alla scuola superiore e possono sviluppare depressione, ansia o entrambe come risultato.

I sintomi della depressione negli studenti possono includere

  • difficoltà a concentrarsi sul lavoro scolastico
  • insonnia
  • dormire troppo
  • diminuzione o aumento dell’appetito
  • evitare situazioni sociali e attività che prima piacevano

 

Sintomi di depressione negli adolescenti

I cambiamenti fisici, la pressione dei coetanei e altri fattori possono contribuire alla depressione negli adolescenti.

Possono sperimentare alcuni dei seguenti sintomi:

  • ritiro dagli amici e dalla famiglia
  • difficoltà a concentrarsi sul lavoro scolastico
  • senso di colpa, impotenza o inutilità
  • irrequietezza, come l’incapacità di stare fermi

 

Sintomi di depressione nei bambini

Nei bambini, i sintomi possono rendere difficile il lavoro scolastico e le attività sociali. Essi possono sperimentare sintomi come:

  • pianto
  • bassa energia
  • appiccicosità
  • comportamento provocatorio
  • sfoghi vocali

I bambini più piccoli possono avere difficoltà ad esprimere a parole quello che provano. Questo può rendere più difficile per loro spiegare i loro sentimenti di tristezza.

depressione negli adolescenti

CAUSE Della Depressione

La comunità medica non comprende completamente le cause della depressione. Ci sono molte cause possibili e, a volte, vari fattori si combinano per scatenare i sintomi.

I fattori che probabilmente giocano un ruolo includono

  • Caratteristiche genetiche
  • Cambiamenti nei livelli di neurotrasmettitori del cervello
  • Fattori ambientali
  • Fattori psicologici e sociali
  • Condizioni aggiuntive, come il disturbo bipolare
  • Disfunzioni ormonali. Le donne soffrono più spesso di depressione rispetto ai maschi, indicando che gli ormoni potrebbero essere coinvolti nell’eziologia di questa malattia
  • Infiammazione. Le reazioni autoimmuni contro la tiroide e gli ormoni tiroidei anormali potrebbero aumentare l’infiammazione in tutto il corpo, che potrebbe poi portare a problemi di salute cognitivi ed emotivi. I marcatori di infiammazione aumentata, in particolare l’infiammazione del cervello, sono comuni tra quelli diagnosticati con disturbo depressivo maggiore, ansia e altre condizioni di salute mentale. Per questo motivo, alcuni medici prescrivono trattamenti anti-infiammatori per i pazienti con depressione

FATTORI SCATENANTI

I fattori scatenanti sono eventi o circostanze emotive, psicologiche o fisiche che possono causare la comparsa o il ritorno dei sintomi della depressione.

Questi sono alcuni dei fattori scatenanti più comuni:

  • Eventi di vita stressanti, come perdite, conflitti familiari e cambiamenti nelle relazioni.
  • Recupero incompleto dopo aver interrotto il trattamento troppo presto
  • Condizioni mediche, come l’obesità, le malattie cardiache e il diabete.

 

FATTORI DI RISCHIO

Alcune persone hanno un rischio maggiore di depressione rispetto ad altre.

I fattori di rischio includono:

  • Vivere certi eventi della vita, come lutti, problemi di lavoro, cambiamenti nelle relazioni, problemi finanziari e problemi medici
  • Sperimentare uno stress acuto
  • Non riuscire a concepire un bambino
  • Avere un parente stretto con la depressione
  • Usare alcuni farmaci da prescrizione, come i corticosteroidi, alcuni beta-bloccanti e l’interferone
  • Fare uso di droghe ricreative, come alcol, mariuana o anfetamine
  • Aver subito un trauma cranico
  • Aver avuto un precedente episodio di depressione maggiore
  • Avere una condizione cronica, come il diabete, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o la malattia cardiovascolare
  • Vivere con un dolore persistente

INDAGINI E PROGRAMMI MIRATI DI MEDICINA INTEGRATA

indagini e trattamenti di medicina integrata e naturale

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

DIAGNOSI DI Depressione

Se una persona sospetta di avere sintomi di depressione, dovrebbe cercare l’aiuto professionale di un medico.

Un professionista della salute qualificato può escludere varie cause, assicurare una diagnosi accurata e fornire un trattamento sicuro ed efficace.

Il medico farà domande sui sintomi, come ad esempio da quanto tempo sono presenti.  Può anche condurre un esame per controllare le cause fisiche e ordinare un esame del sangue per escludere altre condizioni di salute.

APPROFONDIMENTI

DOMANDE E RISPOSTE SULLA DEPRESSIONE

La depressione è genetica?

Una persona con un genitore o un fratello che ha la depressione ha da due a tre volte più probabilità del pubblico in generale di sviluppare la condizione.

Tuttavia, molte persone con depressione non hanno una storia familiare.

Un recente studio suggerisce che la suscettibilità alla depressione potrebbe non risultare da una variazione genetica. I ricercatori riconoscono che mentre la depressione potrebbe essere ereditata, anche molte altre questioni influenzano il suo sviluppo.

La depressione è una disabilità?

La depressione è la principale causa di disabilità in tutto il mondo, secondo l’OMS.

Negli Stati Uniti, la Social Security Administration considera i disturbi depressivi, bipolari e correlati come disabilità. Se la depressione di una persona le impedisce di lavorare, può qualificarsi per i benefici dell’assicurazione di invalidità della sicurezza sociale.

La depressione è curabile?

La cura dipende dall’individuazione della causa. Una causa fisica che può essere eliminata porterà con sé anche i sintomi che ha provocato.

Qualora la causa non sia fisica o non sia eliminabile, è possibile attuare degli accorgimenti per alleviare lo stress psicofisico.

EFFETTI COLLATERALI DEI FARMACI PER LA DEPRESSIONE

Gli antidepressivi hanno lo scopo di correggere gli squilibri chimici dei neurotrasmettitori nel cervello che si ritiene siano responsabili dei cambiamenti di umore e di comportamento.

Gli antidepressivi sono stati sviluppati per la prima volta negli anni ’50. Il loro uso è diventato progressivamente più comune negli ultimi 20 anni.

TIPI DI FARMACI ED EFFETTI

Gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI)

Gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI) sono usati per trattare la depressione maggiore, i disturbi dell’umore e, eventualmente ma meno comunemente, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), i disturbi d’ansia, i sintomi della menopausa, la fibromialgia e il dolore neuropatico cronico.

Gli SNRI aumentano i livelli di serotonina e norepinefrina, due neurotrasmettitori nel cervello che giocano un ruolo chiave nella stabilizzazione dell’umore.

Gli esempi includono duloxetina (Cymbalta), venlafaxina (Effexor) e desvenlafaxina (Pristiq).

 

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono gli antidepressivi più comunemente prescritti. Sono efficaci nel trattamento della depressione e hanno meno effetti collaterali degli altri antidepressivi.

Gli SSRI bloccano la ricaptazione, o assorbimento, della serotonina nel cervello. Questo rende più facile per le cellule cerebrali ricevere e inviare messaggi, con conseguente stato d’animo migliore e più stabile.

Sono chiamati “selettivi” perché sembrano influenzare principalmente la serotonina e non gli altri neurotrasmettitori.

Gli esempi includono citalopram (Celexa), escitalopram (Lexapro), fluoxetina (Prozac, Sarafem), fluvoxamina (Luvox), paroxetina (Paxil) e sertralina (Zoloft).

Gli SSRI e gli SNRI possono avere i seguenti effetti collaterali:
  • ipoglicemia, o basso livello di zucchero nel sangue
  • sodio basso
  • nausea
  • eruzione cutanea
  • bocca secca
  • costipazione o diarrea
  • perdita di peso
  • sudorazione
  • tremore
  • sedazione
  • disfunzione sessuale
  • insonnia
  • mal di testa
  • vertigini
  • ansia e agitazione
  • pensiero anormale

 

Antidepressivi triciclici (TCA)

Gli antidepressivi triciclici (TCA) sono così chiamati perché ci sono tre anelli nella struttura chimica di questi farmaci. Sono usati per trattare la depressione, la fibromialgia, alcuni tipi di ansia e possono aiutare a controllare il dolore cronico.

Gli esempi includono amitriptilina (Elavil), amoxapina- clomipramina (Anafranil), desipramina (Norpramin), doxepin (Sinequan), imipramina (Tofranil), nortriptyline (Pamelor), protriptyline (Vivactil) e trimipramina (Surmontil).

I triciclici possono avere i seguenti effetti collaterali:

  • convulsioni
  • insonnia
  • ansia
  • aritmia, o battito cardiaco irregolare
  • ipertensione
  • eruzione cutanea
  • nausea e vomito
  • crampi addominali
  • perdita di peso
  • costipazione
  • ritenzione urinaria
  • aumento della pressione sull’occhio
  • disfunzione sessuale

 

Inibitori della monoammina ossidasi (MAOI)

Questo tipo di antidepressivo era comunemente prescritto prima dell’introduzione degli SSRI e degli SNRI.

Inibisce l’azione della monoammina ossidasi, un enzima del cervello. La monoammina ossidasi aiuta a scomporre i neurotrasmettitori, come la serotonina.

Se meno serotonina viene scomposta, ci sarà più serotonina in circolazione. In teoria, questo porta a stati d’animo più stabilizzati e meno ansia.

I medici ora usano gli IMAO se gli SSRI non hanno funzionato. Gli IMAO sono generalmente riservati per i casi in cui altri antidepressivi non hanno funzionato perché gli IMAO interagiscono con diversi altri farmaci e alcuni alimenti.

Esempi di MAOI includono fenelzina (Nardil), tranilcipromina (Parnate), isocarboxazid (Marplan) e selegilina (EMSAM, Eldepryl).

Gli effetti collaterali includono:

  • visione offuscata
  • eruzione cutanea
  • convulsioni
  • edema
  • perdita o aumento di peso
  • disfunzioni sessuali
  • diarrea, nausea e costipazione
  • ansia
  • insonnia e sonnolenza
  • mal di testa
  • vertigini
  • aritmia, o ritmo cardiaco irregolare
  • svenimento o sensazione di svenimento quando ci si alza in piedi
  • ipertensione, o pressione sanguigna alta

 

Noradrenalina e antidepressivi serotoninergici specifici (NASSA)

Sono usati per trattare i disturbi d’ansia, alcuni disturbi di personalità e la depressione.

Esempi includono Mianserin (Tolvon) e Mirtazapine (Remeron, Avanza, Zispin).

I possibili effetti collaterali includono:

  • costipazione
  • bocca secca
  • aumento di peso
  • sonnolenza e sedazione
  • visione offuscata
  • vertigini
  • Reazioni avverse più gravi includono convulsioni, riduzione dei globuli bianchi, svenimenti e reazioni allergiche.

TRATTAMENTO Della Depressione

La depressione è curabile e la cura dipende dalle cause sottostanti.

DEPRESSIONE DA CAUSE FISICHE

Individuate le disfunzioni ormonali o gli stati infiammatori (vedi paragrafo sulle cause), e trattati, la condizione scompare (vedi sezione Diagnosi e Trattamento della depressione presso il Biomedic Clinic & Research).

DEPRESSIONE DI ORIGINE PSICOLOGICA

 La gestione dei sintomi di solito comporta tre componenti:

Sostegno: Questo può andare dalla discussione di soluzioni pratiche e possibili cause all’educazione dei membri della famiglia.

Psicoterapia: Conosciuta anche come terapia parlante, alcune opzioni includono la consulenza individuale e la terapia cognitiva comportamentale (CBT).

Trattamento farmacologico: Un medico può prescrivere antidepressivi.

Farmaci

Gli antidepressivi possono aiutare a trattare la depressione da moderata a grave.

Sono disponibili diverse classi di antidepressivi:

  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)
  • inibitori delle monoaminoossidasi (MAOI)
  • antidepressivi triciclici
  • antidepressivi atipici
  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI)

Ogni classe agisce su un diverso neurotrasmettitore o combinazione di neurotrasmettitori.

Una persona dovrebbe prendere questi farmaci solo seguendo le prescrizioni mediche e con la consapevolezza che possono produrre effetti collaterali e dipendenza. 

Gli SSRI e gli SNRI possono avere effetti collaterali. Una persona può sperimentare:

  • nausea
  • costipazione
  • diarrea
  • basso livello di zucchero nel sangue
  • perdita di peso
  • un’eruzione cutanea
  • disfunzione sessuale

Le avvertenze dovrebbero indicare che, tra gli altri rischi, questi farmaci possono aumentare i pensieri o le azioni suicide in alcuni bambini, adolescenti e giovani adulti nei primi mesi di trattamento.

Alcune persone smettono di prendere i farmaci dopo che i sintomi migliorano, ma questo può portare a una ricaduta.

E’ importante parlare con un medico di qualsiasi preoccupazione sugli antidepressivi, compresa l’intenzione di smettere di prendere il farmaco. Bisogna smettere gradualmente e seguendo un preciso protocollo medico.

Contattaci se vuoi intraprendere lo scalaggio farmacologico.

Psicoterapia

Le terapie psicologiche, o parlanti, per la depressione includono la CBT, la psicoterapia interpersonale e il trattamento di risoluzione dei problemi, tra gli altri.

Per alcune forme di depressione, la psicoterapia è di solito il trattamento di prima linea, mentre alcune persone rispondono meglio a una combinazione di psicoterapia e farmaci.

La CBT e la psicoterapia interpersonale sono i due principali tipi di psicoterapia per la depressione. Una persona può fare CBT in sessioni individuali con un terapeuta, in gruppo, per telefono o online.

La terapia interpersonale mira ad aiutare le persone a identificare:

  • i problemi emotivi che influenzano le relazioni e la comunicazione
  • come questi problemi influenzano anche il loro umore
  • come tutto questo può essere cambiato

 

Terapie di stimolazione cerebrale

Le terapie di stimolazione cerebrale sono un’altra opzione di trattamento. Per esempio, la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (TMS) invia impulsi magnetici al cervello, e questo può aiutare a trattare la depressione maggiore.

TMS sta per stimolazione magnetica transcranica. La terapia TMS funziona utilizzando una bobina magnetica per fornire una stimolazione a parti specifiche del cervello che sono influenzate dalla depressione. La teoria su cui si fonda è che, quando qualcuno ha la depressione, le aree del cervello che dovrebbero funzionare normalmente non lo fanno, il che crea sintomi di depressione come apatia, solitudine, tristezza estrema, ecc. Qualcuno che riceve la terapia TMS ha una bobina magnetica posta sulla testa (di solito sulla fronte). Quella bobina emette impulsi magnetici per aiutare a stimolare il cervello in modo da ridurre i sintomi causati dalla depressione. La terapia TMS è una forma di trattamento a cui le persone di solito partecipano più di una volta per aiutare a trattare la loro depressione resistente al trattamento. 

Effetti collaterali comuni

Gli effetti collaterali sono generalmente da lievi a moderati e migliorano poco dopo una sessione individuale e diminuiscono nel tempo con ulteriori sessioni. Essi possono includere:

  • Mal di testa
  • Disagio del cuoio capelluto nel sito di stimolazione
  • Formicolio, spasmi o contrazioni dei muscoli facciali
  • Vertigini
Effetti collaterali non comuni
  • Gli effetti collaterali gravi sono rari. Essi possono includere:
  • Convulsioni
  • Mania, in particolare nelle persone con disturbo bipolare
  • Perdita dell’udito se c’è una protezione inadeguata dell’orecchio durante il trattamento

Sono necessari ulteriori studi per determinare se la TMS può avere effetti collaterali a lungo termine.

Rimedi naturali

Le seguenti sono alcune delle erbe e piante più popolari che le persone utilizzano per trattare la depressione:

Erba di San Giovanni: Non è adatta a persone che hanno o potrebbero avere un disturbo bipolare. 

Ginseng: E’ possibile usarlo per migliorare la chiarezza mentale e ridurre lo stress. 

Camomilla: Contiene flavonoidi che possono avere un effetto antidepressivo. 

Lavanda: Può aiutare a ridurre l’ansia e l’insonnia

È essenziale parlare con un medico prima di usare qualsiasi tipo di rimedio o integratore a base di erbe per trattare la depressione. Alcune erbe possono interferire con l’azione dei farmaci o altrimenti peggiorare i sintomi.

Integratori

Una persona può prendere le erbe di cui sopra come integratori per trattare i sintomi della depressione da lieve a moderata. Anche altri tipi di integratori possono aiutare a trattare questi sintomi.

Gli integratori non a base di erbe che possono aiutare a trattare la depressione includono:

S-adenosil metionina (SAMe): E’ una forma sintetica di una sostanza chimica naturale nel corpo.

5-idrossitriptofano:  Può aiutare ad aumentare la serotonina, il neurotrasmettitore nel cervello che influenza l’umore di una persona.

Alcune ricerche hanno suggerito che la SAMe può essere utile quanto gli antidepressivi da prescrizione come l’imipramina e l’escitalopram, ma sono necessarie ulteriori indagini.

Cibo e dieta

Mangiare molti cibi zuccherati o elaborati può causare diversi problemi di salute fisica. I risultati di uno studio del 2019 suggeriscono che una dieta che include molti di questi tipi di cibo potrebbe influenzare la salute mentale dei giovani adulti.

Lo studio ha anche scoperto che mangiare più dei seguenti alimenti aiuta a ridurre i sintomi della depressione:

  • frutta
  • verdure
  • pesce
  • olio d’oliva

Altri alimenti possono peggiorare o migliorare i sintomi della depressione? Scoprilo qui.

Esercizio fisico

L’esercizio aerobico aumenta i livelli di endorfina e stimola il neurotrasmettitore norepinefrina, che è collegato all’umore. Questo può aiutare ad alleviare la depressione lieve.

Azioni quotidiane

Alcune idee per alleviare lo stress includono:

  • Esercizi quotidiani di respirazione profonda, come inspirare per cinque secondi, trattenere il respiro per cinque secondi ed espirare per cinque secondi
  • Creare un rituale di auto-cura prima di andare a letto
  • Assicurarsi di fare qualche forma di movimento ogni giorno
  • Trascorrere del tempo nella natura, semplicemente camminando o meditando
  • Scrivere un diario (o semplicemente elencare) le proprie preoccupazioni e ansie
  • Meditare con un’applicazione come Breath, Calm, o Headspace, o con video di meditazione gratuiti accessibili su YouTube
  • Semplicemente stare seduti fermi per qualche minuto e concentrarsi sul proprio respiro
  • Passare all’arte o alla danza per alleviare lo stress
  • Abbracciare lo yoga o il tai chi prima di dormire o al risveglio
  • Integrare brevi attività antistress nel corso della giornata

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLA Depressione PRESSO IL BIOMEDIC

Patologie di natura infiammatoria, metabolica, infettiva, allergica, autoimmunitaria vengono trattate presso il Biomedic Clinic & Research avvalendosi della Medicina Integrata. Ciò si traduce in un approccio personalizzato che prende in considerazione metodi diagnostici e terapeutici propri sia della medicina tradizionale che di quella naturale, al fine di occuparsi anche delle cause scatenanti di un determinato disturbo, riferite al singolo paziente. 

Per la diagnosi ed il trattamento della depressione, in particolare per effettuare uno screening completo finalizzato ad individuare, e quindi trattare, possibili squilibri ormonali, endocrini, infezioni o infiammazioni è possibile effettuare un test biofisico completo, seguito da trattamenti di medicina integrata, i quali possono includere trattamenti biofisici, piano nutrizionale personalizzato e terapie di medicina naturale e/o tradizionale, in base a quanto emerso in fase di diagnosi.

E’ anche possibile intraprendere lo scalaggio farmacologico qualora la persona in trattamento con antidepressivi, desideri smettere la loro assunzione.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE 

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

The impact of testosterone imbalance on depression and women’s health- sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0378512202000130

Beck Depression Inventory (BDI). (n.d.).
apa.org/pi/about/publications/caregivers/practice-settings/assessment/tools/beck-depression

Benefit planner: Disability — how you qualify. (n.d.).
ssa.gov/planners/disability/qualify.html

Border, R. et al. (2019). No support for historical candidate gene or candidate gene-by-interaction hypotheses for major depression across multiple large samples.
ajp.psychiatryonline.org/doi/10.1176/appi.ajp.2018.18070881

Brody, D. J., et al. (2018). Prevalence of depression among adults aged 20 and over: United States, 2013–2016.
cdc.gov/nchs/products/databriefs/db303.htm

By the numbers. (2015).
apa.org/monitor/2015/12/numbers

Data and statistics on children’s mental health. (2019).
cdc.gov/childrensmentalhealth/data.html

Depression. (n.d.).
nami.org/Learn-More/Mental-Health-Conditions/Depression

Depression. (2015).
cdc.gov/nchs/fastats/depression.htm

Depression. (2018).
who.int/en/news-room/fact-sheets/detail/depression

Depression. (2018).
nimh.nih.gov/health/topics/depression/index.shtml

Depression. (2019).
ghr.nlm.nih.gov/condition/depression

Depression: FDA-approved medications may help. (2017).
fda.gov/consumers/consumer-updates/depression-fda-approved-medications-may-help

Depression in women: 5 things you should know. (n.d.).
nimh.nih.gov/health/publications/depression-in-women/index.shtml

Disability evaluation under social security. (n.d.).
ssa.gov/disability/professionals/bluebook/12.00-MentalDisorders-Adult.htm

Facts & statistics. (n.d.).
adaa.org/about-adaa/press-room/facts-statistics

Francis, H. M., et al. (2019). A brief diet intervention can reduce symptoms of depression in young adults — A randomised controlled trial.
journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0222768

Galizia, I., et al. (2016). S-adeonsyl methionine for depression in adults.
cochrane.org/CD011286/DEPRESSN_s-adenosyl-methionine-depression-adults

Hamilton depression rating scale. (n.d.).
assessmentpsychology.com/HAM-D.pdf

Herkov, M. (2019). About interpersonal therapy.
psychcentral.com/lib/about-interpersonal-therapy/

Hirschfeld, R. M. (2014). Differential diagnosis of bipolar disorder and major depressive disorder.
jad-journal.com/article/S0165-0327(14)70004-7/pdf

Markowitz, J. C., & Weissman, M. M. (2004). Interpersonal psychotherapy: principles and applications. 
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1414693/

Postpartum depression facts. (n.d.).
nimh.nih.gov/health/publications/postpartum-depression-facts/index.shtml

Riba, M., & Cusumano, D. (2019). Depression among college students.
adaa.org/learn-from-us/from-the-experts/blog-posts/consumer/depression-among-college-students

Rice, S. M., et al. (2014). Online and social networking interventions for the treatment of depression in young people: A systematic review. 
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4180352/

Shors, T. J., et al. (2016). Do sex differences in rumination explain sex differences in depression? (2016).
onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/jnr.23976

Teen depression. (n.d.).
nimh.nih.gov/health/publications/teen-depression/index.shtml

RIFERIMENTI SUGLI EFFETTI COLLATERALI DEGLI ANTIDEPRESSIVI

Antidepressant medication. (n.d.)
sane.org/mental-health-and-illness/facts-and-guides/antidepressant-medication

Antidepresssant medications for children and adolescents: Information for parents and caregivers. (n.d.)
nimh.nih.gov/health/topics/child-and-adolescent-mental-health/index.shtml

Antidepressant use in persons aged 12 and over: United States, 2011-2014 (2017, August)
cdc.gov/nchs/products/databriefs/db283.htm

Antidepressants: Key facts. (2014, March)
rcpsych.ac.uk/healthadvice/treatmentsandwellbeing/antidepressants/antidepressantskeyfacts.aspx

Courtet, P., & Lopez-Castroman, J. (2017, October). Antidepressants and suicide risk in depression. World Psychiatry, 16(3)
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5608853/

Fava, G. A., & Offidani, E. (2011, August). The mechanisms of tolerance in antidepressant action. Progress in neuropsychopharmacology and biological psychiatry, 35(7), 1593-602
ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20728491

JAMA and Archives Journals. (2006, February 7). Antidepressant use during pregnancy appears associated with withdrawal symptoms in newborns [Press release]
sciencedaily.com/releases/2006/02/060206232244.htm

Offidani, E., Fava, G. A., Tomba, E., & Baldessarini, R. J. (2013). Excessive mood elevation and behavioral activation with antidepressant treatment of juvenile depressive and anxiety disorders: A systematic review. Psychotherapy and psychosomatics, 82, 132-141
pdfs.semanticscholar.org/467a/0936752c67af496c727d48b6513f3f48d2f3.pdf

Palmsten, K., Setoguchi, S., Margulis, A. V., Patrick, A. R., Hernández-Díaz, S. (2012, May 15). Elevated risk of preeclampsia in pregnant women with depression: Depression or antidepressants? American Journal of Epidemiology, 175(10), 988-997
academic.oup.com/aje/article/175/10/988/88892

St. John’s wort and depression: In depth. (2017, December)
nccih.nih.gov/health/stjohnswort/sjw-and-depression.htm

Seasonal affective disorder. (2016, March)
nimh.nih.gov/health/topics/seasonal-affective-disorder/index.shtml

Stewart, D., & Vigod, S. (2017, August 11). Antenatal use of antidepressants and risk of teratogenicity and adverse pregnancy outcomes: Selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs). Up-To-Date. Retrieved from
uptodate.com/contents/antenatal-use-of-antidepressants-and-risk-of-teratogenicity-and-adverse-pregnancy-outcomes-selective-serotonin-reuptake-inhibitors-ssris

Suicidality in children and adolescents being treated with antidepressant medications. (2018, February 5)
fda.gov/drugs/drugsafety/postmarketdrugsafetyinformationforpatientsandproviders/ucm161679.htm

The Endocrine Society. (2010, January 26). Common antidepressant drugs linked to lactation difficulties in moms [Press release]
eurekalert.org/pub_releases/2010-01/tes-cad012510.php

Wong, J., Motulsky, A., Abrahamowicz, M., McGill, J., Eguale, T., Buckeridge, D. L., & Tamblyn, R. (2017, January 18). Off-label indications for antidepressants in primary care: descriptive study of prescriptions from an indication based electronic prescribing system. The BMJ, 356, j603
bmj.com/content/356/bmj.j603

 

 

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.