Postura e Riabilitazione

LA POSTURA

La postura corretta altro non è che la posizione più idonea del nostro corpo nello spazio, per attuare le funzioni antigravitarie, con il minor dispendio energetico sia in deambulazione, che in stazionamento.

Contribuiscono a problemi di postura il camminare su un terreno sempre piano, così come l’uso di scarpe con tacco alto che non fanno arrivare le informazioni dal terreno alla pianta del piede. Pertanto, la peggiore combinazione si ha con l’uso di scarpe alte su un terreno piano; la migliore, invece, con scarpe basse (al limite a piedi nudi) su terreno non uniforme, come camminare a piedi nudi sulla battigia o indossare scarpe basse durante un trekking.

Il concetto di spazialità è immediatamente successivo a quello di postura; infatti la postura altro non è che il rapporto del corpo nei tre assi dello spazio.

Per quanto riguarda l’equilibrio esso va definito come il miglior rapporto tra il soggetto e l’ambiente circostante; ne deriva che il corpo, sia in statica che in dinamica, assume un equilibrio ottimale a seconda degli stimoli ambientali che riceve e del programma motorio che adotta.

AREE DI INTERVENTO IN POSTUROLOGIA E RIABILITAZIONE

Fisioterapia e massaggi
posturologia
GINNASTICA DEL RESPIRO
realizzazione di plantari su misura
malocclusione dentale
FISIOTERAPIA E MASSAGGI
POSTUROLOGIA
GINNASTICA DEL RESPIRO
REALIZZAZIONE DI PLANTARI SU MISURA
MALOCCLUSIONE DENTALE
previous arrow
next arrow
 

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA FISIOTERAPIA E POSTUROLOGIA

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

DA COSA E’ INFLUENZATA LA POSTURA

La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa nell’ambiente in cui vive, determinato anche da stress, traumi fisici ed emotivi, posture professionali scorrette ripetute e mantenute nel tempo, respirazione scorretta, squilibrii biochimici derivati da una scorretta alimentazione, ecc..

La scorretta postura può essere determinata anche da una malocclusione dentale.

Da quanto detto si evince che la postura dell’uomo è in costante e progressiva modificazione e una postura corretta può disallinearsi a qualsiasi età, come pure essere recuperata.

Gli effetti di una postura inquinata e quindi della retrazione muscolare si manifestano a livello articolare sotto forma di compressione, rotazione assiale e traslazione, determinando modificazioni della struttura scheletrica (scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, valgismo, varismo delle ginocchia, ecc.) e possono evolvere in disordini posturali importanti fino a vere e proprie patologie.

SINTOMI PIÙ RICORRENTI DI UNA POSTURA SCORRETTA

la postura scorretta causa una serie di dolori articolari e muscolari

Una cattiva postura può provocare:

  • Cervicalgia
  • Rigidità e dolori muscolari
  • Mal di testa
  • Affaticamento agli occhi
  • Acufene (fischio o ronzio alle orecchie)
  • Vertigini o giramenti di testa
  • Formicolio alle braccia o mani
  • Epicondilite (gomito del tennista)
  • Difetti di circolazione alla testa
  • Problemi mandibolari e masticatori
  • Problematiche della colonna vertebrale
  • Ernia ombelicale
  • Mal di schiena (schiacciamenti, protrusioni, ernie, sciatica)
  • Tendiniti
  • Infiammazioni e dolori alle spalle (periartrite e calcificazioni)
  • Artrosi (anca, ginocchio, caviglia)
  • Predisposizione a distorsioni
  • Lesione ai menischi e legamenti
  • Dolori ai piedi e alle dita
  • Alluce valgo
  • Dolori metatarsali
  • Dolori alla fascia plantare e al tallone (spina calcaneare)
  • Scorretto appoggio dei piedi
  • Cattiva circolazione
  • Tachicardia
  • Cattiva digestione (reflusso gastrico o ernia iatale)
  • Problemi respiratori (asma da sforzo, apnee notturne)
  • Deficit respiratori (fiato corto, affaticamento)
  • Rallentamenti del metabolismo e dell’energia giornaliera

LA POSTUROLOGIA

La Posturologia è quella metodica che serve a riallineare le articolazioni e la muscolatura al fine di ottenere un bilanciamento ottimale dell’equilibrio del corpo.

Spesso ci si rivolge al Posturologo perché in passato si è visto risolvere il problema solo parzialmente e si cerca una soluzione definitiva al problema.

In Posturologia, si cercano le cause del problema che hanno portato al dolore con l’obbiettivo primario di eliminarle in via definitiva, agendo appunto sulle cause.

La tecnica di rilevazione dei dati da parte del nostro Posturologo, deriva da una conoscenze trentennale nell’ambito dell’Osteopatia Posturale.

La Posturologia piú efficace è quella attuata all’interno di in un team nel quale dopo una corretta diagnosi, ogni professionista a seconda della sua specificità concorre a dare il proprio contributo per il bene del paziente.

Per lavorare in team, come avviene presso la nostra struttura, i professionisti della postura utilizzano delle valutazioni specifiche preconcordate e dei protocolli ampiamente sperimentati che coinvolgono i vari professionisti nella corretta sequenza in base al tipo di disturbo.

LA VALUTAZIONE POSTURALE

POSTURA CORRETTA: L'IMPORTANZA DELLA VALUTAZIONE POSTURALE

Il corpo, in fase di sviluppo cresce sempre in maniera asimmetrica.

Parte destra e sinistra del corpo hanno sviluppi differenti, basta notare la diversa grandezza o allineamento degli occhi, la differente forza muscolare,  la differente conformazione degli arti.

Per cui ancora prima dell’adolescenza più o meno tutti i corpi tendono ad avere una postura scorretta:

  • Spalle incurvate in avanti
  • Chiusura del petto e della cassa toracica
  • Testa sbilanciata in avanti
  • Riduzione della lordosi (curva vertebrale lombare)
  • Appoggio scorretto e sbilanciato dei piedi
  • Diversa inclinazione e rotazione del bacino
  • Differente lunghezza delle gambe
  • Scorretta proporzione tra cifosi (curva vertebrale del collo) e lordosi

Tutto questo causa spesso affanno, ridotta capacità polmonare e disturbi respiratori, oltre a svariate problematiche che le persone possono accusare nell’arco della vita, nelle seguenti aree:

  • Collo (cervicale, dolori muscolari, formicolio braccia/mano)
  • Spalla (infiammazione di tendini e legamenti, presenza di calcificazioni)
  • Gomito (epicondilite, epitrocleite)
  • Mano (formicolio alle dita e/o insensibilità)
  • Schiena (schiacciamenti vertebrali, ernia, sciatica)
  • Gluteo (dolori muscolari)
  • Inguine (pubalgia)
  • Anca (artrosi, borsiti)
  • Ginocchio (lesione al menisco, lesione della cartilagine)
  • Caviglia (predisposizione a distorsioni)
  • Piede (alluce valgo, tallonite, fascite plantare, spina calcaneare, calli, vesciche, occhio di pernice)

La valutazione posturale

Individua i difetti del corpo che causano gli svariati sintomi elencati precedentemente.

Successivamente viene data una spiegazione di come correggere la postura a lungo termine e ridurre il più velocemente possibile i disturbi collegati.

Più la colonna vertebrale è elastica e la muscolatura respiratoria allenata, più la capacità polmonare aumenta.
Tramite la corsa, il nuoto o la bici non è possibile allenare la muscolatura respiratoria e quindi non si può aumentare la capacità polmonare…perché?
Perché qualsiasi muscolo per essere allenato necessità di una resistenza e quando inspiri ed espiri, l’aria non ne incontra, di conseguenza tutti i muscoli respiratori sono fermida sempre.

 

La ginnastica posturale

A SpiroTiger abbiamo abbinato una specifica tecnica di Osteopatia Posturale, una ginnastica posturale che consiste in movimenti della colonna in flessione – estensione – torsione, mentre si respira in contro resistenza. Questo fa sì che tutta la colonna vertebrale si elasticizzi e si recuperi la corretta posizione e proporzione delle curve vertebrali, eliminando e rendendo scomoda quella posizione “apparentemente” comoda con le spalle e il tronco incurvato in avanti, in particolar modo da seduti, che causa:

    • Rigidità muscolari di collo, spalle e schiena
    • Compressione dello stomaco (reflusso o ernia iatale)
    • Compressione del torace e riduzione del respiro
    • Compressione dell’intestino e difficoltà digestive
    • Riduzione della circolazione sopratutto degli arti inferiori, maggiormente in soggetti in sovrappeso
    • Compressione dell’inguine e delle anche
    • Compressione vertebrale (protusioni, ernie) e irritazione dei nervi (sciatica)

LA RIABILITAZIONE

La riabilitazione avviene attraverso i trattamenti di un fisioterapista, il quale si occupa, oltre che della cura e della riabilitazione delle patologie o disfunzioni nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali, anche di prevenzione e della valutazione funzionale (o diagnosi funzionale), Egli:

  • valuta e individua il bisogno di salute del paziente, se necessario lavorando anche in équipe multidisciplinare;
  • pratica autonomamente, con responsabilità e titolarità, attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive, utilizzando terapie fisiche, manuali e occupazionali;
  • propone l’adozione di ausili, addestra il paziente al loro uso e ne verifica l’efficacia;
  • verifica le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale.

I PROGRAMMI PER IL RIPRISTINO DELLA POSTURA CORRETTA E LA RIABILITAZIONE PRESSO IL BIOMEDIC CLINIC & RESEARCH

Presso il Dipartimento di Fisioterapia del Biomedic Clinic & Research vengono approntati programmi personalizzati per il ripristino della postura corretta e la riabilitazione, che consistono in diversi approcci affrontati singolarmente o in maniera complementare, a seconda delle necessità.

Questi includono: ginnastica posturale, ginnastica del respiro, fisiomassaggi, studio e creazione di plantari su misura, controllo e correzione della masticazione, manipolazione osteopatica.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

DIPARTIMENTO DI FISIOTERAPIA E POSTUROLOGIA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.