Medicina Integrata

cos'è la medicina integrata

COS’E’ LA MEDICINA INTEGRATA?

Per citare un articolo pubblicato sul National Library of Medicine (1), la medicina integrata (o medicina integrativa, come viene chiamata negli Stati Uniti) consiste nel praticare la medicina in modo da incorporare selettivamente elementi di medicina complementare e alternativa in piani di trattamento completi accanto a metodi di diagnosi e cura solidamente ortodossi.
La medicina integrata non è semplicemente un sinonimo di medicina complementare dal momento che quest’ultima si riferisce a trattamenti che possono essere utilizzati come complementi alle cure convenzionali e che di solito non vengono insegnati nelle scuole di medicina.

Mentre il significato e gli obiettivi della medicina integrata sono più ampi perché si concentra sulla salute e sulla guarigione piuttosto che sulla malattia e sul trattamento.  Coinvolge anche i pazienti e i medici che lavorano per mantenere la salute prestando attenzione ai fattori dello stile di vita come la dieta, l’esercizio fisico, la qualità del riposo e del sonno ed altri.

Integrare
Rendere completo dal punto di vista sia quantitativo che qualitativo, per lo più con l’aggiunta di elementi complementari.
Completare, rendere intero o perfetto, supplendo a ciò che manca o aggiungendo quanto è utile e necessario per una maggiore validità, efficienza, funzionalità. (Dizionario Treccani).
 
Integrato
In genere, che ha subìto un’integrazione, che è stato completato delle parti mancanti, o accresciuto con elementi aggiunti, oppure che è costituito di parti più o meno organicamente interconnesse. (Dizionario Treccani).
 
 

MEDICINA INTEGRATA AL BIOMEDIC CLINIC & RESEARCH

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

MEDICINA INTEGRATA IN AMBITO DIAGNOSTICO

Al Biomedic Clinic & Research, utilizzando la medicina integrata, le  sintomatologie sperimentate da parte del paziente, a seconda della tipologia di disturbo, possono essere diagnosticate, analizzate ed approfondite utilizzando tutti i seguenti strumenti: visita medica generale (che include esame obbiettivo, anamnesi e collloquio), analisi di laboratorio, test biofisici, visita medica specialistica, valutazione fisiatrica/fisioterapica, esami ecografici/ elettrocardiografici.

L’obiettivo è quello di individuare qualsiasi causa che si trovi alla base dell’origine del disturbo, non solo quindi la causa ultima, diretta responsabile della sintomatologia attualmente sperimentata dal paziente.

Esistono con-cause nelle sintomatologie e, al fine di risolvere effettivamente il problema, è importante risalire alla primaria origine che ha dato luogo allo sviluppo del disturbo attualmente sperimentato.

MEDICINA INTEGRATA IN AMBITO TERAPEUTICO

Il principio fondante dell’approccio terapeutico del Biomedic Clinic & Research è quello di attuare una terapia il più possibile compatibile con le regole naturali e strutturali dell’organismo sulla quale, tale terapia, viene applicata. Questo al fine di supportare le naturali capacità dell’organismo di provvedere alla propria riparazione e ricostruzione, in compatibilità con il “progetto” originario proprio di ciascun organismo, minimizzando al massimo eventuali effetti collaterali.

COSA VUOL DIRE QUESTO?

Vuol dire che, sulla base di un’ampia serie di informazioni ricavate nel processo di diagnosi, tutte specificamente rilevate sul singolo caso del paziente, è possibile delineare quale sia il miglior percorso terapeutico per il singolo caso, volto alla risoluzione o all’alleviamento (a seconda del caso) della fonte primaria che ha causato l’insorgenza del disturbo o della patologia.

Cosa include dunque l’approccio terapeutico con la Medicina Intergata?

Include in primo luogo le soluzioni prospettate dalla Medicina Convenzionale del nostro mondo occidentale, che rimane il punto di riferimento da cui partire per qualsiasi piano diagnostico e terapeutico. Include altresì, qualsiasi altra medicina che si sia dimostrata valida o che venga utilizzata con provati risultati di efficacia, anche se non “ufficialmente riconosciuta” dalla comunità scientifica internazionale (occidentale).  A titolo di esempio, basti pensare, banalmente, che la nostra medicina tradizionale non è la medicina ufficiale cinese (la quale non si può dire che non funizoni, osservando il livello di sopravvivenza e crescita della polpolazione cinese che la utilizza).

Questo quindi include la fitoterapia, l’omeopatia, la medicina naturale, e, nel caso del Biomedic Clinic & Research in particolare, la biofisica, che vengono prese in considerazione in relazione alla maggiore compatibilità con le naturali predisposizioni dell’organismo che viene preso in esame, non limitatamente alla risoluzione del sintomo o patologia manifestata, ma con l’obiettivo di rimuovere le cause alla base della manifestazione stessa.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE 

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

UN SUPPORTO ALLA MEDICINA CONVENZIONALE E AI PAZIENTI

Nello stesso articolo citato in precedenza vengono esposti anche altri punti di osservazione su cos’è la medicina integrata e su come possa venire in aiuto sia della medicina convenzionale che dei pazienti.

Alcuni limiti della medicina convenzionale

La medicina convenzionale è diventata dipendente da costose soluzioni tecnologiche ai problemi di salute, anche quando non sono particolarmente efficaci. Nel suo entusiasmo per la tecnologia, ha voltato le spalle all’olismo e ai semplici metodi di intervento, come l’aggiustamento della dieta e il training di rilassamento, che sono importanti in molti sistemi di medicina alternativa e sono spesso efficaci. (2) I pazienti vogliono delle guide che li aiutino a navigare nel confuso labirinto delle opzioni terapeutiche, in particolare quando gli approcci convenzionali sono relativamente inefficaci e nocivi.(3)

Alcuni limiti della medicina complementare

La maggior parte dei pazienti si rivolge alla medicina complementare per frustrazione. Le ricerche dimostrano che il processo di consultazione e l’approccio olistico adottato dai professionisti della medicina complementare fanno sì che i pazienti si sentano più padroni della loro malattia.(4,5) Purtroppo, questa opzione non è spesso disponibile perché i medici con le attitudini, le conoscenze e la formazione desiderate sono pochi. Tuttavia, le molteplici opzioni delle terapie complementari vanno da quelle sensate e degne di nota a quelle ridicole e persino pericolose, e i pazienti hanno bisogno di medici con le conoscenze biomediche per distinguerle.

La medicina convenzionale non può più ignorare la medicina complementare. In Gran Bretagna, un recente rapporto della “House of Lords select committee on science and technology” (6) ha riconosciuto che l’uso della terapia complementare è diffuso e in aumento. Almeno il 40% degli ambulatori generali nel Regno Unito fornisce alcuni servizi di medicina complementare.

LA MEDICINA INTEGRATA AL BIOMEDIC CLINIC & RESEARCH  

Al Biomedic Clinic & Research viene utilizzata la Medicina Convenzionale come fulcro, integrata con metodi diagnostici e terapici di comprovata e efficacia propri della Medicina Complementare, sotto la supervisione di un medico competente.

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

(1) Integrated medicine – ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1119398/

Articolo scritto da Lesley Rees, director of education del Royal College of Physicians, London NW1 4LE (ku.ca.nodno[email protected]) e Andrew Weil, director and professor of medicine Program in Integrative Medicine, dell’Università dell’Arizona, Tucson, AZ 85724-5018, USA ([email protected])

(2) Ornish D, Scherwitz LW, Billings JH, Brown SE, Gould KL, Merritt TA, et al. Intensive lifestyle changes for reversal of coronary heart disease. JAMA. 1998;280:2001–2007.

(3) Maizes V, Caspio O. The principles and challenges of alternative medicine; more than a combination of traditional and alternative therapies. West J Med. 1999;171:148–149.

(4) Austin JA. Why patients use alternative medicine. JAMA. 1998;279:1548–1553. 

(5) Lewith GT. Reflections on the nature of consultation. J Altern Complement Med. 1998;4:321–323.

(6) House of Lords. Complementary and alternative medicine. London: Stationery Office; 2000.