Apnee notturne

apnee notturne

Le apnee notturne sono una condizione in cui la respirazione si arresta involontariamente per brevi periodi di tempo durante il sonno. Normalmente, l’aria fluisce senza problemi dalla bocca e dal naso verso i polmoni in ogni momento.

I periodi in cui la respirazione si arresta sono chiamati apnea o episodi apneici. Nell’apnea notturna il normale flusso d’aria viene ripetutamente interrotto durante la notte.

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

TIPI DI APNEE NOTTURNE

I tre tipi di apnea notturna sono:

Ostruttiva: È il tipo più comune di apnea notturna, in cui le vie aeree diventano ristrette, bloccate o flosce.

Centrale: Non c’è blocco delle vie aeree, ma il cervello non segnala ai muscoli respiratori di respirare.

Mista: Si tratta di una combinazione di apnea ostruttiva e apnea centrale. Può verificarsi quando si dorme o quando si è svegli.

APNEA NOTTURNA OSTRUTTIVA

apnee notturne

In questo tipo di apnee notturne il flusso d’aria si ferma perché lo spazio delle vie aeree nella zona della gola è troppo stretto. Il russare è caratteristico dell’apnea notturna ostruttiva. Il russare è causato dalla compressione del flusso d’aria attraverso lo spazio ristretto delle vie aeree. L’apnea notturna non trattata può causare gravi problemi di salute come:

  • Ipertensione
  • Malattie cardiache
  • Ictus
  • Diabete

Una diagnosi e un trattamento adeguato sono essenziali per prevenire le complicazioni.

SINTOMI DI Apnee notturne OSTRUTTIVE

L’apnea notturna provoca episodi di diminuzione dell’apporto di ossigeno al cervello e ad altre parti del corpo. La qualità del sonno è scarsa, il che causa sonnolenza diurna e mancanza di chiarezza al mattino. Le persone con apnea del sonno possono anche sperimentare i seguenti sintomi:

  • Mal di testa che sono difficili da trattare
  • Sentirsi scontenti (scontroso)
  • Dimenticanza
  • Sonnolenza

Altri sintomi includono:

  • Iperattività nei bambini
  • Peggioramento della depressione
  • Scarso rendimento scolastico e professionale
  • Perdita di interesse per il sesso
  • Gonfiore alle gambe (chiamato edema, che può verificarsi quando l’apnea del sonno è grave)

La sonnolenza diurna mette a rischio le persone con apnea notturna in caso di incidenti automobilistici e industriali. Il trattamento può aiutare ad alleviare completamente la sonnolenza diurna causata dall’apnea notturna.

CAUSE DELLE Apnee notturne OSTRUTTIVE

L’apnea notturna ostruttiva è più probabile che si verifichi nelle persone anziane e nelle persone in sovrappeso. Le prove dimostrano che la perdita di peso causa un netto miglioramento dei sintomi. Dormire sulla schiena può aggravare l’apnea notturna.

CHI È A RISCHIO DI APNEA NOTTURNA OSTRUTTIVA?

Il rischio aumenta se si hanno condizioni o caratteristiche che restringono le vie aeree superiori. I fattori di rischio includono:

  • Bambini con tonsille grandi e adenoidi
  • Uomini con circonferenza del collo di 43 cm o più
  • Donne con circonferenza del collo di 40,6 cm o più
  • Lingua grande, che può bloccare le vie aeree
  • Retrognazia, cioè quando la mascella inferiore è più corta della mascella superiore
  • Palato stretto o una via respiratoria che crolla più facilmente

Le malattie cardiache sono più comuni nelle persone obese, e l’obesità è un fattore di rischio di malattie cardiache, pressione alta e apnea notturna.

TEST E TRATTAMENTI DI MEDICINA INTERGATA

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

DIAGNOSI DELLE Apnee notturne OSTRUTTIVE

La diagnosi di apnea notturna inizia con un’anamnesi completa ed un esame fisico. Una storia di sonnolenza diurna e di russare sono indizi importanti. Il medico esaminerà la testa e il collo per identificare eventuali fattori fisici associati all’apnea notturna. Il medico potrebbe chiedere al paziente di compilare un questionario sulla sonnolenza diurna, le abitudini del sonno e la qualità del sonno.

I test che possono essere eseguiti includono:

POLISONNOGRAMMA

Un polisonnogramma di solito richiede il pernottamento in un ospedale o in un centro di studio del sonno. Il test dura una notte intera. Mentre si dorme, il polisonnogramma misura l’attività di diversi sistemi organici associati al sonno. Può includere:

  • Elettroencefalogramma (EEG), che misura le onde cerebrali
  • Eelettro-oculogramma (EOM), che misura il movimento degli occhi
  • Elettromiogramma (EMG), che misura l’attività muscolare
  • Elettrocardiogramma (ECG), che misura la frequenza cardiaca e il ritmo cardiaco
  • Test pulsossimetrico, che misura le variazioni dei livelli di ossigeno nel sangue
  • Analisi dei gas sanguigni arteriosi (ABG)

 

ELETTROENCEFALOGRAMMA (EEG) E ELETTRO-OCULOGRAMMA (EOM)

Durante un EEG, al cuoio capelluto vengono attaccati degli elettrodi che monitorano le onde cerebrali prima, durante e dopo il sonno.

L’EOM registra i movimenti degli occhi. Un piccolo elettrodo è posto 1 centimetro sopra l’angolo esterno dell’occhio destro e un altro è posto 1 centimetro sotto l’angolo esterno dell’occhio sinistro. Quando gli occhi si allontanano dal centro, questo movimento viene registrato.

Le onde cerebrali e i movimenti degli occhi informano i medici sui tempi delle diverse fasi del sonno. Le fasi di sonno sono non-REM (movimento oculare non rapido) e REM (movimento oculare rapido). Il sogno, la diminuzione del tono e del movimento muscolare e la paralisi si verificano durante il sonno REM.

ELETTROMIOGRAMMA (EMG)

Durante l’EMG, due elettrodi vengono posizionati sul mento: uno sopra la mascella e l’altro sotto di essa. Un altro elettrodo viene posizionato su ogni stinco. Gli elettrodi EMG raccolgono l’attività elettrica generata durante i movimenti muscolari. Il rilassamento muscolare profondo dovrebbe avvenire durante il sonno. L’EMG raccoglie quando i muscoli si rilassano e si muovono durante il sonno.

 

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG)

Un elettrocardiogramma a 12 derivazioni può aiutare il medico a determinare la presenza di una malattia cardiaca. Anche l’ipertensione arteriosa di lunga durata può causare cambiamenti in un elettrocardiogramma. Il monitoraggio della frequenza cardiaca e del ritmo cardiaco permette ai medici di vedere se si verificano disturbi cardiaci durante gli episodi di apnea.

 

PULSOSSIMETRIA

In questo test, un piccolo dispositivo chiamato pulsossimetro viene agganciato su una sottile area del corpo che ha un buon flusso sanguigno, come la punta delle dita o il lobo dell’orecchio. Il pulsossimetro utilizza un piccolo emettitore con LED rossi e infrarossi per misurare la quantità di ossigeno nel sangue. La quantità di ossigeno nel sangue, o saturazione di ossigeno, diminuisce durante gli episodi di apnea. Normalmente, la saturazione di ossigeno si aggira intorno al 95-100%. Il vostro medico interpreterà i vostri risultati.

 

SANGUE ARTERIOSO GASSOSO (ABG)

In questo studio si usa una siringa per prelevare il sangue da un’arteria. I gas sanguigni arteriosi misurano diversi fattori nel sangue arterioso, tra cui:

  • Contenuto di ossigeno
  • Saturazione di ossigeno
  • Pressione parziale di ossigeno
  • Pressione parziale di anidride carbonica
  • Livelli di bicarbonato

Questo test darà al medico un quadro più dettagliato della quantità di ossigeno, anidride carbonica e dell’equilibrio acido-base del sangue. Lo aiuterà anche a sapere se e quando c’è bisogno di ossigeno extra.

TRATTAMENTO DELLE Apnee notturne OSTRUTTIVE

L’obiettivo per il trattamento dell’apnea notturna è di assicurarsi che il flusso d’aria non sia ostruito durante il sonno.

I metodi di trattamento includono:

PERDITA DI PESO

La perdita di peso dà un eccellente sollievo dai sintomi dell’apnea notturna ostruttiva.

DECONGESTIONANTI NASALI

I decongestionanti nasali hanno maggiori probabilità di essere efficaci nelle apnee lievi. Possono aiutare ad alleviare il russare.

PRESSIONE POSITIVA CONTINUA DELLE VIE AEREE (CPAP)

La terapia a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) è la prima linea di trattamento per l’apnea ostruttiva notturna. La CPAP viene somministrata attraverso una maschera facciale che viene indossata di notte. La maschera facciale fornisce delicatamente un flusso d’aria per mantenere le vie aeree aperte di notte. La CPAP è un trattamento altamente efficace per l’apnea notturna. Può essere necessario anche un dispositivo dentale per mantenere la mascella inferiore posizionata in avanti.

PRESSIONE POSITIVA DELLE VIE AEREE BILIVELLO (BIPAP O BPAP)

Le macchine a pressione delle vie aeree a bilivello positivo sono talvolta utilizzate per il trattamento delle apnee notturne se la terapia con CPAP non è efficace. Le macchine BiPAP hanno impostazioni, alte e basse, che rispondono alla respirazione. Ciò significa che la pressione cambia durante l’inspirazione rispetto all’espirazione.

TERAPIA POSIZIONALE

Poiché dormire in posizione supina può peggiorare l’apnea notturna per alcune persone, la terapia posizionale viene utilizzata per aiutare chi ne soffre ad imparare a dormire in altre posizioni. La terapia posizionale e l’uso della CPAP possono essere discussi con un professionista in un centro del sonno.

CHIRURGIA

Uvulopalatofaringeoplastica (UPPP)

Comporta la rimozione di tessuti extra dal retro della gola. L’UPPP è il tipo di chirurgia più comune per gli OSA, e aiuta ad alleviare il russare. Tuttavia, questa chirurgia non ha dimostrato di eliminare completamente l’apnea del sonno, e può avere complicazioni.

Tracheostomia

Può essere eseguita come procedura di ultima istanza. La tracheostomia perfora un’apertura nella trachea che bypassa l’ostruzione nella gola.

Altre procedure chirurgiche possono essere necessarie per correggere i problemi strutturali del viso e altrove quando l’apnea del sonno non risponde a trattamenti come la CPAP. Circa il 75% dei bambini con OSA a causa dell’ingrossamento delle tonsille o delle adenoidi ottiene un sollievo dalla chirurgia. L’American Sleep Apnea Association (ASAA) afferma che l’American Academy of Pediatrics ha approvato la rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi come trattamento di scelta per i bambini con problemi di sonno dovuti all’ingrossamento delle tonsille o delle adenoidi.

UN POSSIBILE NUOVO APPROCCIO PER FERMARE LE APNEE NOTTURNE OSTRUTTIVE

Da una ricerca del MIT (Massachussets Institute of Technology) finanziato dal National Institutes of Health nel 2017.

Un integratore alimentare derivato dalla corteccia degli alberi mostra risultati promettenti per il trattamento del disturbo.

YOHIMBINA

La yohimbina, una sostanza chimica derivata dalla corteccia dell’albero di yohimbe africano, ha una lunga storia di utilizzo da parte dell’uomo come afrodisiaco, e più recentemente è stata utilizzata dai culturisti per bruciare i grassi. Tuttavia, non è approvato dalla FDA per nessuno di questi usi. Chi-Sang Poon, un importante ricercatore presso l’Istituto di Ingegneria e Scienza Medica del MIT (IMES), afferma che mentre i risultati dello studio ostruttivo sull’apnea notturna sono promettenti, le persone non dovrebbero iniziare a prendere il farmaco da soli, specialmente quelli che anche soffre di malattie cardiache, ipertensione o disturbi d’ansia.

“Le persone che hanno questi problemi potrebbero essere a rischio se usano la yohimbina”, afferma Poon, l’autore senior dello studio. “Prima che vengano condotti studi clinici, non è consigliabile che il pubblico lo provi da solo.”

APNEA NOTTURNA CENTRALE

APNEE NOTTURNE CENTRALI

L’apnea notturna centrale è un disturbo del sonno in cui si smette di respirare brevemente durante il sonno. Momenti di apnea possono verificarsi ripetutamente durante la notte mentre si dorme. L’interruzione della respirazione può indicare un problema di segnalazione del cervello. Il cervello “dimentica” momentaneamente di dire ai muscoli di respirare.

L’apnea notturna centrale non è uguale all’apnea ostruttiva. L’apnea ostruttiva del sonno è l’interruzione della respirazione dovuta all’ostruzione delle vie aeree. Le persone che soffrono di apnea notturna centrale non hanno blocchi delle vie respiratorie. Il problema è nella connessione tra il cervello e i muscoli che controllano il respiro.

L’apnea notturna centrale è molto meno comune dell’apnea ostruttiva. L’American Sleep Apnea Association (ASAA) stima che l’apnea del sonno centrale rappresenta circa il 20% di tutti i casi di apnea del sonno.

SINTOMI DELLE Apnee notturne CENTRALI

Il sintomo più comune dell’apnea notturna centrale  è rappresentato da brevi periodi durante il sonno quando la respirazione si arresta. Alcune persone mostrano una respirazione molto superficiale invece di smettere di respirare. Ci si può svegliare sentendosi a corto di fiato. La mancanza di ossigeno può causare il risveglio frequente durante la notte e può portare all’insonnia.

Altri sintomi associati all’apnea del sonno centrale si verificano durante il giorno come risultato di un sonno interrotto. Durante il giorno si può sentire molto assonnato, avere difficoltà a concentrarsi o a concentrarsi sui compiti, o avere mal di testa al risveglio.

L’apnea del sonno centrale causata dal morbo di Parkinson o da altre condizioni neurologiche può essere caratterizzata da sintomi aggiuntivi, tra cui:

  • Difficoltà di deglutizione
  • Cambiamenti nei modelli di discorso
  • Cambiamenti nella voce
  • Debolezza generalizzata

CAUSE DELLE Apnee notturne CENTRALI

Le condizioni di salute sottostanti causano la maggior parte dei casi di apnea notturna centrale. Durante un episodio di apnea del sonno centrale, il tronco encefalico non dice ai muscoli respiratori di funzionare correttamente. Il tronco encefalico è la sezione del cervello che si collega al midollo spinale. Le condizioni mediche che colpiscono il tronco encefalico, il midollo spinale o il cuore possono causare lo sviluppo dell’apnea notturna centrale.

Patologie

Esempi di queste patologie includono:

  • Ictus
  • Infarto
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Un modello di respirazione debole chiamato Cheyne-Stokes respirazione
  • Encefalite (infiammazione del cervello)
  • Artrite del rachide cervicale
  • Morbo di Parkinson (un deterioramento legato all’età di alcuni sistemi nervosi che influenza il movimento, l’equilibrio e il controllo muscolare)
  • Interventi chirurgici o trattamenti con radiazioni nella colonna vertebrale

Farmaci

Alcuni farmaci possono anche causare un tipo di apnea del sonno centrale chiamata apnea indotta da farmaci. Gli oppioidi sono potenti antidolorifici che possono portare a respiri irregolari. In alcuni casi, si può temporaneamente interrompere la respirazione come parte di questo modello irregolare.

I farmaci che possono contribuire all’apnea del sonno centrale includono:

  • Codeina
  • Morfina
  • Ossicodone

Se il medico non è in grado di identificare la causa dell’apnea del sonno centrale, allora si è in presenza di un’apnea del sonno centrale idiopatica.

DIAGNOSI DELLE Apnee notturne CENTRALI

Il medico ordinerà un test di studio del sonno chiamato Polisonnografia per diagnosticare l’apnea del sonno centrale. Il test si effettua durante la notte mentre si dorme in un apposito centro del sonno. Durante una polisonnografia, il paziente avrà degli elettrodi sulla testa e sul corpo per misurare i livelli di ossigeno, l’attività cerebrale, il modello di respirazione, la frequenza cardiaca e la funzione polmonare.

Il medico, un neurologo e, a volte, un cardiologo monitoreranno il paziente ed esamineranno i risultati della polisonnografia. I risultati possono aiutare a determinare la causa alla base dell apnea.

Anche una risonanza magnetica alla testa o alla colonna vertebrale può diagnosticare l’apnea notturna centrale. La risonanza magnetica utilizza le onde radio per generare immagini degli organi. Il test può rivelare che le anomalie strutturali nel tronco encefalico o nella colonna vertebrale stanno causando l’apnea centrale del sonno.

TRATTAMENTO DELLE Apnee notturne CENTRALI

La gestione delle condizioni mediche sottostanti è la prima linea di trattamento per l’apnea notturna centrale. I farmaci possono aiutare a controllare l’insufficienza cardiaca congestizia, il morbo di Parkinson e altre patologie del cuore o del sistema nervoso.

Potrebbe essere necessario interrompere l’uso di farmaci oppiacei se questi farmaci causano l’arresto della respirazione durante il sonno. Il medico può anche prescrivere farmaci come l’acetazolamide per stimolare il meccanismo di respirazione.

L’integrazione di ossigeno e la regolazione della pressione dell’aria durante il sonno sono trattamenti efficaci per molte persone con apnea del sonno centrale.

PRESSIONE POSITIVA CONTINUA DELL’ARIA (CPAP)

Il CPAP fornisce una fonte costante di pressione nelle vostre vie aeree mentre dormite. Si indossa una maschera sul naso e sulla bocca che fornisce aria compressa per tutta la notte. La CPAP tratta l’apnea ostruttiva del sonno, ma può anche essere utile per le persone con apnea del sonno centrale.

PRESSIONE POSITIVA DELL’ARIA A DUE LIVELLI (BPAP)

Questo trattamento regola la pressione dell’aria ad un livello più alto quando si inala e ad un livello più basso quando si espira. La BPAP utilizza anche una maschera facciale.

SERVO-VENTILAZIONE ADATTIVA (ASV)

ASV controlla la respirazione mentre si dorme. Il sistema computerizzato “ricorda” il vostro modello di respirazione. Un sistema pressurizzato regola il modello di respirazione per prevenire episodi di apnea.

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLE Apnee notturne PRESSO IL BIOMEDIC

Patologie di natura infiammatoria, metabolica, infettiva, allergica, autoimmunitaria vengono trattate presso il Biomedic Clinic & Research avvalendosi della Medicina Integrata. Ciò si traduce in un approccio personalizzato che prende in considerazione metodi diagnostici e terapeutici propri sia della medicina tradizionale che di quella naturale, al fine di occuparsi anche delle cause scatenanti di un determinato disturbo, riferite al singolo paziente. 

Per la diagnosi ed il trattamento delle apnee notturne è possibile effettuare un test biofisico completo, seguito da trattamenti di medicina integrata, i quali possono includere trattamenti biofisici, posturali, bite, piano nutrizionale personalizzato e terapie di medicina naturale e/o tradizionale, in base a quanto emerso in fase di diagnosi.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE 

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Apnea: Understanding and treating apnea. (n.d.) Retrieved from healthysleep.med.harvard.edu/sleep-apnea/

BiLevel Positive Airway Pressure. (n.d.)

Mayo Clinic Staff. (2013, June 15). Obstructive sleep apnea. From
mayoclinic.org-diseases-conditions/obstructive-sleep-apnea/basics/definition/con-20027941

Pulse oximetry (n.d.)
hopkinsmedicine.org-healthlibrary/test_procedures/pulmonary/oximetry_92,P07754/

Obstructive sleep apnea. (n.d.)
ncbi.nlm.nih.gov-pubmedhealth/PMHT0024431/

OSA treatment options. (n.d.)
sleepapnea.org-treat/treatment-options.html

Sleep apnea. (n.d)
sleepapnea.org/-earn/sleep-apnea.html

news.mit.edu/2017/dietary-supplement-stop-obstructive-sleep-apnea-0223

Central sleep apnea. (n.d.)
sleepapnea.org-learn/sleep-apnea/central-sleep-apnea.html

Mayo Clinic Staff. (2013, June 28). Central sleep apnea
mayoclinic.org-diseases-conditions/central-sleep-apnea/basics/definition/con-20030485

Singh, J. (2013, January 8). Basics of central sleep apnea
acc.org-latest-in-cardiology/articles/2014/07/22/08/25/basics-of-central-sleep-apnea

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.