Caricamento in corso ...

Morbo di Crohn

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Le risponderemo quanto prima
 

Valutazione medica gratuita

Morbo di Crohn

Il morbo di Crohn è un'enterite (infiammazione dell'intestino tenue) cronica.

Si tratta di un’infiammazione dell’apparato digerente che colpisce più comunemente l’intestino tenue ma ha il potenziale di influenzare qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, dalla bocca all’ano.

Il morbo di Crohn fa parte delle malattie infiammatorie croniche intestinali (inflammatory bowel disease, IBD), di cui per esempio fanno parte anche la colite ulcerosa e la colite microscopica.

Questa condizione fu descritta per la prima volta da Crohn, Ginzburg e Oppenheimer nel 1932, ma non fu distinta dalla colite ulcerosa fino al 1959.

I pazienti presentano una serie di sintomi, tra cui dolori addominali, crampi e diarrea, che possono essere complicati da fistole intestinali, in particolare dopo un intervento chirurgico, da ascessi e da ostruzione intestinale.

LA MALATTIA

La malattia di Crohn è una malattia cronica, il che significa che probabilmente i pazienti sperimenteranno periodi in cui i sintomi sono attivi, seguiti da periodi di remissione in cui potrebbero non notare alcun sintomo.

A differenza della colite ulcerosa, la malattia di Crohn può verificarsi in qualsiasi punto lungo il tratto gastrointestinale. I siti più comunemente coinvolti alla presentazione sono l'ileo terminale, la valvola ileocecale e il cieco.

La malattia è limitata all'intestino tenue in circa il 40-50% dei casi, mentre un altro 30-40% dei casi coinvolge sia l'intestino tenue che il colon.

SINTOMI E SEGNI

Indipendentemente dalla posizione della malattia, il morbo di Crohn di solito segue un decorso cronico e graduale con periodi di remissione anche lunghi. I pazienti presentano comunemente sintomi tra cui:

  • Crampi nel quadrante in basso a destra o dolore intorno all’ombelico che è spesso alleviato dalla defecazione
  • Alcuni pazienti riportano un dolore più diffuso e costante.
  • Diarrea prolungata senza sangue con associata perdita di peso associata e possibili sindromi da malassorbimento
  • Se è coinvolto il colon, la diarrea può contenere sangue, muco e pus.
  • Febbre di basso grado e sensazione di affaticamento generale e malessere
  • Nei bambini, scarsa crescita inspiegabile, in aggiunta ai sintomi di cui sopra.

Altri sintomi possono includere:

  • Ostruzione: stitichezza, o ostruzione completa a causa dev’ispessimento della parete intestinale
  • Dolori articolari
  • Nausea e perdita dell’appetito
  • Afte in bocca
  • Infiammazione della cistifellea
  • Infiammazione della pelle

Sintomi oltre l’intestino

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) può causare sintomi sistemici al di fuori del tratto gastrointestinale che incidono sulla salute generale e sulla qualità della vita.

  • Rossore o dolore agli occhi o alterazioni della vista
  • Anemia
  • Afte in bocca
  • Articolazioni gonfie e dolorose
  • Complicanze della pelle, come protuberanze, piaghe o eruzioni cutanee
  • Febbre
  • Nausea
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso
  • Fatica
  • Sudorazioni notturne
  • Perdita del normale ciclo mestruale
  • Osteoporosi
  • Calcoli renali
  • Complicanze epatiche rare, inclusa colangite sclerosante primaria e cirrosi

CAUSE

Le esatte cause del morbo di Crohn sono sconosciute, ma ci sono diversi fattori di rischio noti, tra cui la storia familiare, il fumo, l’uso di contraccettivi orali, la dieta ed anche l’etnia.

 

Genetica

Esiste una chiara predisposizione genetica per il morbo di Crohn. I parenti di primo grado hanno un aumento dell'incidenza del 13-18% e vi sono tassi di concordanza del 50% nei gemelli monozigoti.

 

Ambiente

Anche fattori ambientali, in particolare il fumo di sigaretta, sono coinvolti in questa malattia. Il fumo di tabacco raddoppia il rischio di contrarre il morbo di Crohn  sia iniziale che nelle ricadute, diversamente dall'apparente effetto protettivo del tabacco osservato nella colite ulcerosa.

Dieta e stress possono aggravare la malattia di Crohn, ma non la causano.

Comunque il miglioramento delle condizioni di conservazione degli alimenti e la riduzione della contaminazione degli alimenti possono contribuire a diminuirne l’incidenza.

 

Reazione autoimmune

Il morbo di Crohn può essere causato da una reazione autoimmune, una condizione in cui il sistema immunitario attacca cellule sane dell’organismo.

Il sistema immunitario di una persona di solito attacca e uccide invasori stranieri come batteri, virus, funghi e altri microrganismi. Durante una normale risposta immunitaria, le cellule viaggiano fuori dal sangue verso l'intestino e producono infiammazione. In circostanze normali, i batteri innocui presenti nel tratto gastrointestinale sono protetti da un attacco del sistema immunitario.

Nelle persone con IBD questi batteri innocui vengono scambiati per invasori stranieri e il sistema immunitario fornisce una risposta.

L'infiammazione causata dalla risposta immunitaria non scompare. Ciò porta a infiammazione cronica, ulcerazione, ispessimento della parete intestinale e, infine, ai sintomi del morbo di Crohn.

CURA

Una combinazione di opzioni di trattamento può aiutare a mantenere il controllo della malattia e a condurre una vita piena e gratificante. Non esiste un trattamento standard che funzionerà per tutti i pazienti. La situazione di ciascun paziente è diversa e il trattamento deve essere seguito per ogni circostanza.

Il trattamento per il Morbo di Crohn e altre varietà di IBD può includere l'uso di farmaci, modifiche della dieta e della nutrizione e talvolta procedure chirurgiche per riparare o rimuovere le parti interessate del tratto gastrointestinale.

 

Trattamento con i farmaci:

Il trattamento con i farmaci è la prima opzione terapeutica. Gli obiettivi principali del trattamento medico sono raggiungere la remissione (assenza di sintomi), mantenere la remissione (prevenire la comparsa di sintomi) e migliorare la qualità della vita.

Non esiste un regime standard per la gestione di tutte le persone con IBD. L'approccio al trattamento deve essere personalizzato per l'individuo. I fattori che determinano l'approccio al trattamento includono:

  1. Gravità della malattia
  2. Posizione anatomica della malattia
  3. Precedente risposta ai farmaci
  4. Effetti collaterali dei farmaci
  5. Comorbidità (altre malattie o condizioni mediche che la persona ha)

 

Esistono cinque categorie principali di farmaci usati per trattare l'IBD:

Aminosalicilati: sono composti amminici anti-in che contengono acido 5-aminosalicilico (5-ASA). Esempi sono sulfasalazina, balsalazide, mesalamina e olsalazina. Questi farmaci (somministrati per via orale o rettale) agiscono per ridurre l’infiammazione delle pareti intestinali. Sono usati principalmente per trattare la colite ulcerosa, sia per ridurre i sintomi che per mantenere la remissione, ma potrebbero non essere altrettanto efficaci nel trattamento della malattia di Crohn.

 

Corticosteroidi: questi farmaci, che includono prednisone, prednisolone e budesonide, influenzano la capacità del corpo di avviare e mantenere un processo infiammatorio. Mantengono il sistema immunitario sotto controllo. Sono efficaci per il controllo a breve termine delle ricadute. Non sono raccomandati per l'uso a lungo termine o di mantenimento a causa dei loro effetti collaterali, che possono includere infezioni, perdita di massa ossea, aumento di peso, cataratta, fragilità della pelle, disturbi del sonno e sbalzi d’umore.

 

Immunomodulatori: questa classe di farmaci modifica l'attività del sistema immunitario in modo tale che non possa causare continue infiammazioni. Esempi includono azatioprina, 6-mercaptopurina (6-MP) e metotrexato. Questi farmaci sono generalmente usati per mantenere la remissione nelle persone che non hanno risposto ad altre medicine o che hanno risposto solo agli steroidi.

 

Antibiotici: gli antibiotici ciprofloxacina e metronidazolo hanno un modesto beneficio per le persone in cui la malattia di Crohn colpisce il colon o l'area intorno all'ano. Possono essere utilizzati quando si verificano infezioni, come ascessi. Non ci sono prove scientifiche sostanziali a supporto dell'uso di antibiotici nel trattamento della colite ulcerosa.

 

Terapie biologiche: questi sono i trattamenti più recenti sviluppati per le IBD. Le terapie biologiche sono indicate per le persone con malattia da moderata a gravemente attiva che non hanno risposto bene alla terapia convenzionale. Quattro di questi agenti (adalimumab, certolizumab pegol, golimumab e infliximab) prendono di mira una proteina infiammatoria chiamata fattore di necrosi tumorale (TNF). Natalizumab e vedolizumab agiscono bloccando l'ingresso di alcuni tipi di globuli bianchi nei tessuti infiammati.

 

Per i trattamenti più aggiornati approvati per le IBD, rimandiamo alla consultazione del sito della Crohn’ s & Colitis Foundation of America (ccfa.org). La Fondazione, con sede a New York, si occupa della ricerca sulle malattie infiammatorie intestinali (IBD) sin dalla sua fondazione, risalente ad oltre 50 anni fa.

 

Dieta e nutrizione

Mentre la malattia di Crohn potrebbe non essere il risultato di cattive reazioni a determinati alimenti, prestare particolare attenzione alla dieta può aiutare a ridurre i sintomi, sostituire i nutrienti persi e promuovere la guarigione.

Per le persone a cui è stata diagnosticata la malattia di Crohn, è essenziale mantenere una buona alimentazione perché spesso Crohn riduce l'appetito e aumenta il fabbisogno energetico del corpo. Inoltre, i sintomi comuni di Crohn come la diarrea possono ridurre la capacità del corpo di assorbire proteine, grassi, carboidrati, nonché acqua, vitamine e minerali.

Molte persone che soffrono di riacutizzazioni della malattia di Crohn scoprono che i cibi morbidi e insipidi causano meno fastidi rispetto ai cibi piccanti o ricchi di fibre. Mentre la dieta può rimanere flessibile e dovrebbe includere una varietà di cibi di tutti i gruppi alimentari, il medico probabilmente consiglierà di limitare l'assunzione di prodotti lattiero-caseari se si trova che la persona è intollerante al lattosio.

.

Riposo intestinale

In caso di forme gravi, può essere necessario far riposare l’intestino per periodi che oscillano da qualche giorno a diverse settimane. Il riposo intestinale consiste nel bere solo alcuni liquidi, senza mangiare o bere altro.

Durante il riposo intestinale, il medico può:

  • prescrivere l’assunzione di liquidi contenenti nutrienti,
  • somministrare un liquido che contiene nutrienti attraverso un apposito sondino inserito nello stomaco o nell’intestino tenue,
  • sottoporre il paziente ad alimentazione endovenosa tramite uno speciale catetere inserito in una vena del braccio.

Il trattamento può richiedere il ricovero ospedaliero o essere erogabile a casa. Nella maggior parte dei casi, il periodo di riposo consente all’intestino di guarire.

 

Trattamento chirurgico

I farmaci potrebbero non controllare adeguatamente i sintomi per tutti i pazienti affetti da IBD e alcune persone sviluppano complicanze che richiedono un intervento chirurgico.

In genere, la chirurgia viene raccomandata per trattare:

  • fistole
  • sanguinamenti potenzialmente mortali
  • ostruzioni intestinali
  • effetti collaterali dei farmaci se tali da mettere a rischio la salute
  • i sintomi, se i farmaci si rivelano inefficaci.

Possono essere eseguiti diversi tipi di procedure chirurgiche per la malattia di Crohn, a seconda del motivo dell'intervento, della gravità della malattia e della posizione della malattia nell'intestino. Tutte richiedono anestesia generale e degenze ospedaliere di 3 -7 giorni dopo l’intervento. Il pieno recupero necessita di 4 – 6 settimane.

Il trattamento chirurgico non risolve la malattia, ma può essere necessario in caso di complicanze o aiutare a prolungare i periodi di remissione.

Circa il 30% dei pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per la malattia di Crohn sperimentano recidiva dei loro sintomi entro tre anni e fino al 60% avrà recidiva entro dieci anni.

 

In un articolo sul blog trattiamo in dettaglio  le diverse procedure chirurgiche che possono essere eseguite per il morbo di Crohn

 

Trattamento delle complicanze del morbo di Crohn

Le seguenti complicanze del morbo di Crohn possono necessitare di trattamenti specifici:

  • Ostruzione intestinale. Un’ostruzione completa è potenzialmente mortale. Rappresenta un’emergenza medica. Spesso, necessita di un intervento chirurgico.
  • Fistole. La gestione delle fistole dipende dal tipo e dalla gravità. In alcuni soggetti, le fistole guariscono con farmaci e variazioni della dieta, in altri si rende necessari la chirurgia.
  • Ascessi. Vengono trattati con antibiotici e con il drenaggio. Quest’ultimo può essere eseguito per via percutanea con un ago o aver bisogno di chirurgia.
  • Ragadi anali. La maggior parte delle ragadi guarisce con un trattamento conservativo, a base di unguenti, bagni caldi e modifiche della dieta.
  • Ulcere. In genere, il trattamento del morbo di Crohn è efficace anche sulle ulcere.
  • Malnutrizione. Può essere necessario somministrare liquidi per via endovenosa o nutrienti tramite sondino per reintegrare le perdite.
  • Infiammazioni in altre parti del corpo. Posso essere trattate cambiando i farmaci o prescrivendo ulteriori medicinali.

______________________________________________________________________

Riferimenti:

Pubblicazione della Crohn’ s & Colitis Foundation of America - THE FACTS ABOUT

Inflammatory Bowel Diseases - https://www.crohnscolitisfoundation.org/sites/default/files/2019-02/Updated%20IBD%20Factbook.pdf

Sito della Crohn’ s & Colitis Foundation of America - crohnscolitisfoundation.org/what-is-crohns-disease

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.