Dispnea

Sintomi  |  Cause  |   Diagnosi |  Approfondimenti  |  Trattamento  |  Diagnosi e Trattamento della patologia con la Medicina Integrata presso il Biomedic Clinic & Research

dispnea

Se ci si è trovati nella condizione di non riuscire ad inspirare sufficiente aria, si è sperimentato ciò che, dal punto di vista medico, è noto come dispnea. La mancanza di respiro può essere un sintomo di problemi di salute, spesso legati a malattie cardiache o polmonari.

Ma è possibile provare una dispnea temporanea anche dopo un allenamento intenso.

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

SINTOMI DI Dispnea

Il sintomo principale della dispnea è la respirazione affannosa. Può durare uno o due minuti dopo un’attività faticosa. Oppure potrebbe essere un problema cronico. Si potrebbe provare la sensazione costante di non far entrare abbastanza aria nei polmoni. In casi gravi, potrebbe sopraggiungere la sensazione di soffocare. Gli attacchi di dispnea possono anche causare un senso di costrizione toracica.

La dispnea che si verifica dopo un intenso esercizio fisico è comprensibile. Tuttavia, consultare un medico se si verifica una delle seguenti condizioni:

  • Si è a corto di fiato prima di quanto lo si era in precedenza dopo l’attività fisica.
  • Si è senza fiato dopo un’attività che si gestiva senza problemi.
  • Si inizia a provare dispnea senza alcuna spiegazione.

 

I SEGNI DELLA DISPNEA INCLUDONO:

  • Mancanza di respiro dopo lo sforzo oppure a causa di una patologia
  • Sensazione di soffocamento causata da difficoltà respiratorie
  • Respiro affannoso
  • Senso di oppressione al petto
  • Respirazione rapida e superficiale
  • Palpitazioni
  • Respiro sibilante
  • Tosse

Se la dispnea si verifica improvvisamente o se i sintomi sono gravi, può essere un segno di una grave patologia.

ORTOPNEA

Le difficoltà respiratorie da sdraiati solitamente vengono attribuite alla ortopnea (dispnea da decubito viene definita come la comparsa di difficoltà respiratoria in posizione supina e più in generale da distesi). L’ortopnea è causata da disturbi cardiaci, in particolare è un sintomo caratteristico dell’insufficienza ventricolare sinistra.

Il ventricolo sinistro del cuore non può pompare il volume aggiuntivo di sangue necessario in posizione supina. Ciò aumenta la pressione nelle vene polmonari, provocando la fuoriuscita di liquido nei polmoni, con conseguente mancanza di respiro.

 

DISPNEA PAROSSISTICA NOTTURNA

La mancanza di respiro potrebbe anche verificarsi improvvisamente durante il sonno. In questo caso si parla di dispnea parossistica (che significa improvviso e di breve durata) notturna.

La dispnea parossistica notturna (PND) è una condizione che provoca improvvisa mancanza di respiro durante il sonno. Questa difficoltà di respirazione può far svegliare una persona senza fiato. Anche questa manifestazione è riconducibile principalmente ad una insufficienza cardiaca.

I sintomi sono:

  • Svegliarsi senza fiato dopo essersi addormentati (circa 1 o 2 ore dopo)
  • Tosse dopo il risveglio
  • Insonnia
  • Ansia
donna con dispnea, mancanza di respiro, fiato corto

CAUSE DELLA Dispnea

Chi hai mai corso o nuotato per una gara, sa che potrebbero essere necessari alcuni minuti per riprendere fiato. Si potrebbe avere difficoltà a respirare ossigeno a sufficienza per soddisfare la crescente domanda del corpo. In un corpo sano, tuttavia, il respiro si calmerà presto e si tornerà a respirare regolarmente nel giro di pochi minuti.

L’esercizio fisico è solitamente un fattore scatenante per la dispnea a breve termine.

L’altitudine elevata può essere un altro fattore scatenante: trovarsi ad un’altitudine elevata a cui non si è abituati,  si potrebbe provare dispnea temporanea per via del minor ossigeno disponibile.

Le condizioni che provocano un’improvvisa mancanza di respiro e dovrebbero essere trattate come emergenze, includono:

  • Asma
  • Ansia
  • Polmonite
  • Soffocamento o inalazione di qualcosa che blocca i passaggi respiratori
  • Reazioni allergiche
  • Anemia
  • Grave perdita di sangue, con conseguente anemia
  • Esposizione a livelli pericolosi di monossido di carbonio
  • Arresto cardiaco
  • Ipotensione (pressione bassa)
  • Embolia polmonare (un coagulo di sangue in un’arteria del polmone)
  • Polmone collassato
  • Ernia iatale

Si potrebbe sperimentare una dispnea improvvisa nel caso di ingestione di un boccone di cibo o qualche altro oggetto che ostruisce le vie respiratorie.

Anche una lesione che danneggia un polmone o che provoca una rapida perdita di sangue, renderà più difficile la respirazione.

CAUSE DELLA DISPNEA CRONICA

Quando la mancanza di respiro non è un’emergenza improvvisa, ma è invece un problema che persiste per almeno quattro settimane, è considerata cronica. Esempi di cause di dispnea cronica includono:

  • La Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), che include anche l’enfisema e la bronchite cronica
  • La Malattia polmonare interstiziale (cicatrizzazione del tessuto polmonare)
  • Debilitazione fisica
  • Obesità
  • Cardiopatia

L’asma può essere sia un problema cronico che un’emergenza a breve termine, a seconda della natura della condizione e della disponibilità di un inalatore per trattare un attacco improvviso. Se si soffre di asma, sarebbe opportuno consultare il proprio medico per sapere come rispondere ai sintomi e cosa è possibile fare per prevenire problemi respiratori.

ALTRE CAUSE

Alcune condizioni polmonari aggiuntive possono causare anche mancanza di respiro.

Esempi sono:

  • Laringotracheobronchite (infiammazione della laringe, della trachea e dell’albero bronchiale che si verifica soprattutto in individui molto giovani – parte con un bruciore intenso alla gola e con una tosse persistente. La voce diventa rauca)
  • Lesione polmonare traumatica
  • Cancro ai polmoni
  • Tubercolosi
  • Pleurite (infiammazione nei tessuti che circondano i polmoni)
  • Edema polmonare (si verifica quando una quantità eccessiva di liquido si raccoglie nei polmoni)
  • Ipertensione polmonare (aumento della pressione sanguigna nelle arterie dei polmoni)
  • Sarcoidosi (gruppi di cellule infiammatorie crescono nei polmoni)

La mancanza di respiro è stata anche collegata ai seguenti problemi cardiaci:

  • Cardiomiopatia (una serie di malattie che colpiscono il muscolo cardiaco)
  • Problemi di ritmo cardiaco
  • Arresto cardiaco
  • Pericardite, infiammazione del tessuto che circonda il cuore)

 

FATTORI SCATENANTI DELLA DISPNEA

Gli inquinanti ambientali come prodotti chimici, fumi chimici, polvere e fumo (di legna o di sigaretta) possono rendere più difficile la respirazione per chi soffre di dispnea.

L’esposizione ad allergeni come polline o muffe può innescare episodi di dispnea nelle persone affette da asma.

Alcuni inquinanti, come il fumo di tabacco, sono auto-somministrati e prevenibili.

INDAGINI E PROGRAMMI MIRATI DI MEDICINA INTEGRATA

indagini e trattamenti di medicina integrata e naturale

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

DIAGNOSI DI Dispnea

Il medico di solito sarà in grado di diagnosticare la dispnea sulla base di un esame fisico completo, insieme a una descrizione completa delle sue esperienze.

Richiederà al paziente di spiegargli come e quando sono iniziati i suoi attacchi di dispnea, per quanto tempo durano, con quale frequenza si verificano e quanto sono gravi.

E’ possibile effettuare radiografie del torace e TAC per formulare una diagnosi più specifica di dispnea e valutare la salute del cuore, dei polmoni e dei sistemi correlati.

Un elettrocardiogramma (ECG) può aiutare a mostrare eventuali segni di infarto o altri problemi elettrici nel cuore.

I test spirometrici  vengono utilizzati per misurare il flusso d’aria e la capacità polmonare del paziente. Questo può aiutare a individuare il tipo e l’entità dei problemi respiratori di un individuo. Ulteriori test possono esaminare il livello di ossigeno nel sangue di un paziente e la capacità del sangue di trasportare ossigeno.

APPROFONDIMENTI

PREVENZIONE DELLA DISPNEA

Prevenire la dispnea significa evitare o gestire le sue numerose possibili cause. Il fattore di rischio più evidente per la mancanza di respiro è il fumo. Non è mai troppo tardi per smettere. La salute dei polmoni e del cuore inizierà a migliorare entro poche ore dall’ultima sigaretta.

Anche l’inquinamento atmosferico e le sostanze chimiche presenti nell’aria possono causare problemi respiratori.Quindi, se si lavora in un ambiente con scarsa qualità dell’aria, sarebbe opportuno considerare l’utilizzo di una maschera per filtrare gli irritanti polmonari e assicurarsi che il posto di lavoro sia ben ventilato.

Mantenere un peso sano può aiutare ad evitare una serie di problemi di salute.

TRATTAMENTO DELLA Dispnea

QUANDO RIVOLGERSI AD UN DOTTORE

Dal momento che la dispnea inspiegabile può essere un segno di una grave malattia, in caso di manifestazioni, è sicuramente consigliabile rivolgersi al medico. Se improvvisamente sono presenti anche altri sintomi, come vertigini o dolore al petto, è necessario intervenire tempestivamente richiedendo assistenza di emergenza.

Se il respiro affannoso peggiora quando si sta sdraiati, è un segno di insufficienza cardiaca. Si dovrebbe consultare un medico al più presto per ottenere una diagnosi corretta.

Se la mancanza di respiro è accompagnata da tosse, può essere un segno di BPCO o di polmonite. Brividi, febbre e tosse che produce catarro sono anche sintomi di polmonite. Consultare un dottore. La polmonite è un’infezione dei polmoni. Può essere molto grave, soprattutto negli anziani, e può portare al ricovero e persino alla morte se non trattata adeguatamente.

Per riepilogare quindi, la dispnea non causata da gravi patologie (ed al fine di diminuire il rischio di una loro insorgenza), può essere prevenuta adottando i seguenti accorgimenti:

  • Smettere di fumare
  • Evitare il fumo passivo ove possibile
  • Evitare altri fattori ambientali come fumi chimici e fumo di legna
  • Perdere peso, poiché questo può ridurre lo stress su cuore e polmoni e rendere più facile l’esercizio fisico ed entrambi possono rafforzare i sistemi cardiovascolare e respiratorio

Trattare la dispnea di solito significa trattare la causa sottostante.

 

DIETA ED ESERCIZIO FISICO

Se l’obesità e uno scarso livello di forma fisica sono la causa della dispnea, bisognerà mangiare pasti più sani, perdere peso e fare dell’esercizio fisico.

 

RIABILITAZIONE POLMONARE

La BPCO (broncopneumatia ostruttiva) e altri problemi polmonari richiedono le cure di un pneumologo, un medico specializzato nella salute dei polmoni e del sistema respiratorio. Potrebbe essere necessario ossigeno supplementare in una bombola portatile per evitare di restare senza fiato. Può essere utile anche la riabilitazione polmonare. Si tratta di un programma di esercizi sotto supervisione specialistica e di educazione sulle tecniche di respirazione, utili per aiutare il paziente a superare la malattia polmonare.

 

RIABILITAZIONE CARDIACA

Le cause legate al cuore sono trattate da un cardiologo, un medico specializzato in disturbi cardiaci. Se si soffre di insufficienza cardiaca, significa che il cuore è troppo debole per pompare abbastanza sangue ossigenato, per soddisfare le esigenze del corpo. La dispnea è uno dei numerosi sintomi dell’insufficienza cardiaca. La riabilitazione cardiaca può aiutare a gestire l’insufficienza cardiaca e altre condizioni cardiache. In casi gravi di insufficienza cardiaca, può essere necessaria una pompa artificiale che assuma le funzioni di pompaggio del sangue di un cuore indebolito.

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DI Dispnea PRESSO IL BIOMEDIC

Patologie di natura infiammatoria, metabolica, infettiva, allergica, autoimmunitaria vengono trattate presso il Biomedic Clinic & Research avvalendosi della Medicina Integrata. Ciò si traduce in un approccio personalizzato che prende in considerazione metodi diagnostici e terapeutici propri sia della medicina tradizionale che di quella naturale, al fine di occuparsi anche delle cause scatenanti di un determinato disturbo, riferite al singolo paziente. 

Per la diagnosi ed il trattamento della dispnea è possibile effettuare un test biofisico completo, seguito da trattamenti di medicina integrata, i quali possono includere trattamenti biofisici, piano nutrizionale personalizzato e terapie di medicina naturale e/o tradizionale, in base a quanto emerso in fase di diagnosi.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE 

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Mayo Clinic Staff. (2016). Shortness of breath: Causes.

mayoclinic.org/symptoms/shortness-of-breath/basics/causes/sym-20050890

Shortness of breath (dyspnea). (n.d.).

lungcanceralliance.org/what-if-i-am-diagnosed/side-effect-management/shortness-of-breath-dyspnea.html

Shortness of breath (dyspnea). (2015).

mskcc.org/cancer-care/patient-education/shortness-breath-dyspnea

Coccia, C. B. I., et al. (2016). Dyspnoea: Pathophysiology and a clinical approach. – samj.org.za/index.php/samj/article/view/10324/7076

Common tests for heart failure. (2017). – heart.org/en/health-topics/heart-failure/diagnosing-heart-failure/common-tests-for-heart-failure

Easaw, J. (2011). Clinical pathway for the assessment of breathlessness (shortness of breath). – ruh.nhs.uk/For_Clinicians/departments_ruh/Cardiology/documents/Assessment_of_Breathlessness_clinical_pathway_assessment_Handout.pdf

Medications used to treat heart failure. (2017). – heart.org/en/health-topics/heart-failure/treatment-options-for-heart-failure/medications-used-to-treat-heart-failure

Mukerji, V. (2011). Dyspnea, orthopnea, and paroxysmal nocturnal dyspnea [Abstract]. – europepmc.org/article/med/21250057

Risk factors for chronic respiratory diseases. (n.d). – who.int/gard/publications/Risk%20factors.pdf

Sullivan, R. D., et al. (2019). Renin activity in heart failure with reduced systolic function—New insights. – ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6651297/

Yagishita-Tagawa, Y., et al. (2013). Association between sleep apnea and overnight hemodynamic changes in hospitalized heart failure patients with and without paroxysmal nocturnal dyspnea. – journal-of-cardiology.com/article/S0914-5087(13)00037-3/fulltext

Yancy, C. W., et al. (2013). 2013 ACCF/AHA guideline for the management of heart failure: Executive summary. – ahajournals.org/doi/10.1161/CIR.0b013e31829e8807

Ashton, R., & Raman, D. (2015, July). Dyspnea – clevelandclinicmeded.com/medicalpubs/diseasemanagement/pulmonary/dyspnea/

Basek, P., & Wildhaber, J. (2005, August). The child with dyspnea [Abstract]. Therapeutische Umschau, 62(8), 525-31 – ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16136816

Campbell, M. L. (2011 July-September). Dyspnea. AACN Advanced Critical Care, 22(3), 257-64 – ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21808161

Lechtzin, N. (2018, April). Dyspnea. Merck Manuals Professional Version. Retrieved from  – msdmanuals.com/en-gb/professional/pulmonary-disorders/symptoms-of-pulmonary-disorders/dyspnea

Mukerji, V. (1990). Dyspnea, orthopnea, and paroxysmal nocturnal dyspnea. Clinical methods: The history, physical, and laboratory examinations. 3rd edition. Boston: Butterworths www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK213/

Shortness of breath. (n.d.) – chestnet.org/Foundation/Patient-Education-Resources/Shortness-of-Breath

Symptoms: Shortness of breath. (2018, January 11) – mayoclinic.org/symptoms/shortness-of-breath/basics/when-to-see-doctor/sym-20050890

Treatment of dyspnea. (n.d.) – sites.google.com/site/dyspnealab/for-patients/basic-dyspnea-information/treatments-of-dyspnea

Wahls, S. A. (2012, July 15). Causes and evaluation of chronic dyspnea. American Family Physician, 86(2), 173-180 www.aafp.org/afp/2012/0715/p173.html

What causes COPD? (n.d.) copdfoundation.org/What-is-COPD/Understanding-COPD/What-Causes-COPD.aspx%20

What is COPD? (n.d.) copdfoundation.org/What-is-COPD/Understanding-COPD/What-is-COPD.aspx

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.