Caricamento in corso ...

Asma

ASMA

L'asma è una malattia infiammatoria delle vie aeree che conducono ai polmoni. Rende difficile la respirazione e può rendere difficili o addirittura impossibili alcune attività fisiche.

Per capire l'asma, capiamo prima cosa succede quando respiriamo.

Normalmente, ad ogni respiro che facciamo, l'aria passa attraverso il naso e scende nella gola, nelle vie respiratorie, arrivando infine ai polmoni. Ci sono molti piccoli passaggi d'aria nei polmoni che aiutano a trasferire l'ossigeno dall'aria al flusso sanguigno.

I sintomi dell'asma si verificano quando il rivestimento delle vie aeree si gonfia e i muscoli intorno a loro si stringono. Il muco quindi riempie le vie aeree, riducendo ulteriormente la quantità di aria che può passarvi attraverso.

Queste condizioni provocano quindi un "attacco" di asma, la tosse e il senso di oppressione al petto tipici dell'asma.

Sintomi dell’asma

I sintomi dell'asma includono:

  • Tosse, soprattutto di notte, quando si ride o durante l’esercizio fisico
  • Respiro sibilante, un suono sibilante o un fischio emesso durante la respirazione
  • Senso di oppressione al petto
  • Mancanza di respiro
  • Affaticamento

Non tutti con l'asma sperimenteranno questi sintomi particolari.

La prima indicazione che si ha l'asma potrebbe non essere un vero e proprio attacco d’asma, alcuni dei primi sintomi di asma che si potrebbero riscontrare sono:

 

Tosse

Una tosse persistente è un sintomo comune di asma. La tosse può essere secca o umida (contenente muco). Potrebbe peggiorare di notte o dopo l’esercizio fisico.

Una tosse secca cronica senza altri sintomi di asma può essere un sintomo di tosse asmatica.

 

Respiro sibilante

Il respiro sibilante è un suono che di solito si manifesta quando si espira. Deriva dall'aria che viene forzata attraverso passaggi d'aria ristretti. Il respiro sibilante è un sintomo riconoscibile dell'asma, ma il respiro sibilante da solo non significa che si abbia l'asma. Può anche essere un sintomo di altri problemi di salute, tra cui la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), l'insufficienza cardiaca congestizia (CHF) e la polmonite.

 

Respirazione difficoltosa

Potrebbe essere difficile respirare poiché le vie respiratorie si infiammano e si restringono. Il muco può riempire questi passaggi ristretti e peggiorare la costrizione delle vie aeree. La difficoltà di respirazione può portare a sentimenti di ansia, che possono rendere la respirazione ancora più difficile.

 

Oppressione toracica

Può sembrare che qualcuno stia stringendo una corda attorno alla parte superiore del busto. La costrizione toracica può rendere difficile la respirazione e portare a sentimenti di ansia.

 

Affaticamento

Durante un attacco d'asma, i polmoni non ricevono abbastanza ossigeno. Ciò significa che meno ossigeno sta penetrando nel sangue e nei muscoli. Senza ossigeno, aumenta la stanchezza. Se i sintomi dell'asma peggiorano di notte (asma notturna) e si ha difficoltà a dormire, probabilmente ci si sentirà affaticati durante il giorno.

 

Svasatura nasale

La svasatura nasale è l'ingrandimento e l'allungamento delle narici durante la respirazione. Spesso è un segno di difficoltà respiratoria. Questo sintomo di asma è più comune nei bambini e nei neonati.

 

Sospiri

Il sospiro è una risposta fisiologica naturale che coinvolge i polmoni che si espandono a piena capacità. Il sospiro è un respiro profondo seguito da una lunga espirazione. Poiché l'asma può limitare il flusso d'aria nel corpo, sospirare potrebbe essere un modo per far entrare o uscire maggior aria.

 

Ansia

L'ansia può scatenare un attacco d'asma. Può anche essere un sintomo di un attacco d'asma. Quando le vie respiratorie iniziano a restringersi, il torace si restringe e la respirazione diventa difficile. Questi sintomi possono generare ansia. L'imprevedibilità di un attacco d'asma può anche creare ansia. Essere in una situazione stressante può innescare sintomi di asma in alcune persone.

Sintomi di attacco d'asma

Vediamo quali sono i segni premonitori di un attacco d’asma.

Questi includono:

  • Tosse grave
  • Dispnea (difficoltà di respirazione)
  • Mancanza di respiro
  • Oppressione toracica
  • Affaticamento
  • Prurito
  • Nervosismo
  • Irritabilità

 

Sintomi gravi

Se un attacco d'asma è grave, può essere un'emergenza pericolosa per la vita. Un adulto o un bambino che ha un attacco d'asma dovrebbe andare al pronto soccorso se dopo 10-15 minuti i farmaci per il sollievo rapido non funzionano o se si manifesta uno dei seguenti sintomi:

  • Labbra, viso o unghie scoloriti (blu o grigi), si tratta di un sintomo di cianosi
  • Estrema difficoltà respiratoria, in cui il collo e il torace possono essere "aspirati" ad ogni respiro
  • Difficoltà a parlare o camminare
  • Confusione mentale
  • Estrema ansia causata da difficoltà respiratorie
  • Febbre a 37,7 ° C o superiore
  • Dolore al petto
  • Polso accelerato

Cause dell'asma

Non è stata identificata una singola causa per l'asma. I ricercatori, al contrario, ritengono che la condizione respiratoria sia causata da una varietà di fattori. Questi fattori includono:

  • Genetica. Se un genitore ha l'asma, è più probabile che lo sviluppi la progenie
  • Storia di infezioni virali. Le persone con una storia di infezioni virali durante l'infanzia hanno maggiori probabilità di sviluppare la condizione
  • Ipotesi di eccesso di igiene. Questa ipotesi propone che i bambini non siano stati esposti ad abbastanza batteri nei loro primi mesi e anni. Pertanto, il loro sistema immunitario non diventa abbastanza forte da combattere l'asma e altre condizioni
  • Esposizione precoce agli allergeni. Il frequente contatto con possibili allergeni e irritanti può aumentare il rischio di sviluppare l'asma.

Alcune condizioni e ambienti possono anche innescare sintomi di asma. Queste condizioni includono:

  • Malattia. Le malattie respiratorie come l'influenza e la polmonite possono scatenare attacchi di asma
  • Esercizio fisico. Un aumento dei movimenti può rendere la respirazione più difficile.
  • Irritanti nell'aria. Le persone con asma possono essere sensibili a sostanze irritanti come fumi chimici, odori forti e fumo
  • Allergeni. Peli di animali, acari della polvere e polline sono solo alcuni esempi di allergeni che possono scatenare i sintomi
  • Condizioni meteorologiche estreme. Condizioni come umidità molto elevata o basse temperature possono scatenare l'asma
  • Emozioni. Gridare, ridere e piangere può scatenare un attacco

L'elenco di possibili cause e fattori scatenanti è ampio:

  • Polline
  • Acari della polvere o scarafaggi
  • Muffa
  • Caminetti
  • Peli di animali domestici o peli
  • Cambiamenti del tempo, in particolare in presenza di aria fredda
  • Infezioni respiratorie come il comune raffreddore
  • Fumo di tabacco
  • Stress ed emozioni forti
  • Fluttuazioni ormonali
  • Esercizio fisico e attività fisica (asma indotta dall'esercizio fisico)
  • Reazione allergica ad alcuni alimenti, come uova, noci e latte
  • Solfiti e conservanti alimentari
  • Bruciore di stomaco o reflusso acido
  • Alcuni farmaci, come beta-bloccanti, aspirina (Bayer) e ibuprofene (Advil, Motrin)
  • Scarsa qualità dell'aria ad alto contenuto di ossido nitrico, ozono e anidride solforosa
  • Prodotti chimici e fragranze

 

Trattamento dell'asma

I trattamenti per l'asma rientrano in tre categorie principali:

  1. Esercizi di respirazione
  2. Trattamenti di salvataggio o di primo soccorso
  3. Farmaci per il controllo dell'asma a lungo termine

Il medico determinerà il giusto trattamento o combinazione di trattamenti necessari in base al tipo di asma che affligge la persona, alla sua età e ai fattori scatenanti.

 

Esercizi di respirazione

Questi esercizi possono aiutare a far entrare e uscire più aria dai polmoni. Nel tempo, questo può aiutare ad aumentare la capacità polmonare e ridurre i sintomi gravi dell'asma. 

Una ginnastica respiratoria che si è rivelata efficace presso il nostro Dipartimento di Fisioterapia e Posturologia è effettuata attraverso l'utilizzo dello SpiroTiger (un dispositivo che permette di allenare in modo specifico la resistenza della muscolatura respiratoria, allontanando l'affanno, senza sovraccaricare il sistema cardiovascolare e l’apparato locomotore) con definiti esercizi. 

 

Trattamenti di salvataggio o di primo soccorso

Questi farmaci devono essere usati solo in caso di attacco d'asma. Forniscono un rapido sollievo per aiutare la persona a respirare di nuovo.

Questi includono:

  • Inalatori e nebulizzatori di salvataggio, che vengono utilizzati con medicinali che devono essere inalati in profondità nei polmoni
  • Broncodilatatori, che lavorano per rilassare i muscoli tesi dei polmoni
  • Antinfiammatori, che colpiscono l'infiammazione nei polmoni che potrebbe impedire la respirazione

Se si pensa che qualcuno stia avendo un attacco d'asma, bisognerebbe metterlo in posizione verticale e aiutarlo a usare l'inalatore per il salvataggio o il nebulizzatore. Da due a sei boccate di farmaci dovrebbero aiutare ad alleviare i sintomi.

Se i sintomi persistono per più di 20 minuti e un secondo ciclo di terapia non aiuta, consultare un medico.

Tipi di Asma

Il tipo più comune di asma è l'asma bronchiale, che colpisce i bronchi nei polmoni.

Altre forme di asma comprendono l'asma infantile e l'asma ad insorgenza adulta. Nell'asma ad insorgenza nell'età adulta, i sintomi non compaiono fino all'età di almeno 20 anni.

 

Asma bronchiale

L'asma bronchiale è semplicemente un altro nome per il tipo più comune di asma. I sintomi includono tosse, respiro sibilante, senso di oppressione al petto e respiro corto.

A meno che non sia menzionato un tipo specifico di asma, la maggior parte dei riferimenti all'asma riguarda l'asma bronchiale.

 

Bronchite vs. asma

Pur avendo sintomi simili, la bronchite e l'asma non sono condizioni correlate. Entrambe portano ad una infiammazione delle vie aeree che può rendere difficile la respirazione, ma le distinzioni chiave separano le due condizioni.

Ad esempio, la bronchite provoca un muco denso quando si tossisce, febbre, brividi e dolori muscolari. L'asma non causa questi sintomi.

Come l'asma, anche la bronchite può essere acuta, ovvero il trattamento porrà fine ai sintomi, o cronica. Sia la bronchite cronica che l'asma cronica devono essere trattate quotidianamente per evitare un peggioramento dei sintomi.

 

Asma allergica (asma estrinseca)

Questo tipo di asma è scatenato dagli allergeni.

Questi potrebbero includere:

  • Peli di animali da compagnia come cani e gatti
  • Determinati alimenti
  • Muffa
  • Polline
  • Polvere

L'asma allergica ha maggiori probabilità di essere stagionale perché spesso va di pari passo con le allergie stagionali.

 

Asma non allergica (asma intrinseca)

Gli irritanti nell'aria non correlati alle allergie scatenano questo tipo di asma. Gli irritanti potrebbero includere:

  • Legna che brucia e fumo di sigaretta
  • Aria fredda
  • Inquinamento dell'aria
  • Malattie virali
  • Deodoranti per ambienti
  • Prodotti per la pulizia della casa
  • Profumi

 

Asma professionale

L'asma professionale è un tipo di asma indotta da fattori scatenanti sul posto di lavoro. Questi includono:

  • Polvere
  • Coloranti
  • Gas e fumi
  • Prodotti chimici industriali
  • Proteine ​​animali
  • Lattice di gomma

Queste sostanze irritanti possono esistere in una vasta gamma di settori, tra cui l'agricoltura, i tessili, la lavorazione del legno e la produzione industriale.

 

Broncocostrizione indotta dall’esercizio fisico

La broncocostrizione indotta dall’esercizio fisico di solito colpisce le persone entro pochi minuti dall'inizio dell'esercizio e fino a 10-15 minuti dopo l'attività fisica. Questa condizione era precedentemente nota come asma indotta dall'esercizio fisico.

Fino al 90% delle persone con asma sperimenta anche questa forma di broncocostrizione, ma non tutti coloro che hanno la broncocostrizione indotta dall’esercizio fisico avranno altri tipi di asma.

 

Asma notturna

In questo tipo di asma, i sintomi peggiorano di notte.

I fattori scatenanti che si pensa causino sintomi di notte includono:

  • Bruciore di stomaco,
  • Peli di animali domestici
  • Acari della polvere

Anche il ciclo naturale del sonno del corpo può innescare l'asma notturna.

Gestione dell'asma

Oltre a utilizzare i farmaci di mantenimento, si possono prendere ogni giorno delle misure per restare più sani e ridurre il rischio di attacchi di asma. Questi includono:

 

Seguire una dieta più sana. Una dieta sana ed equilibrata può migliorare la salute generale, riducendo i rischi di attacchi di asma. Allo stesso modo, la ricerca suggerisce che l'eliminazione degli alimenti trasformati può ridurre il rischio di un attacco d’asma.

 

Mantenere un peso corretto. L'asma tende a peggiorare negli individui in sovrappeso e obesi. Perdere peso fa bene al cuore, alle articolazioni e ai polmoni.

 

Smettere di fumare. Gli irritanti come il fumo di sigaretta possono scatenare l'asma. Il fumo inoltre espone ad un rischio maggiore per la BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva).

 

Esercizio fisico regolare. L'attività può scatenare un attacco d'asma, ma l'esercizio fisico regolare può effettivamente ridurre il rischio di problemi respiratori. L'attività aerobica può rafforzare i polmoni e aiutare a respirare meglio.

 

Gestire lo stress. Lo stress può essere un fattore scatenante per i sintomi dell'asma. Lo stress può anche rendere più difficile fermare un attacco d'asma. Trovare modi sani per ridurre lo stress e l'ansia.

Gli alimenti ricchi di nutrienti sono fondamentali per ridurre i sintomi, ma le allergie alimentari possono scatenare i sintomi dell’asma.

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Valutazione medica gratuita

Dipartimento di Medicina Integrata

INDAGINI E TRATTAMENTI DI BIORISONANZA

Test e trattamenti di medicina integrata per l'identificazione ed il trattamento di intolleranze, allergie, condizioni infiammatorie.

 

Dipartimento di Fisioterapia e Posturologia

ESERCIZI DI GINNASTICA RESPIRATORIA

Un allenamento attivo contrasta il lento decadimento fisico che colpisce in modo considerevole i muscoli respiratori di pazienti affetti da patologie polmonari.

È indicato in tutte le sofferenze della respirazione (affanno/respiro cortorussamentodispneaBPCOasma da sforzoapnee notturnemucoviscidosi/fibrosi cistica) e delle malattie neuromuscolaripara/tetraplegiamalattie reumatichedolori cervicali cronici (ad esempio, colpo di frusta).



CERCA ARTICOLI


Riferimenti e Bibliografia:

  • Ardura-Garcia C, et al. (2015). Exposure to poor hygiene and early life infections and the risk of wheeze or asthma in Latin American children: A systematic review. DOI:
    10.1186/1939-4551-8-S1-A110
  • Asthma. (n.d.).
    nhlbi.nih.gov/health-topics/asthma
  • Asthma: Parents. (2014).
    cdc.gov/asthma/parents.html
  • Asthma overview. (2015).
    aafa.org/page/asthma.aspx
  • Asthma symptoms. (2018).
    acaai.org/asthma/symptoms
  • COPD - Are you at risk? (n.d.).
    nhlbi.nih.gov/files/docs/public/lung/copd-atrisk.pdf
  • Ellwood P, et al. (2013). Do fast foods cause asthma, rhinoconjunctivitis and eczema? Global findings from the international study of asthma and allergies in childhood (ISAAC) phase three. DOI:
    10.1136/thoraxjnl-2012-202285
  • Exercise-Induced bronchoconstriction (EIB). (2018).
    acaai.org/asthma/exercise-induced-asthma-eib
  • Hardin M, et al. (2011). The clinical features of the overlap between COPD and asthma. DOI:
    10.1186/1465-9921-12-127
  • Holm KE, et al. (2014). The impact of age on outcomes in chronic obstructive pulmonary disease differs by relationship status. DOI:  
    10.1007/s10865-013-9516-7
  • Hoyt P. (n.d.). Recognizing the signs of asthma [blog post].
    chla.org/blog/rn-remedies/recognizing-the-signs-asthma
  • Mayo Clinic Staff. (2016). Asthma attack.
    mayoclinic.org/diseases-conditions/asthma-attack/diagnosis-treatment/drc-20354274
  • Most recent asthma data. (2018).
    cdc.gov/asthma/most_recent_data.htm
  • Pregnancy and asthma. (n.d.).
    acaai.org/asthma/who-has-asthma/pregnancy
  • Vital signs: Asthma in children. (2018).
    cdc.gov/vitalsigns/childhood-asthma/index.html
  • Wells EJ, et al. (2010). The effect of caffeine in people with asthma.
    cochrane.org/CD001112/AIRWAYS_the-effect-of-caffeine-in-people-with-asthma
  • Asthma symptoms: Overview. (2014)
    acaai.org/asthma/symptoms
  • Boulet, L-P., & O’Byrne, P. M. (2015). Asthma and exercise-induced bronchoconstriction in athletes. The New England Journal of Medicine, 372, 641-648
    nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJMra1407552
  • Boyd, A., Yang, C. T., Estell, K., Tuggle, C., Gerald, L. B., Dransfield, M., … Schwiebert, L. M. (2012). Feasibility of exercising adults with asthma: A randomized pilot study. Allery Asthma Clinical Immunology, 8(1), 13
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3511803/
  • Heacock, T., & Lugogo, N. (2014, November). Role of weight management in asthma symptoms and control. Immunology and Allergy Clinics of North America, 34(4), 797-808
    ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25282292
  • Mayo Clinic Staff. (2013, March 5). Childhood asthma: Symptoms and causes
    mayoclinic.org/diseases-conditions/childhood-asthma/symptoms-causes/dxc-20193101
  • Mayo Clinic Staff (2016, August 30). Asthma: Symptoms
    mayoclinic.org/diseases-conditions/asthma/basics/symptoms/con-20026992
  • Mayo Clinic Staff. (2016, August 30). Asthma: Tests and diagnosis
    mayoclinic.org/diseases-conditions/asthma/basics/tests-diagnosis/con-20026992
  • Nelsen, L., Currie, B., Norquist, J., Peter, S., Vernon, M. K. (2014, May). Pediatric asthma symptoms: Assessments by subjects and caregivers. Value in Health, 17(3), A179
    sciencedirect.com/science/article/pii/S1098301514010948
  • What are the signs and symptoms of asthma? (2014, August 4)
    nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/asthma/signs.html
  • What is asthma? (2014, August 4)
    nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/asthma

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.