Mal di schiena (lombare e dorsale)

il mal di schiena lombare è principalmente dovuto ad una postura scorretta

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Il mal di schiena colpisce circa l’80% della popolazione adulta e solo nel 20% dei casi deriva da vere e proprie patologie vertebrali.

I dolori alla schiena colpiscono circa l’80% della popolazione adulta e solo nel 20% dei casi derivano da vere e proprie patologie vertebrali.
In genere il dolore è per lo più dovuto a:

  • Cattiva postura
  • Abitudine ad eseguire movimenti in maniera non corretta
  • Eccessiva tensione muscolare derivante da stress psicologico
  • Scadente tono muscolare (addominale, lombare e dorsale)
  • Sovrappeso

Camminare, correre, sollevare dei pesi, restare seduti per tante ore alla scrivania o in auto, sono spesso la causa dell’insorgere di protrusioni e ernie del disco. Nei movimenti quotidiani spesso, sia per problemi scheletrici che posturali, non siamo in grado di mantenere le curve della colonna in posizione corretta, causando la compressione dei dischi vertebrali (cuscinetti ammortizzanti), con possibile schiacciamento dei nervi (es nervo sciatico), il dolore si può sentire sul gluteo, la coscia, il polpaccio o il piede. 

I muscoli esercitano importanti funzioni di impalcatura che da un lato permettono la tenuta, ma dall’altro aumentano la compressione delle vertebre e di conseguenza dei dischi vertebrali.

Secondo uno studio (Belavy e coll.2017), la corsa, se ben distribuita a livello posturale, è il più potente mezzo di adattamento e rigenerazione a livello delle strutture osteo-articolari.

Se, da un lato, il carico prodotto dalla corsa può danneggiare le strutture articolari, in particolare i dischi intervertebrali, dall’altro la teoria riporta che un carico adeguato e bilanciato possa invece essere un fattore protettivo e possa anzi favorire i processi fisiologici di rigenerazione tissutale.

I risultati dimostrano che la popolazione dei runner, sia uomini che donne, presenta una maggiore idratazione dei dischi intervertebrali su tutti i livelli della colonna lombare.

E’ bene sottolineare che i partecipanti alla ricerca non presentavano condizioni di lombalgia, lombosciatalgia o altre malattie a carico della colonna lombare. I risultati dimostrano che, su una colonna “sana”, il Running non ha alcun effetto negativo ed anzi è in grado di proteggere la degenerazione dei dischi

blank

I CORPI TENDONO AD AVERE UNA POSTURA SCORRETTA:

  • Spalle incurvate in avanti 
  • Chiusura del petto e della cassa toracica 
  • Testa sbilanciata in avanti 
  • Spesso la mancanza della lordosi (curva vertebrale lombare) 
  • Fuori asse ombelico/sterno 
  • Appoggio scorretto e sbilanciato dei piedi
  • Diversa altezza del bacino che causa differente altezza delle gambe 
  • Scorretta proporzione tra cifosi (curva vertebrale del collo) e lordosi

Nella corsa spesso si ha un movimento asimmetrico delle braccia e dell’appoggio dei piedi. Importantissimo eseguire un’attenta valutazione posturale per individuare gli squilibri del corpo per non sovraccaricare la schiena.  

DA SEDUTI SI HA LA MEDESIMA POSTURA SCORRETTA CHE DA IN PIEDI.

La lordosi deve sempre essere presente sia da in piedi che da seduti (da seduti usare sempre un supporto lombare o un asciugamano arrotolato).

La cifosi va ridotta attraverso esercizi posturali mirati.

QUESTE 2 CONDIZIONI CAUSANO UNO SCHIACCIAMENTO VERTEBRALE.

 

QUANTO PESO POSSONO SOPPORTARE LE NOSTRE VERTEBRE?

In un uomo di taglia normale in posizione eretta, la pressione sui dischi lombari è di circa 80 kg. Sia in piedi che da seduti, siamo tendenzialmente ingobbiti in avanti con le spalle chiuse, aumentando così del 50% la pressione sui dischi arrivando a circa 120 kg di carico. Da seduti il carico discale aumenta del 40%.

In posizione eretta risulta fondamentale mantenersi diritti, rispettare il baricentro e preservare le curve fisiologiche della colonna vertebrale (Anatomie et science du geste sportif” di Virhed R. – Ed. Vigot 1987). E’ fondamentale avere una colonna vertebrale correttamente allineata a partire dal bacino, con le curve il più corrette possibili (lordosi e cifosi).

 

E SE SOLLEVIAMO UN PESO?

  • Per un peso di 10 Kg corrisponde una pressione sui dischi pari a 340 Kg.
  • Con 20 Kg la pressione aumenta fino a 600 Kg.
  • Con 50 Kg la pressione sul 5° disco lombare è pari a 900 Kg.
  • Sollevando 100 Kg la pressione arriva fino a 1000 Kg.

Secondo il libro Anatomia Funzionale di Kapandji, la massima pressione che può sopportare un disco vertebrale è di circa 800 Kg fino a 40 anni e si riduce a 450 Kg dopo quell’età.


Maggiori saranno i vizi posturali, prima arriveranno i problemi.

come uno scorretto appoggio dei piedi influisce sul mal di schiena lombare o dorsale

COME UNO SCORRETTO APPOGGIO DEI PIEDI CAUSA IL MAL DI SCHIENA

L’appoggio dei pedi “corretto” è essenziale per avere un corretto allineamento delle articolazioni, del bacino e della colonna vertebrale.

I piedi, a causa di fattori principalmente genetici, nel momento in cui inizia la stazione eretta del bambino sono sottoposti al peso e alla gravità, tendono ad assumere sul piano frontale 3 posizioni scorrette:

  • Supinazione (carico esterno) di entrambi i piedi
  • Pronazione (carico interno) di entrambi i piedi
  • Un piede in supinazione e l’altro in pronazione

Un piede che prona o supina, causa una rotazione del ginocchio, dell’anca , del bacino, delle vertebre, fino al tratto cervicale.

Inoltre causa un abbassamento del bacino e un conseguente fuori asse vertebrale.

E’ un effetto domino sulla colonna.

I runner, spesso tendono ad avere un appoggio scorretto ma non tutti lo percepiscono, basta osservare l’usura delle scarpe, sia quelle da running che quelle di uso quotidiano.

Anziché comprare le scarpe anti supinazione/pronazione, l’unico modo per correggere l’appoggio dei piedi è un plantare costruito appositamente su misura e successivamente, dopo 2 settimane di utilizzo, verificato da uno specialista in postura che osservi la scomparsa di tutti i difetti strutturali, da in piedi, in camminata e in corsa.

Dott. Luca Corvi

Fisioterapista/Posturologo

Email : fisioterapia@biomediccenter.com

Tel : +39 031 928764

Dal martedì al sabato 9.00 – 19.00 (orario continuato)

SOFFRI DI QUALCUNO DI QUESTI DISTURBI?

Presso il Biomedic Clinic & Research è possibile seguire programmi di fisioterapia, osteopatia posturale, riallineamento posturale tramite apposite tecniche unite alla ginnastica respiratoria e, ove necessario, vengono realizzati plantari su misura.

SOTTOPONICI LA TUA PROBLEMATICA

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

 FISIOTERAPIA E POSTUROLOGIA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Programmi di fisioterapia, riallineamento della postura, ginnastica del respiro, plantari su misura

FISIOMASSAGGIO UNITO A PROGRAMMI POSTURALI PER IL RIPRISTINO OTTIMALE DEL TUO ASSETTO

Presso il Dipartimento di Fisioterapia del Biomedic Clinic & Research vengono approntati programmi personalizzati per il ripristino della postura corretta e la riabilitazione, che consistono in diversi approcci affrontati singolarmente o in maniera complementare, a seconda delle necessità.

Questi includono: ginnastica posturale, ginnastica del respiro, fisiomassaggi, studio e creazione di plantari su misura, controllo e correzione della masticazione, manipolazione osteopatica.

Contrattura dopo allenamento di calistenics è sparita con un fisiomassaggio

Una singola seduta di fisiomassaggio con il Dr. Corvi e mi è completamente sparita la contrattura alla schiena/braccio che mi tormentava dopo un allenamento di calinestics in cui avevo esagerato… E’ confortante sapere di potersi affidare alla competenza di un professionista e persona speciale come Luca. Grazie!!!

F.L.

Avevo la schiena ricurva. Il trattamento della ginnastica del respiro mi ha portato moltissimi benefici.

Il trattamento della ginnastica del respiro mi ha portato moltissimi benefici.
La prima volta che ero venuto al Biomedic, mi ricordo che avevo la schiena ricurva, che oltre a non essere estetica, non era salutare.
Grazie al mio fisioterapista in sole 5 sedute, mi ha portato tramite esercizi con SpiroTiger ad avere una postura giusta.
Sento anche dei benefici a livello del respiro, non ho più male alla schiena, ma soprattutto ho mantenuto la postura dritta, che era quello che volevo.
Grazie mille.

M.J.
Milano

Ho riscontrato un netto miglioramento

Ho cominciato l’anno scorso a seguire il trattamento di posturologia con la successiva introduzione ed utilizzo dei plantari.

Devo dire che ho riscontrato un netto miglioramento, in quanto è cessato il mio frequente mal di schiena che avevo in precedenza. Anche nella camminata ho avuto benefici, camminando con i piedi più dritti e riducendo i fastidi alle gambe.

C.A.
Milano

Ho risolto molti dolori muscolari alla schiena

Salve.
Da quando ho fatto il programma Postura e Riabilitazione ho risolto molti dolori muscolari alla schiena. Prima di iniziare il programma, ogni mattina mi alzavo dal letto e sentivo vari dolori muscolari alla schiena. Nell’ultimo anno addirittura “due strappi” muscolari che mi bloccavano al letto per una settimana. Mi è addirittura comparsa la sciatalgia, che poi ho scoperto essere connessa all scorretta postura della spina dorsale.
Ho deciso, ho fatto le mie sedute più intensivamente possibile. E già dopo la seconda seduta i dolori muscolari mattutini sono completamente spariti.
Anche la sciatalgia ha iniziato a guarire. Prima, nonostante fossi stato fermo 3 settimane, non percepivo la sua guarigione, ma solo la sua costante presenza.
Che dire, FUNZIONA. L’ho fatto col punto di vista che la schiena è il TELAIO del corpo e, se non è ben ALLINEATO, i problemi persistono e possono solo peggiorare.
GRAZIE INFINITE A LUCA. La sua professionalità, competenza, si prende cura del paziente IN OGNI PARTICOLARE.
Anche ai ragazzi dello studio.

C.C.
Milano

Da anni ormai soffrivo di mal di schiena e vari dolori e dopo solo 5 sedute sono rinata.

Frequento il Biomedic da anni, ed ogni trattamento ricevuto è stato un successo. In questa testimonianza voglio condividere il mio successo con il Dr. Luca Corvi.
Da anni ormai soffrivo di mal di schiena e vari dolori, ho sempre dato la colpa agli sforzi sul lavoro, al mancato esercizio fisico e alle varie dinamiche di tutti i giorni, ma da quando ho conosciuto il Dr. Corvi, mi si è aperto un nuovo mondo.
Sapevo di essere bloccata, rigida e di avere poco fiato, e dopo solo 5 sedute sono rinata.
Non ho più dolori, ho un sacco di fiato e sono completamente sciolta. Con dei semplici esercizi e dei massaggi spettacolari, mi sento veramente un’altra.
Grazie al Dr. Corvi e a tutto lo staff.

G.T.
Lodi

Dopo 5 sedute i dolori che mi tormentavano sono spariti

Da parecchio tempo riscontravo moltissimi dolori alla schiena, al collo e alle spalle. Queste ultime particolarmente tanto da avere, parecchie volte, fortissime contratture molto dolorose. Come al solito provavo ogni trattamento farmaceutico con pomate, cerotti, ecc…, ma senza alcun risultato.
Un giorno, grazie alla mia compagna, sono venuto a conoscenza dei trattamenti e prestazioni proposte al Biomedic e mi sono buttato a capofitto sulla prenotazione della visita gratuita e di quelle successive, dopo aver constatato di persona l’efficienza e la professionalità con la quale gli specialisti lavorano e trattano i loro pazienti.
Risultato: dopo 5 sedute i dolori che mi tormentavano sono spariti, lasciando spazio soltanto all’indolenzimento dovuto al lavoro, nonostante le posizioni di affaticamento assunte per 9/10 ore.
Raccomando di fare gli esercizi a casa che completano le sedute.

M.L.A.
Milano

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

Si dichiara che il presente messaggio è diramato nel rispetto delle linee guida inerenti l’applicazione degli art. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Autore: Alessia Panizza

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Roberto Cestari (medico chirurgo, Direttore Sanitario Biomedic Clinic & Research).

Adattamento e Pubblicazione a cura della Redazione del Biomedic Clinic & Research