Caricamento in corso ...

Bio Implantologia (impianto dentale, sostituzione dente)

 COMPILI IL MODULO PER SOTTOPORCI, IN VIA PRELIMINARE E GRATUITAMENTE, LA SUA SITUAZIONE:     Al Modulo 

L'impianto dentale, ha l'obiettivo di sostituire i denti mancanti con dei perni artificiali in titanio. La perdita di un elemento dentario causa la riduzione della funzione masticatoria che a sua volta influenza le funzioni dell’osso mascellare sottostante provocandone lentamente una perdita di massa e densità. Per questo motivo è importante rimpiazzare quanto prima l'elemento mancante. 

Prima di inserire l'elemento definitivo dell'impianto, spesso il Dentista posiziona un elemento detto "provvisorio", il quale, a causa dei materiali di cui è composto, è preferibile che non rimanga all'interno della bocca del paziente, più di quattro settimane, tempo oltre il quale, i materiali dell'elemento provvisorio possono, combinandosi con la saliva, iniziare ad alterarsi.

Possono essere diverse le cause della perdita degli elementi dentari: le patologie del cavo orale, le carie e la malattia parodentale (detta comunemente piorrea) e i traumi da contatto.

In caso di perdita di un dente, il paziente e l’Odontoiatra devono decidere insieme quale possa essere la metodica più opportuna alla sua sostituzione, infatti non sempre l'impianto è opportuno. Da tenere in considerazione come fattori fondamentali sono l’età e le condizioni di salute generali del paziente.

La bio implantologia è un'implantologia rispettosa al massimo grado dell'entità biologica a cui si applica, sia nel suo insieme, che in maniera specifica alle parti coinvolte, quali osso, mucosa, terminazioni nervose, vasi sanguigni, fibre muscolari ecc. Questo la rende una tecnica chirurgica mininvasiva quando possibile, rispettosa delle strutture a cui si applica, sensata e sicura, che considera olisticamente il paziente nella sua interezza biologica.

Sicurezza non significa sempre successo garantito, ma significa che, anche in caso di insuccesso, il "costo" biologico per il paziente sarà minimo da un punto di vista traumatologico e di compromissione della struttura.

Con l'obiettivo di intervenire nell'approccio più biologico possibile, grande attenzione viene posta nella scelta dei materiali utilizzati, spesso anche con l'ausilio di test personalizzati che possano evidenziare eventuali bioincompatibilità da parte del paziente, personalizzando al massimo la scelta degli impianti.

Ulteriori informazioni di settore su: http://www.omceomi.it/ricerca?indexCatalogue=indice&searchQuery=implantologia&wordsMode=0