Caricamento in corso ...

Laser Blefaroplastica: ringiovanire le palpebre senza chirurgia

RIGENERA LASER BLEFAROPLASTICA

Un apparecchio Laser CO2 Superpulsato e la tecnica dedicata “M.S.T. – Micro Spot Technique” (ideata dal Dr. Franco Perego, Monza) consentono di trattare in modo selettivo, rapido e soprattutto senza nessuna incisione chirurgica la regione delle palpebre, eliminando o riducendo in modo importante un eccesso di cute palpebrale ed il suo conseguente corrugamento.

Questo trattamento consente dei risultati visibili e duraturi, senza cicatriciresidue con una ripresa delle normali attività nel giro di un weekend.

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Le risponderemo quanto prima

Valutazione medica gratuita

Informazioni sul trattamento

DURATA: 30-60 minuti

ANESTESIA: Locale

DEGENZA: Ambulatoriale

RIPRESA DELL'ATTIVITA': Weekend

 

Che cos'è il Laser CO2

Che caratteristiche ha il Laser CO2 Superpulsato ?
E’ attualmente il Laser che garantisce i migliori risultati clinici e le maggiori applicazioni terapeutiche dermatologiche. Infatti questo apparecchio genera una luce invisibile agli occhi (10.600 nm di lunghezza d’onda), che viene assorbita in modo selettivo dall’acqua contenuta nella pelle. In questo modo l’acqua (che è il componente principale della cute) viene portata ad ebollizione e trasformata in vapore in tempi rapidissimi; ciò consente l’eliminazione della pelle strato dopo strato garantendo una precisione estrema. 

Quali sono i vantaggi del Laser CO2 ?
Grazie alle caratteristiche della luce laser, il medico può valutare visivamente il grado di profondità raggiunto; questo permette all’operatore di fermarsi al punto giusto senza causare danni eccessivi. Infatti dopo l’intervento con il laser CO2 non si lascia un “cratere” ma una piccola abrasione che guarisce rapidamente. Inoltre l’estrema precisione dello strumento consente di non danneggiare la pelle sana intorno alla zona trattata, per cui dopo l’operazione non ci sono dolore né esiti cicatriziali. 

Il trattamento laser CO2 è doloroso ?
In molti casi non è necessario eseguire l’anestesia locale poiché è possibile regolare la potenza del raggio in modo da causare solo un minimo fastidio. La presenza di un apposito sistema di raffreddamento cutaneo rende la terapia estremamente confortevole ma in ogni caso, se necessario, può essere applicata una crema anestetica che elimina ogni sensazione. 

E’ sicuro ?
Le caratteristiche fisiche del raggio laser CO2 e la presenza del sistema di raffreddamento cutaneo, fanno di questo strumento uno dei più efficaci e sicuri. Inoltre consente di effettuare una “non contact surgery”, vaporizzando le lesioni senza contatto fra lo strumento e la pelle. Infatti il raggio viene emesso da un manipolo che è tenuto a distanza dalla cute garantendo così una estrema sterilità dell’operazione e annullando i rischi di contagio fra pazienti. 

Che cosa accade dopo il trattamento ?
Al termine dell’intervento residua una piccola abrasione che può essere medicate con cerotti particolari, in grado di fare una specie di pelle artificiale. Il paziente deve soltanto cambiare il cerotto ogni 24 ore, pulendo la ferita con una soluzione sterile. Questa particolare pellicola assorbe l’essudato che viene prodotto dalla abrasione e mantiene le giuste condizioni di umidità e di areazione, permettendo la rapida ricrescita della pelle. Essendo impermeabile, il cerotto impedisce la contaminazione della ferita e consente il lavaggio senza dover avere particolari attenzioni. 

Esistono delle controindicazioni ?
Tutti gli interventi sono ambulatoriali e, per le caratteristiche sopraricordate (minima o assente anestesia locale, assenza di dolore post operatorio, rapida guarigione, minimo rischio di cicatrici, sterilità, facile gestione delle ferite ), possono essere eseguiti anche sui bambini, sulle persone anziane e sui portatori di pace-maker (infatti non si utilizza corrente elettrica sulla pelle). 

Cosa è possibile trattare con il Laser CO2 Superpulsato ?
Con il laser CO2 superpulsato è possibile trattare con successo la maggior parte delle lesioni cutanee dai nei dermici (formazioni in rilievo di color carne, che spesso insorgono sul volto) ai fibromi penduli (neoformazioni in rilievo che compaiono solitamente sul collo o sotto le ascelle), dalle verruche piane a quelle volgari (i cosidetti “porri”) anche se insorte in sedi particolari, come la zona intorno alle unghie delle mani o sotto i piedi. Infatti dopo l’intervento con il laser la guarigione è rapida e il fastidio è minimo, per cui i pazienti non hanno alcuna limitazione funzionale e possono subito camminare e/o lavorare. Inoltre l’estrema precisione del raggio laser e il minimo rischio di esiti cicatriziali, consentono di trattare con buoni risultati le lesioni localizzate sul volto ed anche sulle palpebre; dalle verruche seborroiche a quelle piane, dalle cisti di milio a ai nei dermici, dai fibromi agli esiti cicatriziali dell’acne, fino agli xantelasmi (accumuli giallastri di grasso che si formano sulle palpebre). 

Chi ha detto che l’alta tecnologia deve costare molto ?
Il costo varia in base alla quantità, dimensione e localizzazione delle lesioni ed è comunque contenuto, tenuto conto della efficacia e sicurezza della metodica. 

Che cosa altro può trattare il Laser ?
Il laser è una delle principali innovazioni in medicina ed in particolare in dermatologia. Esistono laser diversi in grado di trattare efficacemente la maggior parte delle lesioni cutanee dai capillari del viso a quelli delle gambe, dai peli superflui agli angiomi.

La tecnologia rigenerativa Rigenera

Rigenera è costituito da un dispositivo medico monouso chiamato rigeneracons e da un motore chiamato rigenera machine, in grado di disgregare minuscoli frammenti di tessuto prelevati dal paziente, per ottenere ciò che chiamiamo “micro-innesti”, in modo assolutamente naturale senza aggiunta di prodotti chimici e senza farmaci.

I micro-innesti sono aggregazioni di cellule caratterizzate dalle loro micro-dimensioni, cioè al di sotto dei 70 microns (millesimi di mm): cellule così piccole da preservare la loro capacità di essere facilmente nutrite, una volta re-iniettate nel paziente stesso, con una vitalità elevatissima (oltre l’80%), e con la capacità di rigenerare il tessuto in cui vengono impiantati (cute, osso, mucosa, etc.).

I micro-innesti sono costituiti da:

  • cellule ad elevata vitalità
  • matrice extra-cellulare (è una rete tridimensionale di macromolecole extracellulari, come collagene, enzimi e glicoproteine, che fanno da supporto strutturale e biochimico alle cellule che circondano)
  • fattori di crescita

Il trattamento è da considerarsi più dermatologico che chirurgico nel senso che esiste un passaggio in cui si deve estrarre il piccolo frammento di cute (2.5/3.0 mm) da cui ricavare i micro-innesti, e viene eseguito con un “micro-punch” che è lo stesso strumento che il dermatologo utilizza per eseguire una comune biopsia cutanea.

Per questo motivo è richiesto un ambulatorio chirurgico autorizzato e che il medico abbia una conoscenza chirurgica di base.


SCOPRI GLI ALTRI TRATTAMENTI RIGENERAMED