Cefalea

cefalea sintomi e cause

La cefalea o mal di testa e il dolore facciale sono disturbi comuni. Si stima che nel corso della vita più del 90% delle persone li sperimenta. 

CEFALEA PRIMARIA

Un mal di testa primario non è causato da un’altra condizione: è esso stesso la condizione.

La maggior parte dei pazienti che presenta mal di testa ha una delle seguenti 3 principali sindromi: cefalea tensiva, emicrania o cefalea a grappolo.

CEFALEA SECONDARIA

Un mal di testa secondario è un sintomo di qualcos’altro.

La cefalea può anche derivare da problemi ai seni nasali, come la sinusite o i mucoceli sinusali (cisti interne).

Tra le altre cause della cefalea secondaria possono rientrare:

  • Disturbi cerebrovascolari
  • Ipertensione
  • Ipossia (carenza di ossigeno)
  • Disturbi dentali
  • Traumi
  • Abuso o astinenza da sostanze  
  • Infezioni

Andiamo ad analizzarle, evidenziando i relativi sintomi.

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

TIPI DI Cefalea PRIMARIA

1. CEFALEA DI TIPO TENSIVO

E’ un mal di testa causato dalla tensione che provoca dolore prolungato, non pulsante, di intensità leggera o moderata, che riguarda in genere la nuca. I fattori scatenanti più comuni sono lo stress, l’ansia o la depressione.

Questo tipo di mal di testa può migliorare con l’attività fisica.

DURATA DELLE CRISI

La durata delle crisi può variare molto. Nelle forme chiamate “episodiche“, le crisi durano generalmente da 30 minuti a 7 giorni, mentre nelle forme croniche il dolore può continuare per ore, giorni, settimane, mesi o anni ed essere incessante.

QUANDO SI MANIFESTA

Nelle forme più leggere il disturbo si manifesta principalmente in condizioni di stress; nelle forme più gravi e croniche il dolore appare solitamente la mattina al risveglio e perdura fino a sera.

Gli attacchi acuti possono essere trattati con un uso limitato di analgesici.

La fisioterapia può rivelarsi utile, così come trovare il miglior modo per rilassarsi.

2. EMICRANIA

L’emicrania è generalmente considerata un dolore lancinante e unilaterale, anche se fino al 40% dei casi può avere sintomi bilaterali. È 3 volte più comune nelle donne e spesso esiste una storia familiare. 

L’emicrania classica si verifica nel 25% dei pazienti con sintomi associati come nausea, aura (sintomi visivi o sensoriali) e fotofobia (fastidio alla luce). 

SINTOMI TIPICI DELL’EMICRANIA

I sintomi tipici dell’emicrania includono:

  • Mal di testa pulsante o non pulsante, con dolore da moderato a grave che si intensifica con il movimento o l’attività fisica
  • Dolore unilaterale e localizzato nell’area frontotemporale e oculare, ma il dolore può essere avvertito ovunque intorno alla testa o al collo
  • Il dolore si accumula per un periodo di 1-2 ore, progredendo posteriormente e diventando diffuso
  • La cefalea dura 4-72 ore
  • Nausea (80%) e vomito (50%), tra cui anoressia e intolleranza alimentare e stordimento
  • Sensibilità alla luce e al suono

FATTORI SCATENANTI

I fattori scatenanti dell’emicrania potrebbero includere:

  • Stress e ansia
  • Interruzione del sonno
  • Cambiamenti ormonali
  • Pasti saltati
  • Disidratazione
  • Alcuni cibi e farmaci
  • Luci intense e rumore forte

TRATTAMENTO DELL’EMICRANIA

Il trattamento dell’emicrania prevede una terapia acuta e una preventiva. I pazienti con attacchi frequenti di solito richiedono entrambe. 

Sono generalmente consigliate anche le misure dirette a ridurre i fattori scatenanti dell’emicrania.

Il trattamento acuto ha lo scopo di eliminare o almeno prevenire la progressione di un mal di testa. Il trattamento preventivo, che viene somministrato anche in assenza di mal di testa, mira a ridurre la frequenza e la gravità degli attacchi di emicrania, a rendere gli attacchi acuti più sensibili alla terapia e forse anche a migliorare la qualità della vita del paziente.

Il trattamento preventivo dell’emicrania può anche includere: 

  • La riduzione dei fattori scatenanti dell’emicrania, come ad esempio la mancanza di sonno, affaticamento, stress, determinati alimenti.
  • Medicina integrativa (ad esempio Farfaraccio, riboflavina, magnesio, coenzima Q10)

3. CEFALEA A GRAPPOLO

La cefalea a grappolo può causare una dolorosa sensazione di bruciore dietro gli occhi.

Le cefalee a grappolo sono forti e ricorrenti che hanno sei volte più probabilità di svilupparsi negli uomini che nelle donne. Le persone descrivono un intenso dolore bruciante o penetrante dietro o intorno a un occhio.

Altri sintomi possono includere:

  • Epifora (occhi che lacrimano in maniera eccessiva)
  • Palpebre gonfie
  • Naso chiuso o che cola
  • Sensibilità alla luce e al suono
  • Irrequietezza o agitazione

 

Le cefalee a grappolo si verificano generalmente in modo improvviso, senza preavviso e durano tra 15 minuti e 3 ore. Le persone possono sperimentare fino a otto attacchi al giorno.

QUANDO SI MANIFESTA

Gli attacchi tendono a verificarsi in gruppi giornalieri che possono persistere per settimane o mesi. In genere si svolgono alla stessa ora del giorno, che può spesso essere un paio d’ore dopo essersi addormentato di notte.

CAUSE

La causa del mal di testa a grappolo non è chiara, ma è più probabile che si verifichino nei fumatori. Le persone dovrebbero evitare l’alcol durante i periodi di attacco.

Il trattamento mira a ridurre la gravità e la frequenza degli attacchi.

TIPI DI Cefalea SECONDARIA

anatomia del naso: seni frontali, seni etmoidali, cavità nasali, seni mascellari e seni sferoidali

1. CEFALEA DA SINUSITE

Il sistema di classificazione della International Headache Society (IHS) elenca i seguenti criteri per la diagnosi del mal di testa da sinusite: 

  • Mal di testa frontale che è accompagnato da dolore in una o più regioni del viso, delle orecchie o dei denti;
  • Prove cliniche, endoscopiche nasali o TAC e / o RM e / o di laboratorio di rinosinusite acuta o acuta-cronica
  • Mal di testa e dolore facciale che si sviluppano contemporaneamente all’esordio o all’esacerbazione acuta della rinosinusite
  • Mal di testa, dolore facciale o entrambi che si risolvono entro 7 giorni dalla remissione o dal successo del trattamento della rinosinusite acuta o acuta-cronica.

SINTOMI COESISTENTI PER RICONOSCERLA

I pazienti con dolore facciale dovuto a sinusite acuta presentano sintomi coesistenti come ostruzione nasale, iposmia (diminuzione o l’assenza dell’olfatto) o secrezione nasale purulenta e segni endoscopici di malattia come drenaggio purulento, infiammazione ed edema

2. MUCOCELI SINUSALI

I mucoceli sinusali (cisti da ritenzione di muco) sono lesioni cistiche croniche a crescita lenta. I mucoceli possono essere una fonte di dolore quando sono abbastanza grandi da causare pressione contro le pareti ossee del seno. Il mucocele mascellare può causare sinusite attraverso l’ostruzione del complesso ostio-meatale.

COMPLESSO OSTIO-MEATALE (SINUSITE)

Il mucocele frontoetmoidale è il più clinicamente significativo e può causare mal di testa frontale e dolore orbitale. Il mucocele sfenoetmoidale può causare dolore nasale occipitale, acuto o profondo.

Il trattamento consiste nella rimozione chirurgica endoscopica o nella marsupializzazione del mucocele (incisione e svuotamento del liquido contenuto).

3. MAL DI TESTA DA USO ECCESSIVO DI FARMACI

Il mal di testa da abuso di farmaci, a volte noto come cefalea di rimbalzo, è il tipo più comune di mal di testa secondario. E’ caratterizzato da mal di testa frequenti o quotidiani con sintomi simili a quelli di cefalea tensiva o emicrania.

Questi mal di testa inizialmente rispondono agli antidolorifici ma poi si ripresentano più tardi.

Può derivare dall’assunzione di antidolorifici per più di 15 giorni in un mese. I farmaci che possono causare questo tipo di mal di testa includono:

  • oppioidi
  • acetaminofene
  • triptani, come il sumatriptan
  • FANS, come aspirina e ibuprofene

Il mal di testa può verificarsi nonostante l’assunzione di questi farmaci come indicato. Tuttavia,  sembra svilupparsi principalmente nelle persone che assumono antidolorifici specificamente per il trattamento di un mal di testa.

L’unico trattamento per questo mal di testa consiste nell’interrompere l’assunzione del farmaco che lo causa. Chiunque interrompa i farmaci dovrebbe farlo sotto la supervisione di un medico. Il medico sarà in grado di aiutare a elaborare un piano e potrebbe essere in grado di prescrivere altri medicinali che possono facilitare il processo di astinenza.

È probabile che i sintomi peggiorino prima di migliorare dopo l’interruzione del farmaco. Il mal di testa di solito cessa entro 10 giorni.

I sintomi di astinenza aggiuntivi di solito scompaiono entro 7 giorni ma possono richiedere fino a 3 settimane. Questi includono:

  • nausea e vomito
  • aumento della frequenza cardiaca
  • disturbi del sonno
  • irrequietezza, ansia e nervosismo

4. MAL DI TESTA CORRELATI ALLA CAFFEINA

Il consumo pesante di caffeina – oltre 400 milligrammi (mg), o circa 4 tazze di caffè – a volte può portare a mal di testa.

Nelle persone che consumano più di 200 mg di caffeina al giorno per oltre 2 settimane, l’astinenza può provocare mal di testa simile all’emicrania. In genere si sviluppa entro 24 ore dall’interruzione improvvisa dell’assunzione di caffeina.

Altri possibili sintomi includono:

  • stanchezza
  • difficoltà di concentrazione
  • cattivo umore o irritabilità
  • nausea

I sintomi vengono spesso alleviati entro un’ora dall’assunzione di caffeina o si risolvono completamente entro 7 giorni dal completa eliminazione della caffeina..

Gli effetti della caffeina variano da persona a persona, ma ridurre l’assunzione potrebbe ridurre il rischio di avere mal di testa. Limitare il consumo di caffeina è talvolta raccomandato per le persone che hanno emicrania cronica.

5. MAL DI TESTA MESTRUALE

Il mal di testa è spesso correlato ai cambiamenti nei livelli ormonali. Nelle donne, l’emicrania è spesso collegata a periodi dovuti a cambiamenti naturali nei livelli di estrogeni.

Queste emicranie mestruali si sviluppano nei giorni immediatamente precedenti o durante il ciclo oppure, talvolta, durante l’ovulazione. I sintomi sono simili all’emicrania senza aura ma possono durare più a lungo o essere più debilitanti.

Il mal di testa correlato agli ormoni può anche essere causato da:

  • contraccettivi orali
  • menopausa
  • gravidanza

PROGRAMMI SEMPLIFICATI DI MEDICINA INTEGRATA

VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

ALTRI TIPI DI Cefalea SECONDARIA

ORIGINE DENTALE

Il dolore di origine dentale può essere riferito a molte aree della testa e del viso. Il dolore facciale di origine dentale è spesso causato dalla carie che progredisce in infezione della polpa o ascesso apicale o malattia parodontale.

ORIGINE POSTURALE

Una cattiva postura, schiacciamenti vertebrali, disequilibri osteoarticolari possono essere causa di mal di testa ricorrenti.

CAUSE DIVERSE

Le restanti categorie di mal di testa secondario includono mal di testa attribuito a trauma cranico e trauma cervicale, disturbi intracranici non vascolari (p. Es., Idrocefalo, tumore), abuso o astinenza da sostanze (p. Es., Astinenza da caffeina), infezione (p. Es., Meningite), disturbi omeostatici (p. Es. ipossia, ipertensione), disturbi delle strutture craniche e facciali (p. es., dolore orbitale, otalgia, disturbi del rachide cervicale) e cause psichiatriche.

NEVRALGIE

Nevralgie craniche

Le nevralgie facciali sono spesso dolori lancinanti improvvisi, unilaterali e limitati alla distribuzione del nervo cranico interessato.

Nevralgia del trigemino

Questa è la nevralgia cranica più comune, con un’incidenza del 5 su 100.000 persone. È un dolore lancinante, parossistico, unilaterale, lancinante nella distribuzione di uno o più rami del quinto nervo cranico. Il ramo mandibolare è più comunemente interessato. Il dolore è spesso innescato da una stimolazione minima dell’area interessata.

Uno studio statunitense ha suggerito che la decompressione microvascolare ha un tasso più elevato di successo nella produzione di sollievo dal dolore a lungo termine rispetto alla radiochirurgia Gamma Knife (invio di fasci di fotoni ad alta energia sul nervo per necrotizzare le parti del nervo lese). Lo studio, che ha incluso 49 pazienti trattati con radiochirurgia gamma-Knife e 20 pazienti trattati con decompressione microvascolare (basata sull’ipotesi che la nevralgia del trigemino sia dovuta alla compressione della radice del trigemino da parte di un’arteria con decorso anomalo, prevede l’apertura del cranio per raggiungere la radice del trigemino ed interporre fra questa e l’arteria con decorso anormale una spugnetta che impedisce all’arteria di comprimere la radice. Può essere anche fatta in endoscopia), ha scoperto che alla fine del follow-up (una media di 5,3 anni), l’85% dei pazienti con decompressione microvascolare stava vivendo un sollievo totale dal dolore, rispetto al 45% dei pazienti trattati con con gamma knife.

Nevralgia glossofaringea

Questo è un dolore parossistico che ha origine nella fossa tonsillare o nella regione di base della lingua. Il dolore può essere provocato deglutendo, masticando, sbadigliando o parlando. Possono anche verificarsi ipotensione, bradicardia o sincope. Si ritiene che la causa derivi dalla compressione vascolare intracranica del nono nervo cranico quando esce dal midollo.

Il trattamento iniziale consiste in carbamazepina.

Nevralgia occipitale

E’ causata dall’irritazione dei nervi grande e piccolo occipitale di Arnold.

I soggetti affetti da Nevralgia occipitale o nevralgia di Arnold hanno crisi dolorose intense, unilaterali, intermittenti o continue, che hanno origine nell’area della nuca e occipitale, fino a coinvolgere la parte anteriore del capo e la regione oculare.

Può verificarsi in seguito a traumi ai nervi, alterazioni artritiche della colonna cervicale o compressione da tumore.

I sintomi della nevralgia di Arnold includono:

  • episodi ricorrenti di dolore acuto e severo, di tipo pulsante o urente, descritto come tagliente, trafittivo, tipo scossa elettrica o pugnalata, che inizia dalla porzione superiore del collo e dalla regione posteriore della testa e si irradia anteriormente, fino a coinvolgere il sopracciglio e la parte posteriore dell’occhio. 
  • Quando il dolore coinvolge l’occhio è possibile la presenza di visione offuscata. 
  • Nella maggioranza dei casi il dolore è unilaterale, anche se è possibile un dolore bilaterale qualora entrambi i nervi occipitali siano colpiti. 
  • La durata degli attacchi è estremamente variabile da pochi secondi a diverse ore o addirittura giorni.

Uno studio statunitense ha scoperto che a 1 mese dalla post-procedura, i pazienti sottoposti ad ablazione con radiofrequenza termica per nevralgia occipitale hanno riportato un sollievo dal dolore medio del 76,3%, con una riduzione del dolore della durata media di 6 mesi e mezzo.

Nevralgia intermittente del nervo

Si tratta di un dolore lancinante nel ramo somatosensoriale del settimo nervo cranico. Il dolore è profondo nel canale uditivo esterno innescato dalla stimolazione del canale stesso o dalla deglutizione o dal parlare. 

La gestione medica è simile a quella per la nevralgia del trigemino.

APPROFONDIMENTI

QUANDO VEDERE UN DOTTORE

La maggior parte dei mal di testa è raramente un segno di qualcosa di più grave e la maggior parte delle persone può gestirli in modo efficiente con antidolorifici da banco.

Tuttavia, chiunque soffra di mal di testa grave, persistente, ricorrente o in peggioramento dovrebbe consultare un medico. L’assistenza medica deve essere richiesta immediatamente per:

  • mal di testa che si manifestano molto all’improvviso e sono estremamente dolorosi
  • mal di testa ricorrenti nei bambini
  • mal di testa a seguito di un duro colpo alla testa
  • mal di testa associato a confusione o disturbi della vista, dell’equilibrio o della parola
  • mal di testa associato a intorpidimento o debolezza
  • mal di testa associato a febbre, convulsioni o perdita di coscienza
  • mal di testa accompagnato da un torcicollo o un’eruzione cutanea
  • mal di testa associato a vomito persistente

TRATTAMENTO Della Cefalea

 Il trattamento è strettamente correlato al tipo di cefalea, come analizzato in precedenza.

In taluni casi è sufficiente correggere il proprio stile di vita, evitando ciò che si è notato a livello soggettivo possa scatenarlo.

E’ essenziale sia un’osservazione diretta da parte della persona stessa della sequenza causa-effetto, sia una diagnosi accurata per risalire ai fattori scatenanti.

DIAGNOSI E TRATTAMENTO Della Cefalea PRESSO IL BIOMEDIC

Patologie di natura infiammatoria, metabolica, infettiva, allergica, autoimmunitaria vengono trattate presso il Biomedic Clinic & Research avvalendosi della Medicina Integrata. Ciò si traduce in un approccio personalizzato che prende in considerazione metodi diagnostici e terapeutici propri sia della medicina tradizionale che di quella naturale, al fine di occuparsi anche delle cause scatenanti di un determinato disturbo, riferite al singolo paziente. 

Per la diagnosi ed il trattamento della cefalea è possibile effettuare, oltre ad analisi di laboratorio specifiche, anche visite mediche specialistiche ed in particolare un test biofisico completo, seguito da trattamenti di medicina integrata, i quali possono includere trattamenti biofisici, piano nutrizionale personalizzato e terapie di medicina naturale e/o tradizionale, in base a quanto emerso in fase di diagnosi.

RICHIEDI UNA VALUTAZIONE MEDICA PRELIMINARE 

MEDICINA INTEGRATA

INVIA ORA I TUOI DATI

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali analisi già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Caffeine-withdrawal headache. (n.d.)
ichd-3.org/8-headache-attributed-to-a-substance-or-its-withdrawal/8-3-headache-attributed-to-substance-withdrawal/8-3-1-caffeine-withdrawal-headache/

Cluster headache. (n.d.)
ichd-3.org/3-trigeminal-autonomic-cephalalgias/3-1-cluster-headache/

Delayed alcohol-induced headache. (n.d.)
ichd-3.org/8-headache-attributed-to-a-substance-or-its-withdrawal/8-1-headache-attributed-to-use-of-or-exposure-to-a-substance/8-1-4-alcohol-induced-headache/8-1-4-2-delayed-alcohol-induced-headache/

DeMaagd, G. (2008, July). The pharmacological management of migraine, part 1. Pharmacy and Therapeutics, 33(7), 404–416
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2740949

Estemalik, E., & Tepper, S. (2013, May 17). Preventive treatment in migraine and the new US guidelines. Neuropsychiatric Disease and Treatment, 9, 709–720
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3663475/

Hangover cures. (2017, February 28)
nhs.uk/Livewell/alcohol/Pages/Hangovers.aspx

Headache disorders [Fact Sheet]. (2016, April)
who.int/mediacentre/factsheets/fs277/en

Headache: Hope through research. (2017, June 28)
ninds.nih.gov/Disorders/Patient-Caregiver-Education/Hope-Through-Research/Headache-Hope-Through-Research

Headache – medication overuse. (2012, November)
cks.nice.org.uk/headache-medication-overuse

Headaches. (2017, December 21)
nhs.uk/conditions/headaches

Headaches in over 12s: diagnosis and management. (2015, November)
nice.org.uk/guidance/cg150

Hormone headaches. (2015, June 2)
nhs.uk/Livewell/headaches/Pages/Hormonalheadaches.aspx

How common are headaches? (2014, February)
who.int/features/qa/25/en

Hutchinson, S. (2016, May 27). Sinus headaches
americanmigrainefoundation.org/understanding-migraine/sinus-headaches

Hypnic headache. (n.d.)
ichd-3.org/other-primary-headache-disorders/4-9-hypnic-headache/

Hypnic headache. (2017, January 29)
americanmigrainefoundation.org/understanding-migraine/hypnic-headache

Medication-overuse headache (MOH). (n.d.)
ichd-3.org/8-headache-attributed-to-a-substance-or-its-withdrawal/8-2-medication-overuse-headache-moh/

Migraine. (2016, May 26)
www.nhs.uk/conditions/Migraine

Minor head injury/lump on head. (2015, September 25)
nhs.uk/conditions/minor-head-injury

Nirenburg, H. del C., Ailani, J., Malloy, M., Siavoshi, S., Hu, N. N., & Yusuf, N. (2015, September). Systematic review of preventive and acute treatment of menstrual migraine [Abstract]. Headache, 55(8), 1052–1071
onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/head.12640/abstract

Painkiller headaches. (2015, June 2)
nhs.uk/Livewell/headaches/Pages/Painkillerheadaches.aspx

Post-traumatic headache. (2016, May 27)
americanmigrainefoundation.org/understanding-migraine/post-traumatic-headache

Primary exercise headache. (n.d.)
ichd-3.org/other-primary-headache-disorders/4-2-primary-exercise-headache/

Severe head injury. (2016, January 12)
nhs.uk/conditions/severe-head-injury

Shapiro, R. E., & Cowan, R. C. (2017, January 10). Caffeine and migraine
americanmigrainefoundation.org/understanding-migraine/caffeine-and-migraine

Sinus headache. (2015, February 2)
nhs.uk/conditions/sinus-headache

Tension-type headaches. (2015, August 7)
nhs.uk/conditions/tension-headaches/

The International Classification of Headache Disorders 3rd edition (beta version). (n.d.)
ichd-3.org

When to see a healthcare professional. (n.d.)
headaches.org/when-to-see-a-physician-for-your-headache/headaches.org/when-to-see-a-physician-for-your-headache/

Wikoff, D., Welsh, B. T., Henderson, R., Brorby, G. P., Britt, J., Myers, E., … Doepker, C. (2017, November). Systematic review of the potential adverse effects of caffeine consumption in healthy adults, pregnant women, adolescents, and children. Food and Chemical Toxicology, 109(Pt 1), 585–648
sciencedirect.com/science/article/pii/S0278691517301709?via%3Dihub

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.