Caricamento in corso ...

Amebiasi

Amebiasi

L’amebiasi, chiamata anche dissenteria amebica, è una malattia intestinale causata da un microscopico parassita chiamato Entamoeba histolytica, che si diffonde attraverso le feci umane. Spesso non ci sono sintomi, ma a volte provoca diarrea, nausea (sensazione di malessere allo stomaco) e perdita di peso.

 

Come si diffonde l'amebiasi

Il parassita vive solo nell'uomo e viene trasmesso nelle feci di una persona infetta. Una persona contrae l’amebiasi mettendo qualcosa in bocca che ha toccato le feci infette o mangiando o bevendo cibo o acqua contaminata dal parassita. Può anche essere diffuso sessualmente per contatto orale-anale.

Alcune persone con amebiasi possono trasportare il parassita per settimane o anni, spesso senza sintomi.

I sintomi dell'amebiasi e quando compaiono

La maggior parte delle persone infette da questo parassita non manifesterà alcun sintomo.

Coloro che si ammalano possono presentare sintomi lievi o gravi.

La forma lieve di amebiasi comprende:

  • Nausea 
  • Diarrea
  • Perdita di peso 
  • Dolorabilità allo stomaco  
  • Febbre occasionale

Raramente, il parassita invaderà il corpo oltre l'intestino e causerà un'infezione più grave, come un ascesso epatico (una raccolta di pus nel fegato). I sintomi possono comparire da pochi giorni a qualche mese dopo l'esposizione, ma generalmente entro 2-4 settimane.

 

Chi può contrarre l'amebiasi

Chiunque può contrarre questa malattia, ma è più comune in:

  • Persone che hanno viaggiato in luoghi tropicali con condizioni igieniche sfavorevoli
  • Immigrati o viaggiatori provenienti da paesi tropicali che hanno cattive condizioni sanitarie
  • Le persone che vivono in istituzioni con cattive condizioni sanitarie
  • Uomini che fanno sesso con uomini

Diagnosi dell’amebiasi

L'esame delle feci al microscopio è il modo più comune per diagnosticare l'amebiasi. A volte, è necessario ottenere diversi campioni di feci perché il numero di amebe che passano nelle feci, che varia di giorno in giorno, potrebbe essere troppo basso per essere rilevato da ogni singolo campione.

 

trattamento per l'amebiasi

Sono disponibili diversi antibiotici per curare l'amebiasi. Il trattamento deve essere prescritto da un medico.

 

prevenire la diffusione dell'amebiasi

Lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone dopo aver usato la toilette o aver maneggiato i pannolini sporchi e il corretto smaltimento dei liquami è il modo più importante per prevenire l'amebiasi.

Le persone con amebiasi dovrebbero evitare il contatto sessuale fino a quando l'infezione non viene trattata e si è risolta.

Quando si viaggia in un paese con cattive condizioni sanitarie, è importante bere acqua da fonti che si conoscono come acqua in bottiglia sigillata, acqua di rubinetto bollita e acqua gassata da lattine sigillate. È anche importante stare attenti al cibo che si mangia: evitare di mangiare cibi di venditori ambulanti, frutta fresca o verdura già sbucciata o preparata e latticini crudi (non pastorizzati).

 

Una persona infetta dovrebbe essere esclusa dal lavoro o dalla scuola?

Sebbene le persone con diarrea dovuta all'amebiasi non debbano frequentare la scuola o andare al lavoro, non è necessario escludere le persone infette quando si sentono meglio e le feci sono normali. È improbabile che un contatto occasionale al lavoro o a scuola diffonda la malattia.

I bambini iscritti alle strutture per l'infanzia potrebbero dover prendere precauzioni speciali.

I gestori di alimenti potrebbero non dover lavorare mentre sono malati di amebiasi.

Consultare il proprio dipartimento sanitario locale per consigli in tali casi.

Ascesso epatico amebico

L'ascesso epatico amebico è una raccolta di pus nel fegato in risposta a un parassita intestinale chiamato Entamoeba histolytica.

Dopo che si è verificata un’infezione (amebiasi), il parassita può essere trasportato, dal flusso sanguigno, dall'intestino al fegato.

L'amebiasi si diffonde dal cibo o dall'acqua contaminata dalle feci. Questo a volte è dovuto all'uso di rifiuti umani come fertilizzante. L'amebiasi si diffonde anche attraverso il contatto da persona a persona.

 

I fattori di rischio per l'ascesso epatico amebico includono:

  • Recenti viaggi in una regione tropicale
  • Alcolismo
  • Cancro
  • Immunosoppressione, inclusa l'infezione da HIV / AIDS
  • Malnutrizione
  • Vecchiaia
  • Gravidanza
  • Uso di steroidi

 

Sintomi di ascesso epatico amebico

Di solito non ci sono sintomi di infezione intestinale. Ma le persone con ascesso epatico amebico presentano sintomi, tra cui:

  • Dolore addominale, più nella parte destra dell'addome; il dolore è intenso, continuo o lancinante
  • Tosse
  • Febbre e brividi
  • Diarrea, non sanguinante (solo in un terzo dei pazienti)
  • Disagio o malessere generale
  • Singhiozzo che non si ferma (raro)
  • Ittero (ingiallimento della pelle, delle mucose o degli occhi)
  • Perdita di appetito
  • Sudorazione
  • Perdita di peso

 

Trattamento dell’ascesso epatico amebico

Gli antibiotici come metronidazolo (Flagyl) o tinidazole (Tindamax) sono il solito trattamento per l'ascesso epatico.

Deve essere anche assunto un farmaco come la paromomicina o il diloxanide per sbarazzarsi di tutta l'ameba nell'intestino e per prevenire il ritorno della malattia. Questo trattamento di solito può attendere fino a quando è stato trattato l'ascesso.

In rari casi, potrebbe essere necessario drenare l'ascesso usando un catetere o un intervento chirurgico per alleviare parte del dolore addominale e aumentare le possibilità di successo del trattamento.

Senza trattamento, l'ascesso può rompersi (rottura) e diffondersi in altri organi, portando alla morte. Le persone trattate hanno una probabilità molto alta di ottenere una guarigione completa o solo di piccole complicanze.

 

Possibili complicazioni dell'ascesso epatico amebico

L'ascesso può rompersi nella cavità addominale, nel rivestimento dei polmoni, nei polmoni o nella sacca attorno al cuore. L'infezione può anche diffondersi al cervello.

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Valutazione medica gratuita

Analisi di laboratorio per verificare la presenza di parassiti nell'intestino

L’esame si rivela utile, e spesso necessario, se si torna da un viaggio in una zona a rischio, ma è di fondamentale importanza anche per l’identificazione di alcuni parassiti “nostrani”, soprattutto se si ha l’abitudine di consumare carne e soprattutto pesce crudi.

PARASITOLOGY CHECK

 

Dipartimento di Medicina Integrata

INDAGINI E TRATTAMENTI DI BIORISONANZA

Test e trattamenti di medicina integrata per l'identificazione ed il trattamento di condizioni infiammatorie e infettive.

 



CERCA ARTICOLI


Riferimenti e Bibliografia:

  • Amebiasis - health.ny.gov/diseases/communicable/amebiasis/fact_sheet.htm

  • Amebic liver abscess - medlineplus.gov/ency/article/000211.htm

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.