Caricamento in corso ...

Abbassamento della voce o Disfonia

ABBASSAMENTO DELLA VOCE / DISFONIA

L’abbassamento della voce è uno dei sintomi di disfonia. Il termine generico disfonia comprende i sintomi uditivi-percettivi dei disturbi della voce. La disfonia è caratterizzata da qualità vocale, tono, volume o sforzo vocale alterati.

La maggior parte dei casi di disfonia sono auto-limitanti, ma qualsiasi persona che sia stata rauca per quattro settimane o più dovrebbe rivolgersi al proprio medico di famiglia. Potrebbe essere necessario essere visitati da un otorinolaringoiatra per ulteriori esami, compresa l'ispezione della laringe. Questo può essere fatto abbastanza facilmente dallo specialista usando uno specchio angolato o un "telescopio" a fibra ottica flessibile.

Raucedine persistente, difficoltà a deglutire, mal di gola, soffocamento durante la deglutizione (in particolare i liquidi), mal di orecchie persistente, tosse con sangue, perdita di peso e perdita di appetito possono indicare una condizione più grave e devono sempre essere presi sul serio.

LA VOCE

La normale produzione vocale dipende:

  • dalla potenza e dal flusso d'aria forniti dal sistema respiratorio;
  • dalla forza muscolare laringea, equilibrio, coordinazione e resistenza;
  • dal coordinamento tra questi e le strutture risonatorie supraglottiche (faringe, cavità orale, cavità nasale).

Un disturbo in uno dei tre sottosistemi di produzione vocale (cioè respiratorio, laringeo e del tratto vocale subglottale) o nell'equilibrio fisiologico tra i sistemi può portare a un disturbo della voce.

SEGNI E SINTOMI DI DISFONIA

Segni e sintomi di disfonia comprendono:

  • Raucedine (percezione della vibrazione aberrante della piega vocale)
  • Respiro affannoso (percezione della fuga d'aria udibile nel segnale sonoro o scoppi di respiro affannoso)
  • Tensione (percezione di uno sforzo maggiore; teso o duro come se si parlasse e sollevasse qualche peso allo stesso tempo)
  • Qualità della voce strozzata (come se si trattenesse il respiro)
  • Intonazione anomala (troppo alta, troppo bassa, interruzioni di tono, intervallo di tono ridotto)
  • Volume anormale (troppo alto, troppo basso, portata ridotta, volume instabile)
  • Risonanza anormale (risonanza ipernasale, iponasale, cul de sac)
  • Afonia (perdita della voce)
  • Interruzioni di fonazione
  • Astenia (voce debole)
  • Voce dal suono gorgogliante / umido
  • Voce pulsata (scricchiolii udibili o impulsi nel suono)
  • Voce acuta (suono acuto e penetrante, come se si soffocasse un grido)
  • Voce tremula (voce traballante; intonazione ritmica e sonorità)

 

Altri segni e sintomi includono

  • Aumento dello sforzo vocale associato al parlare
  • Riduzione della resistenza vocale o insorgenza di affaticamento con uso vocale prolungato
  • Qualità vocale variabile durante il giorno o durante la conversazione
  • Trovarsi rapidamente a corto di fiato
  • Tosse frequente o schiarimento della gola (può peggiorare con un maggiore uso della voce)
  • Tensione eccessiva della gola o della laringe / dolore / tenerezza

Segni e sintomi possono verificarsi isolatamente o in combinazione.

CAUSE DELL'ABBASSAMENTO DELLA VOCE

Le cause possono essere organiche, funzionali e/o psicogene.

 

Le cause organiche includono quanto segue:

Cause Strutturali

  • Anomalie della piega vocale o corda vocale vera, come ad esempio noduli, edema (gonfiore), stenosi glottale (restringimento della glottide), papilloma respiratorio ricorrente, sarcopenia (atrofia muscolare associata all'invecchiamento)
  • Infiammazione della laringe (ad es. artrite a carico di cartilagini della laringe, laringite, reflusso laringofaringeo)
  • Trauma alla laringe (ad es. da intubazione, esposizione chimica o trauma esterno)

Cause Neurologiche

  • Paralisi ricorrente del nervo laringeo
  • Disfonia spasmodica (una contrazione eccessiva, involontaria e abnorme dei muscoli che avvicinano le corde vocali. Questa provoca una qualità della voce forzata, strozzata, soffocata, spesso con un'inizio e un finale dell'emissione bruschi, che risultano in una voce interrotta da brevi intervalli)
  • Morbo di Parkinson
  • Sclerosi multipla

 

Le cause funzionali includono quanto segue:

  • Fonotrauma (ad es. urla, schiarimento eccessivo della gola)
  • Disfonia della tensione muscolare
  • Disfonia ventricolare (La disfonia ventricolare è caratterizzata da una tipica qualità della voce ruvida e acuta, risultante da false vibrazioni delle corde vocali. Le vere corde vocali sono significativamente rigide e non possono ottenere buoni schemi di vibrazione. In questi casi le false pieghe fungono da scelta secondaria appropriata per la voce)
  • Affaticamento vocale (ad es. a causa di sforzo o uso eccessivo)

 

Le cause psicogene comprendono:

  • Disturbi da stress cronici
  • Ansia
  • Depressione
  • Reazione di conversione (ad es. afonia e disfonia di conversione: in psicologia si parla di conversione in quanto il paziente converte il conflitto psicologico in un'affezione fisica, con perdita di funzioni motorie o sensitive)

 

Secondo l’ aggiornamento del 2018 delle linee guida di pratica clinica per raucedine / disfonia dell'American Academy of Otolaryngology-Head and Neck Surgery Foundation (AAO-HNSF), i medici dovrebbero considerare la disfonia "... in un paziente con qualità della voce, tono, volume o voce alterati, o sforzo che compromette la comunicazione o riduce la qualità della vita.“

 

Le linea guida dell’AAO-HNSF includono un elenco esaustivo di fattori di rischio storici associati alla disfonia. Esempi di tali fattori che contribuiscono includono, ma non sono limitati a:

 

  • Recente intervento chirurgico (intubazione endotracheale, chirurgia testa / collo / colonna vertebrale / torace o entrambi - alcune altre operazioni chirurgiche, inclusa la rimozione della ghiandola tiroidea e la chirurgia cardiaca o polmonare, possono danneggiare i nervi della laringe causando una paralisi temporanea o permanente)
  • Fumo (ad es. tabacco, sigarette elettroniche)
  • Uso frequente della voce in contesti professionali (ad es. Insegnanti, cantanti, giornalisti)
  • Edema di Reinke della laringe (una particolare forma di infiammazione cronica delle corde vocali che colpisce soltanto i fumatori. In seguito all’azione delle nicotina, in un lasso di tempo di alcuni anni, tra la superficie della corda vocale ed il muscolo si forma una raccolta gelatinosa quasi sempre bilaterale e simmetrica, che forma due grossi polipi che vibrano durante la respirazione e la fonazione. L’edema di Reinke è responsabile delle tipica voce bassa e rauca del fumatore.

 

Poiché la disfonia e la raucedine sono visibili come i primi sintomi di molti disturbi e un adeguato trattamento delle malattie richiede un'accurata diagnosi delle cause sottostanti, l'esame e la valutazione della faringe e della laringe sembrano essere essenziali. L'osservazione della laringe e della faringe è una parte importante di un esame approfondito che coinvolga anche testa e collo.

L'aggiornamento delle linee guida di pratica clinica AAO-HNSF per disfonia / raucedine non raccomanda la Tomografia Computerizzata (TC) o la Risonanza Magnetica per i pazienti con un disturbo vocale primario prima di visualizzare la laringe.

L'AAO-HNSF non raccomanda di trattare casi isolati di disfonia con farmaci antireflusso senza prima visualizzare la laringe per segni compatibili con malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) o reflusso laringofaringeo, come pure non raccomanda l'uso di routine di corticosteroidi per la disfonia isolata prima di visualizzare la laringe e stabilire una diagnosi. In effetti, l'AAO-HNSF non raccomanda la terapia con corticosteroidi per la disfonia a causa di una significativa mancanza di dati di supporto.

TRATTAMENTO DELLA DISFONIA

L'aggiornamento delle linee guida sulla disfonia dell’AAO-HNSF rileva che la disfonia è più comunemente dovuta a laringite virale acuta e quindi il trattamento con un antibiotico sarà inefficace. La laringite acuta è una condizione auto-limitata e in genere migliora o si risolve entro 7-10 giorni, indipendentemente dal fatto che siano prescritti antibiotici o meno, quindi un periodo di osservazione iniziale è ragionevole.

 

PREVENIRE LA DISFONIA

Secondo l'aggiornamento delle linee guida sulla disfonia AAO-HNSF, i medici dovrebbero raccomandare modifiche comportamentali e ambientali ai pazienti per prevenire o ridurre il rischio di sviluppare disfonia.

Le misure preventive includono:

  • Aumentare l'assunzione di acqua (bere 6-8 bicchieri d’acqua al giorno)
  • Utilizzo di dispositivi di amplificazione in spazi ampi e rumorosi per ridurre la tensione vocale
  • Riposare la voce per brevi periodi per prevenire affaticamento e abuso
  • Utilizzo di un umidificatore per interni in ambienti asciutti

 

Le modifiche allo stile di vita e le strategie per migliorare la salute della voce includono:

  • Smettere di fumare ed evitare il fumo passivo, entrambi i quali possono irritare il tratto aerodigestivo superiore
  • Evitare l'abuso o la tensione eccessiva della voce (ad esempio, urla, sussurro)
  • Evitare un'eccessiva schiarita o tosse di gola
  • Evitare il consumo di bevande alcoliche e contenenti caffeina, che possono causare secchezza della gola e ispessimento del muco
  • Evitare i farmaci che possono seccare le mucose (L'elenco dei farmaci "essiccanti" è ampio, ma include molte classi comuni di farmaci come antistaminici, decongestionanti e diuretici)

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Le risponderemo quanto prima
 

Valutazione medica gratuita

Riferimenti e Bibliografia:

American Speech-Language-Hearing Association: www.asha.org/PRPSpecificTopic.aspx?folderid=8589942600&section=Causes

Medscape: www.medscape.com/viewarticle/898140_3

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.