Caricamento in corso ...

Acidosi Metabolica (aumento dell'acidità del sangue)

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Le risponderemo quanto prima
 

Valutazione medica gratuita

ACIDOSI METABOLICA

L'acidosi metabolica è un disturbo clinico caratterizzato da un aumento dell'acidità del sangue.

L'acidosi metabolica deve essere considerata un segno di un processo patologico di base. Non è una malattia in sé, ma piuttosto un'anomalia biochimica. Tuttavia l'acidosi metabolica grave non trattata può portare a depressione miocardica, convulsioni, shock e insufficienza multiorgano.

Definizioni di base

I processi metabolici che avvengono all’interno del nostro corpo portano a continue variazioni del pH, in un continuo susseguirsi di apporto-eliminazione di “acidi” e “basi” che determinano modifiche nella concentrazione dello ione idrogeno (H+) con conseguente variazione del pH dell’organismo che deve far fronte a queste variazioni e mantenere il pH fisiologico che corrisponde a 7.38/7.44.

Un acido è una sostanza che può donare ioni idrogeno (H +). Una base è una sostanza che può ricevere ioni H +.

Ci sono tre classi di acidi che possono alterare l’equilibrio del pH:

Gli acidi fissi o non volatili sono acidi che, una volta prodotti, rimangono nei liquidi corporei fino a quando non vengono eliminati dai reni. Acido solforico e acido fosforico sono i più importanti acidi fissi del corpo.

Gli acidi organici sono acidi che partecipano o sono prodotti dal metabolismo cellulare. Importanti acidi organici sono l’acido lattico e i corpi chetonici. In condizioni normali, la maggior parte degli acidi organici è metabolizzata rapidamente, così che non si verifichino accumuli significativi.

Gli acidi volatili possono lasciare il corpo a livello dei polmoni, mediante la respirazione.

L’acido carbonico (H2CO3) è un acido volatile che si forma dall’interazione tra acqua e anidride carbonica.

Il metabolismo dei carboidrati e dei grassi produce 15,000 mmol di CO2 al giorno (acidosi volatile o respiratoria) mentre il metabolismo proteico porta alla formazione di acido solforico e acido fosforico (acidosi fissa, acidi non volatili).

I reni svolgono un ruolo importante secernendo ioni idrogeno nell’urina e generando tamponi, ovvero dei sitemi che immagazzinano temporaneamente gli ioni idrogeno e quindi possono stabilizzare il pH a breve termine.

SINTOMI

I sintomi dell'acidosi metabolica non sono specifici.

Venendo stimolato il centro respiratorio nel tronco cerebrale si sviluppa iperventilazione, nel tentativo di compensare l'acidosi.

Di conseguenza, possono essere presenti vari gradi di dispnea (problemi respiratori).

E’ possibile anche la presenza di:

  • dolore toracico
  • palpitazioni
  • mal di testa
  • confusione
  • debolezza generalizzata
  • dolore osseo

 

I pazienti, in particolare i bambini, possono anche presentare

  • nausea,
  • vomito
  • riduzione dell’appetito

 

I pazienti con acidosi metabolica dovuta a shock possono presentare segni di disfunzione a singolo o multiplo organo, come segue:

  • Le manifestazioni del sistema nervoso centrale possono includere letargia, coma e convulsioni
  • Le manifestazioni respiratorie possono includere tachipnea, difficoltà respiratoria e ipossiemia
  • I segni cardiovascolari possono includere scarsa perfusione, impulsi deboli, tachicardia, ipotensione, soffi o galoppo.
  • Possono essere presenti sintomi e segni addominali non specifici come nausea, dolore, vomito e appetito alterato
  • I segni di disidratazione possono includere tachicardia, mucose secche e ricarica capillare ritardata
  • I pazienti con chetoacidosi diabetica possono presentare alito dall’odore fruttato

 

CAUSE

Le cause dell'acidosi metabolica rientrano nella creazione di uno squilibrio tra acidi e basi all’interno dell’organismo (gap anionico). Questo squilibrio può svilupparsi in seguito a tre meccanismi:

  • eccessivo accumulo all’interno dell’organismo di acidi non volatili
  • perdita di alcali (o basi, per esempio i bicarbonati)
  • diminuita capacità dei reni di eliminare gli acidi

Le cause frequenti di un'acidosi metabolica con elevato gap anionico sono rappresentate dall’assunzione o la presenza di:

  • metanolo (intossicazione/avvelenamento)
  • uremia (una sindrome tossica da ritenzione di sostanze endogene dell'organismo, le quali, invece, dovrebbero essere eliminate)
  • Chetoacidosi diabetica (grave complicanza acuta del diabete)
  • Paraldeide (un farmaco che inibisce il sistema nervoso centrale, utilizzato nel trattamento di alcune forme di convulsioni o disturbi psicologici, con una lunga lista di effetti collaterali)
  • Ferro (intossicazione)
  • Isoniazide (il principale antibiotico antitubercolare, agisce inibendo la sintesi di alcuni acidi)
  • Acido lattico (elevati livelli di acido lattico nel sangue. L'acidosi lattica deriva da un'aumentata produzione di lattati o da un metabolismo ridotto di acido lattico, o da entrambi.)
  • Etanolo (intossicazione/avvelenamento)
  • Glicole etilenico (intossicazione/avvelenamento - è contenuto, ad esempio, nel liquido lavavetri delle auto)
  • Salicilati (intossicazione/avvelenamento)

ACIDOSI METABOLICA NEI BAMBINI

L'iperventilazione o la respirazione di Kussmaul (talvolta chiamato anche respiro grosso - caratterizzato da atti respiratori molto lenti, ed in particolare da una inspirazione profonda e rumorosa, a cui segue una breve apnea inspiratoria, quindi una espirazione breve e gemente, infine una pausa post-espiratoria decisamente prolungata.- Fonte Wikipedia) possono spesso essere il primo segno di acidosi metabolica in un bambino. I suoni del respiro sono spesso chiari all’auscultazione.

CURE

L'incapacità di riconoscere la causa dell'acidosi metabolica può portare all'incapacità di trattare il processo patologico di base. Ad esempio, un bambino che ingerisce fluido per tergicristallo contenente glicole etilenico può presentare grave acidosi metabolica, ipoglicemia e coma. La mancata adeguata identificazione nei confronti di questo complesso di sintomi impedirebbe al medico di ottenere un trattamento immediato (emodialisi) per questo paziente.

L'esito del paziente dipende dalla natura del processo patologico che ha portato all'acidosi metabolica. I bambini con una malattia metabolica ereditaria richiedono una gestione specializzata a lungo termine e una dieta speciale.

Quelli con chetoacidosi diabetica hanno bisogno della somministrazione insulinica per tutta la vita e di una dieta adeguata.

I pazienti che sviluppano un'acidosi metabolica secondaria a ingestione o avvelenamento tossici hanno il potenziale per riprendersi senza conseguenze di lunga data.

ll trattamento dell'acidosi metabolica acuta mediante terapia alcalina è generalmente indicato per aumentare e mantenere il pH del plasma a valori superiori a 7,20.

Il bicarbonato di sodio (NaHCO3) è l'agente più comunemente usato per correggere l'acidosi metabolica.

L'acidosi metabolica nei pazienti con insufficienza renale cronica può anche essere trattata con modificazione dietetica. La riduzione dell'acido dietetico può essere ottenuta limitando l'assunzione di alimenti che producono acidi come le proteine ​​animali e enfatizzando cibi che producono basi, come frutta e verdura.

RIFERIMENTI

 

  • Medscape: Pediatric Metabolic Acidosis - emedicine.medscape.com/article/906440

  • Medscape: Metabolic Acidosis - emedicine.medscape.com/article/242975

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.