Caricamento in corso ...

Anoressia nervosa

anoressia nervosa

L'anoressia nervosa è una grave condizione psicologica e un disturbo alimentare potenzialmente letale. Tuttavia, con il giusto trattamento, è possibile il recupero.

Gli scienziati hanno definito l'anoressia nervosa come una malattia metabolica e psichiatrica. Suggeriscono che i trattamenti dovrebbero affrontare la natura ibrida di questo disturbo alimentare potenzialmente letale.

"Le anomalie metaboliche osservate nei pazienti con anoressia nervosa sono spesso attribuite alla fame, ma questo studio dimostra che possono anche contribuire allo sviluppo del disturbo", afferma Gerome Breen, co-senior autore, dottorando, neuropsichiatra e genetica traslazionale al King's College di Londra, nel Regno Unito.

(Fonte: nature.com/articles/s41588-019-0439-2)

"L'incapacità di considerare il ruolo del metabolismo potrebbe aver contribuito alla scarsa esperienza degli operatori sanitari nel trattamento di questa malattia".

Cos'è l'anoressia nervosa

L'anoressia nervosa può portare a un'immagine corporea distorta e alla riluttanza a mangiare.

E’ una condizione psicologica e un disturbo alimentare in cui l'individuo perde più peso di quanto sia salutare per la sua altezza ed età. L'individuo manterrà un peso corporeo pari o inferiore all'85 percento del peso previsto.

Una persona con anoressia nervosa limiterà intenzionalmente l'assunzione di cibo, generalmente a causa dell’idea distorta di essere grassa o della paura di ingrassare, anche quando il suo indice di massa corporea (IMC) è già basso.

Può anche impegnarsi in un esagerato esercizio fisico, usare lassativi e vomito per ridurre il peso, ma in misura minore rispetto alle persone affette da bulimia.

Spesso inizia durante l'adolescenza o la prima età adulta, ma può iniziare prima. È la terza malattia cronica più comune tra gli adolescenti.

Sia gli uomini che le donne possono sviluppare l’anoressia nervosa, ma è 10 volte più comune nelle femmine.

Le complicazioni possono essere gravi. È stato riferito che i disturbi alimentari hanno il più alto tasso di mortalità rispetto a qualsiasi malattia mentale.

 

Differenza tra Anoressia e Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è diversa dall’anoressia.

In medicina l’anoressia è un disagio in cui la persona coinvolta si rifiuta di mangiare del cibo.

Questo disagio può essere dovuto a diverse patologie e condizioni, che portano ad una diminuzione dell’appetito, alcune meno gravi, altre invece potenzialmente molto gravi. E’ probabilmente capitato a chiunque, durante un’influenza, di non voler mangiare. Questa è anoressia. Non è quindi necessariamente un problema psicologico.

Patologie più gravi che possono portare anoressia sono:

  • Polmoniti
  • Tumori maligni (cancro)
  • Ipertiroidismo
  • Appendicite
  • Assunzione di alcuni farmaci
  • Assunzione di sostanze stupefacenti
  • Sindrome acuta da radiazioni
  • Epatite virale acuta
  • Malattia di Addison
  • Insufficienza renale cronica
  • Insufficienza cardiaca
  • Malattia di Crohn
  • Demenza
  • Depressione
  • Anoressia nervosa
  • Tubercolosi
  • Talassemia

L’anoressia nervosa quindi è una delle patologie che possono causare l’anoressia.

Sintomi dell'anoressia nervosa

L'anoressia nervosa è una condizione complessa, ma il segno principale è di solito una grave perdita di peso. La persona può anche sostenere di essere in sovrappeso, sebbene misure oggettive dimostrino che ciò non è vero.

I cambiamenti comportamentali possono includere il rifiuto di mangiare, l'esercizio fisico eccessivo e l'uso di lassativi o vomito dopo aver consumato cibo.

Altri segni e sintomi fisici derivanti da una mancanza di nutrienti includono:

  • Grave perdita di massa muscolare
  • Svogliatezza, stanchezza, stanchezza
  • Ipotensione o pressione sanguigna
  • Vertigini
  • Ipotermia o bassa temperatura corporea e mani e piedi freddi
  • Stomaco gonfio o turbato e costipazione
  • Pelle secca
  • Mani e piedi gonfi
  • Alopecia o perdita di capelli
  • Perdita delle mestruazioni o cicli irregolari
  • Infertilità
  • Insonnia
  • Osteoporosi o perdita di densità ossea
  • Unghie fragili
  • Ritmi cardiaci irregolari o anormali
  • Lanuggine, peli fini e lanuginosi che crescono in tutto il corpo e aumento dei peli del viso
  • I segni di vomito includono l'alitosi e la carie, a causa dell'acido nel vomito.

 

Segni e sintomi psicologici includono:

  • Eccessiva preoccupazione per il grasso o il sovrappeso
  • Spesso le persone affette si misurano e si pesano e ispezionano iil proprio corpo allo specchio
  • Ossessione per il cibo, ad esempio, leggere libri di cucina
  • Mentire sull'assunzione di cibo
  • Non mangiare o rifiutarsi di mangiare
  • Mancanza di emozioni o umore depresso
  • Desiderio sessuale ridotto
  • Perdita di memoria
  • Comportamento ossessivo-compulsivo
  • Irritabilità
  • Esercizio fisico eccessivo
  • Cibo e alimentazione si associano ad un senso di colpa. Potrebbe essere difficile parlare alla persona di un possibile problema, poiché probabilmente si rifiuterà di riconoscere che qualcosa non va.

Cause dell'anoressia nervosa

La pressione dei media e la paura di ingrassare sono talvolta, ma non sempre, fattori che contribuiscono.

Sono stati associati i seguenti fattori di rischio:

  • Essere suscettibile alla depressione e all'ansia
  • Avere difficoltà a gestire lo stress
  • Essere eccessivamente preoccupato, impaurito o dubbioso per il futuro
  • Essere perfezionista e preoccuparsi eccessivamente delle regole
  • Avere un'immagine negativa di sé
  • Avere problemi alimentari durante la prima infanzia o l'infanzia
  • Aver avuto avuto un disturbo d'ansia durante l'infanzia
  • Avere idee specifiche sulla bellezza e la salute, che possono essere influenzate dalla cultura o dalla società

La persona può essere eccessivamente preoccupata per il peso e forma, ma questo non è necessariamente il fattore chiave.

Tra il 33 e il 50% delle persone con anoressia ha anche un disturbo dell'umore, come la depressione, e circa la metà ha un disturbo d'ansia, come il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e la fobia sociale. Ciò suggerisce che le emozioni negative e una bassa immagine di sé possono contribuire, in alcuni casi.

Una persona può sviluppare l'anoressia nervosa come un modo per ottenere il controllo di alcuni aspetti della propria vita. Man mano che esercita il proprio controllo sull'assunzione di cibo, questo sembra un successo e quindi il comportamento continua.

 

Problemi metabolici

Come detto in precedenza, una nuova ricerca suggerisce una correlazione causa-effetto tra i problemi metabolici e l’anoressia nervosa.

Presso il Biomedic Clinic & Research ci occupiamo di queste possibili cause e di approfondire qulasiasi altro SQUILIBRIO FISICO che possa avere un ruolo di concausa nello sviluppo dei disturbi psicologici.

 

Fattori ambientali

I fattori ambientali possono includere i cambiamenti ormonali che si verificano durante la pubertà, oltre a sentimenti di ansia, stress e bassa autostima.

L'industria della moda e i messaggi dei media che suggeriscono che essere magri è bello possono avere un impatto.

Altri fattori ambientali possono includere:

  • Abusi fisici, sessuali, emotivi o di altro tipo
  • Problemi familiari o di altra natura
  • Una condizione di sottomissione
  • Una paura riguardo ad esami o la pressione sull’avere successo
  • Un evento di vita stressante, come una perdita (di una persona, del lavoro…)

Secondo il Counselling Directory del Regno Unito (Regno Unito), le persone con anoressia "hanno davvero bisogno di avere il controllo della propria vita; devono sentirsi speciali e hanno bisogno di un senso di padronanza. "

Quando una persona si sente fuori controllo di uno o più aspetti della propria vita, non mangiare può essere un modo in cui può almeno prendere il controllo del proprio corpo.

 

Fattori biologici e genetici

Gli studi hanno scoperto che alcune persone con disturbi alimentari possono avere uno squilibrio in alcune sostanze chimiche del cervello che controllano la digestione, l'appetito e la fame. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo.

I fattori genetici possono influenzare la suscettibilità di una persona ai disturbi alimentari, in quanto possono funzionare nelle famiglie. Si ritiene che tra il 50 e l'80 percento del rischio di anoressia sia genetico.

 

Un circolo vizioso

Una volta che una persona inizia a perdere peso, un peso ridotto e la mancanza di sostanze nutritive possono contribuire ai cambiamenti del cervello in modo da rafforzare i comportamenti e i pensieri ossessivi legati all'anoressia nervosa.

I cambiamenti potrebbero coinvolgere la parte del cervello che controlla l'appetito, oppure potrebbero aumentare i sentimenti di ansia e senso di colpa associati al mangiare.

Nel 2015, i ricercatori hanno scoperto che le persone con anoressia nervosa possono avere comunità microbiche intestinali diverse rispetto a quelle che non soffrono della condizione. Gli autori hanno suggerito che ciò potrebbe contribuire all'ansia, alla depressione e all'ulteriore perdita di peso.

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Valutazione medica gratuita

Dipartimento di Medicina Integrata

INDAGINI E TRATTAMENTI DI BIORISONANZA

Test e trattamenti di medicina integrata per l'identificazione ed il trattamento di problemi metaboliciintolleranze alimentari, condizioni allergichecondizioni infiammatorie e infettive.

Ripristinare il peso forma

La nostra struttura può occuparsi di effettuare approfondimenti medici attraverso strumenti della medicina convenzionale e di quella complementare, al fine di individuare le cause di tale condizione e intraprendere il corretto percorso per il ripistino del peso forma della persona e una rieducazione delle naturali capacità metaboliche ed assimilative dell'organismo.



CERCA ARTICOLI


Diagnosi dell'anoressia nervosa

Una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo aumentano le possibilità di un buon risultato. Una storia medica completa può aiutare con la diagnosi.

Il medico chiederà al paziente la perdita di peso, come si sente circa il suo peso e, per le donne, la storia delle mestruazioni. Può essere difficile per il paziente aprirsi e parlare francamente di se stessi. Possono essere necessari anni per confermare una diagnosi, soprattutto se la persona era precedentemente obesa.

Se il medico rileva segni di anoressia nervosa, può ordinare test per escludere altre patologie di base con segni e sintomi simili.

Questi includono:

  • Diabete
  • Morbo di Addison
  • Infezioni croniche
  • Malassorbimento
  • Immunodeficienza
  • Malattia infiammatoria intestinale (IBS)
  • Cancro
  • Ipertiroidismo
  • Appendicite
  • Epatite virale acuta
  • Insufficienza renale cronica
  • Insufficienza cardiaca
  • Morbo di Crohn
  • Tubercolosi
  • Talassemia
  • Polmonite

Trattamento e recupero per l'anoressia nervosa

Il trattamento può comprendere farmaci, psicoterapia, terapia familiare e consulenza nutrizionale.

Può essere difficile per una persona accettare di avere l'anoressia e può essere difficile attuare il trattamento, poiché la resistenza all'alimentazione è difficile da spezzare.

Il paziente può variare nel livello di collaborazione e riconoscere che esiste un problema.

Il piano globale dovrà essere personalizzato per poter soddisfare le esigenze dell'individuo.

Gli obiettivi del trattamento sono:

  • Ripristinare il peso corporeo a un livello sano
  • Trattare i problemi emotivi, compresa la bassa autostima
  • Affrontare il pensiero distorto
  • Aiutare il paziente a sviluppare cambiamenti comportamentali che persisteranno a lungo termine

Il trattamento tende a essere a lungo termine ed è possibile una ricaduta, specialmente durante i periodi di stress. Il supporto di familiari e amici è fondamentale per risultati positivi e duraturi. Se i familiari possono capire la condizione e identificarne i segni e i sintomi, possono supportare la persona amata attraverso il processo di recupero e aiutarla a prevenire una ricaduta.

 

Psicoterapia

La consulenza comprende la terapia cognitivo comportamentale (CBT), che si concentra sul cambiamento del modo in cui la persona pensa e si comporta. La CBT può aiutare un paziente a cambiare il modo in cui pensa al cibo e al peso corporeo e a sviluppare modi efficaci per rispondere a situazioni stressanti o difficili.

 

Consulenza nutrizionale

La consulenza nutrizionale mira ad aiutare il paziente a ritrovare abitudini alimentari sane. Apprendono il ruolo di una dieta equilibrata nel mantenimento di una buona salute.

 

Trattamento farmacologico

Non esiste un farmaco specifico, ma possono essere necessari integratori alimentari e il medico può prescrivere farmaci per controllare l'ansia, il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) o la depressione.

 

Ricovero

Il ricovero può essere necessario in caso di grave perdita di peso o malnutrizione, rifiuto persistente di mangiare o emergenza. 

L'assunzione di cibo verrà aumentata gradualmente per consentire un aumento di peso sicuro.

complicazioni dell'anoressia nervosa

Le complicanze possono influenzare ogni sistema corporeo e possono essere gravi.

Le complicazioni fisiche includono:

  • Problemi cardiovascolari: includono bassa frequenza cardiaca, bassa pressione sanguigna e danni al muscolo cardiaco.
  • Problemi di sangue: vi è un rischio maggiore di sviluppare leucopenia, o bassa conta dei globuli bianchi e anemia, bassa conta dei globuli rossi.
  • Problemi gastrointestinali: il movimento nell'intestino rallenta in modo significativo quando una persona è gravemente sottopeso e mangia troppo poco, ma questo si risolve quando la dieta migliora.
  • Problemi ai reni: la disidratazione può portare a urine altamente concentrate e ad una maggiore produzione di urina. I reni di solito si riprendono man mano che i livelli di peso migliorano.
  • Problemi ormonali: livelli più bassi di ormoni della crescita possono portare a una crescita ritardata durante l'adolescenza. La crescita normale riprende con una dieta salutare.
  • Fratture ossee: i pazienti le cui ossa non sono ancora completamente cresciute presentano un rischio significativamente più elevato di sviluppare osteopenia, riduzione del tessuto osseo, osteoporosi o perdita di massa ossea.

Circa 1 caso su 10 è fatale. Oltre agli effetti fisici di una cattiva alimentazione, potrebbe esserci un rischio più elevato di suicidio. Uno su 5 decessi correlati all'anoressia sono suicidi.

La diagnosi e il trattamento precoci riducono il rischio di complicanze.

Riferimenti e Bibliografia:

  • American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. (2015, October 31). AACAP: Faster weight gain with olanzapine in anorexia [Press release]. Clinical Psychiatry News
    mdedge.com/clinicalpsychiatrynews/article/104066/pediatrics/aacap-faster-weight-gain-olanzapine-anorexia

  • American Academy of Pediatrics. (2013, September 9). Eating disorders often go undiagnosed in patients who have a history of obesity [Press release]
    aap.org/en-us/about-the-aap/aap-press-room/pages/Eating-Disorders-Often-Go-Undiagnosed-in-Patients-Who-Have-a-History-of-Obesity.aspx

  • Anorexia nervosa. (2016, February 2)
    nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000362.htm

  • Anorexia nervosa. (2015, April 23)
    umm.edu/health/medical/altmed/condition/anorexia-nervosa

  • Anorexia Nervosa – Causes. (2016, January 26)
    nhs.uk/Conditions/Anorexia-nervosa/Pages/Causes.aspx

  • Anorexia nervosa – Treatment. ()
    www.nhs.uk/Conditions/Anorexia-nervosa/Pages/Treatment.aspx

  • Anorexia: Overview and statistics. (n.d.)
    www.nationaleatingdisorders.org/anorexia-nervosa

  • Brown, C. (1990). The control paradox: Understanding and working with anorexia and bulimia
    nedic.ca/sites/default/files/control-paradox-understanding-and-working-anorexia-and-bulimia.pdf

  • Eating Disorder Statistics. (n.d.) Retrieved from
    state.sc.us/dmh/anorexia/statistics.htm

  • Eating Disorders Statistics (n.d.)
    anad.org/get-information/about-eating-disorders/eating-disorders-statistics/

  • Factors that may contribute to eating disorders. (n.d.)
    nationaleatingdisorders.org/factors-may-contribute-eating-disorders

  • Guillaume, S., Jaussent, I., Olie, E., Genty, C., Bringer, J., Courtet, P., & Schmidt, U. (2011, August 12). Characteristics of suicide attempts in anorexia and bulimia nervosa: A case-control study. PLoS ONE
    plosone.org/article/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0023578

  • Kleiman, S. C., Watson, H. J., Bulik-Sullivan, E. C., Huh, E. Y., Tarantino, L. M., Bulik, C. M., & Carroll, I. M. (2015, November). The intestinal microbiota in acute anorexia nervosa and during renourishment: Relationship to depression, anxiety, and eating disorder psychopathology
    ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26428446

  • Post by former NIMH director Thomas Insel: Spotlight on eating disorders. (2012, February 24)
    nimh.nih.gov/about/directors/thomas-insel/blog/2012/spotlight-on-eating-disorders.shtml

  • Pritts, S. D., & Susman, J. (2003, January). Diagnosis of eating disorders in primary care. American Family Physician 1567, (2), 297-304 Retrieved from
    aafp.org/afp/2003/0115/p297.html

  • Selby, E. A., Wonderlich, S. A., Crosby, R. D., Engel, S. G., Panza, E., Mitchell, J. E. …Le Grange, D. (2013, December 5). Nothing tastes as good as thin feels. Clinical Psychological Science 2(4)
    journals.sagepub.com/doi/abs/10.1177/2167702613512794

  • Universite de Montreal. (2014, October 8). Childhood eating difficulties could be a sign of underlying psychological issues [Press release] sciencedaily.com/releases/2014/10/141008083159.htm

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.