Caricamento in corso ...

Orzaiolo: sintomi, cause e trattamento

Orzaiolo

L’orzaiolo è un infezione che si manifesta come un rigonfiamento rosso e dolente che si forma sulla palpebra superiore o inferiore, vicino alle ciglia. Sebbene doloroso, un orzaiolo è una risposta infiammatoria relativamente innocua a un'infezione batterica, di solito da stafilococco.

L’orzaiolo può causare anche una sensazione di bruciore agli occhi, formazione di croste sui margini palpebrali, discesa delle palpebre, prurito al bulbo oculare, sensibilità alla luce, lacrimazione, sensazione che qualcosa sia attaccato agli occhi e fastidio quando si battono le palpebre.

Come distinguere un orzaiolo da un calazio

Vi sono caratteristiche specifiche che possono aiutare a distinguere un orzaiolo da un calazio.

La maggior parte degli orzaioli si verifica lungo il bordo della palpebra. Un calazio è un nodulo nella palpebra. Il calazio può apparire simile all’orzaiolo, ma di solito è più grande e potrebbe non dolere.

Sia gli orzaioli che i calazi sono causati da un'infezione batterica. Di solito i batteri crescono nella radice (follicolo) di un ciglio. Un orzaiolo interno è causato da un'infezione in una delle minuscole ghiandole sebacee all'interno della palpebraUn calazio si forma quando una ghiandola sebacea nella palpebra si ostruisce. Se un orzaiolo interno non si drena e non guarisce, può trasformarsi in un calazio.

Un calazio inizia come un nodulo o una cisti soda sotto la pelle della palpebra, mentre un orzaiolo di solito inizia come una protuberanza rossa che sembra un brufolo lungo il bordo della palpebra.

A differenza degli orzaioli, li calazi spesso non fanno male.

Il calazio cresce più lentamente dell’orzaiolo. Se un calazio diventa abbastanza grande, potrebbe influire sulla vista. La maggior parte degli orzaioli si gonfia per circa 3 giorni prima di rompersi e drenare.

L'infiammazione e il gonfiore possono diffondersi nell'area circostante l'occhio.

I calazi spesso vanno via in pochi mesi senza cure, mentre gli orzaioli di solito guariscono in circa una settimana.

Orzaiolo esterno e orzaiolo interno

L’orzaiolo può essere esterno o interno.

 

Orzaiolo esterno

Gli orzaioli esterni emergono lungo il bordo esterno della palpebra. Possono diventare gialli, pieni di pus e dolorosi quando vengono toccati. Possono essere causati da un'infezione di quanto segue:

  • Follicolo delle ciglia: i piccoli fori nella pelle da cui crescono le ciglia.
  • Ghiandola sebacea (Zeis): questa ghiandola è attaccata al follicolo delle ciglia e produce sebo. Il sebo aiuta a lubrificare le ciglia e ad evitare che si secchino.
  • Ghiandola apocrina (Moll): questa ghiandola aiuta anche a prevenire la secchezza delle ciglia. È una ghiandola sudoripare che si svuota nel follicolo delle ciglia.

 

Orzaiolo interno

Il gonfiore si sviluppa all'interno della palpebra. Generalmente, un orzaiolo interno è più doloroso di uno esterno. E’ più comunemente dovuto a un'infezione nella ghiandola di Meibomio. Le ghiandole di Meibomio sono collocate sul bordo palpebrale sia inferiore e che superiore ed hanno il ruolo di secernere la componente lipidica delle lacrime e mantenere corretta la lubrificazione dell’occhio.

Come identificare un orzaiolo

Il sintomo più evidente di un orzaiolo è un nodulo, a volte doloroso, che si forma all'interno o all'esterno della palpebra. In alcuni casi, un liquido giallastro può drenare dall’orzaiolo. In genere si forma vicino a un solo occhio. Si può notare arrossamento o dolenzia prima della formazione di un grumo. La palpebra può anche essere dolente al tatto. A volte l'intera palpebra si gonfia. Si potrebbe avere la sensazione di avere qualcosa negli occhi quando si battono le palpebre.

L'occhio con l’orzaiolo può anche essere acquoso e insolitamente sensibile alla luce.

Se si ha un orzaiolo, è bene assicurarsi di lavare le mani ogni volta che si tocca l'area circostante. Ciò può aiutare a prevenire la diffusione dell'infezione.

Diagnosi di orzaiolo

Un orzaiolo di solito può essere diagnosticato da un esame visivo e da una revisione della storia medica. Non sono necessari test o screening speciali per fare una diagnosi.

Se non si è sicuri di avere un orzaiolo, consultare un medico per una diagnosi ufficiale.

Sarebbe opportuno consultare un medico se un orzaiolo non inizia a migliorare dopo un paio di giorni o sembra peggiorare.

Cause dell'orzaiolo

L’orzaiolo sulla palpebra esterna può formarsi quando una ghiandola sebacea nella palpebra viene infettata. L'infezione è più spesso causata dal batterio Staphylococcus. Questi batteri di solito vivono intorno alla superficie della palpebra senza causare alcun danno. Tuttavia, quando una ghiandola si ostruisce con cellule morte della pelle o sebo vecchio, questi batteri possono rimanere intrappolati nella ghiandola e causare un'infezione.

L'infezione può verificarsi nelle seguenti aree:

  • Follicolo delle ciglia: questo è un piccolo foro nella pelle da cui cresce una singola ciglia.
  • Ghiandola sebacea: questa ghiandola è attaccata al follicolo delle ciglia e produce una sostanza oleosa chiamata sebo, che lubrifica le ciglia per evitare che si secchino.
  • Ghiandola apocrina: questa ghiandola sudoripara è attaccata al follicolo delle ciglia e aiuta a evitare che l'occhio diventi troppo secco.

Ci sono maggiori probabilità di sviluppare un orzaiolo se si soffre di una condizione infiammatoria cronica degli occhi, come la blefarite. La blefarite è un’infiammazione delle palpebre causata da un’ostruzione delle ghiandole sebacee vicino alla base delle ciglia. Anche coloro che si sfregano gli occhi spesso con le mani non lavate corrono un rischio maggiore. Poiché i bambini tendono ad avere il contatto più diretto con i batteri e potrebbero non lavarsi sempre le mani accuratamente, sono più a rischio di orzaioli esterni rispetto agli adulti.

 

Fattori di rischio

A volte gli orzaioli possono diffondersi se i batteri che li causano vengono trasmessi da una persona all’altra, attraverso il contatto diretto o da un asciugamano o una federa contaminati. Gli orzaioli sono spesso causati dai batteri dello stafilococco, che possono essere trovati nel naso senza causare complicazioni. Ma se si è un portatore di batteri e ci si strofina il naso e poi l'occhio, l'occhio può infettarsi e può formarsi un orzaiolo.

Gli orzaioli sono più comuni nei bambini che negli adulti, anche se è possibile svilupparne uno a qualsiasi età.

Chi ha già avuto un orzaiolo in precedenza è a maggior rischio di contrarne altri. La blefarite rappresenta una condizione che può favorire l’insorgenza di orzaioli. Altre condizioni che possono aumentare il rischio di un orzaiolo includono diabete e rosacea. La rosacea è una malattia cutanea che causa chiazze rosse sulla pelle.

Trattamento dell’orzaiolo

Gli orzaioli spesso svaniscono da soli senza trattamento, nel giro di una settimana. Bisognerebbe evitare di toccare l’orzaiolo il più possibile. Non si deve mai provare a far scoppiare un orzaiolo perché contiene pus pieno di batteri, che può diffondere l'infezione nell'occhio e altrove.

Il trattamento dell’orzaiolo di solito prevede alcuni semplici rimedi casalinghi, come l'uso di un impacco caldo o il lavaggio degli occhi con soluzione salina. Se si tocca un orzaiolo, assicurarsi di lavarsi accuratamente le mani per prevenire la diffusione dell’infezione.

In alcuni casi, è necessario un trattamento con gocce o pomate antibiotiche per accelerare il recupero. In caso di infezione grave, possono essere necessarie compresse antibiotiche.

 

Come prevenire gli orzaioli

Il principale passo preventivo è lavare spesso le mani e tenerle lontane dagli occhi. Lavarsi il viso quotidianamente può anche aiutare a evitare l’ostruzione delle ghiandole lacrimali delle palpebre, che può portare a complicazioni.

Evitare di condividere asciugamani e federe con altre persone e assicurarsi di lavare regolarmente questi articoli. È anche una buona idea evitare di condividere il trucco e sostituirlo quando invecchia. I batteri possono crescere nei cosmetici.

Se si indossano lenti a contatto, pulirle quotidianamente e sostituirle secondo le indicazioni del proprio oculista. Assicurarsi anche di lavare le mani prima di rimuovere o applicare le lenti a contatto.

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Valutazione medica gratuita

Dipartimento di Medicina Integrata

INDAGINI E TRATTAMENTI DI MEDICINA INTEGRATA

Test e trattamenti di medicina integrata per la diagnosi ed il trattamento di disturbi causati da infezioni, allergie, fattori ambientali.



CERCA ARTICOLI

Riferimenti e Bibliografia:

 

  • Are styes contagious? And what can I do about them? (2018). aao.org/eye-health/ask-ophthalmologist-q/are-styes-contagious-what-can-i-do-about-them-vide
  • Mayo Clinic Staff. (2018) Sty.mayoclinic.org/diseases-conditions/sty/symptoms-causes/syc-20378017
  • Sty. (2019). seattlechildrens.org/conditions/a-z/sty/
  • Sty (stye). (2017).my.clevelandclinic.org/health/diseases/17658-sty-stye
  • Stye. (2018). nhs.uk/conditions/stye/
  • Stye (hordeolum). (n.d.).stanfordchildrens.org/en/topic/default?id=stye-hordeolum-90-P02102

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.