Caricamento in corso ...

Blefarite

Blefarite

La blefarite è un'infiammazione dell'occhio che colpisce le palpebre. Può produrre grumi e appiccicosità intorno alle ciglia.

Le palpebre sono le pieghe della pelle che coprono gli occhi e li proteggono da detriti e lesioni. Le palpebre hanno anche ciglia con follicoli piliferi corti e curvi sul bordo. Questi follicoli contengono ghiandole oleifere. Queste ghiandole sebacee possono talvolta ostruirsi o irritarsi, il che può innescare alcuni disturbi alle palpebre. Uno di questi disturbi è noto come infiammazione delle palpebre o blefarite.

Tipi di blefarite   |  Sintomi   |    Cause    |    Trattamento   |    Prevenzione   |    Torna a Patologie di cui ci occupiamo

Tipi di infiammazione delle palpebre

Esistono due tipi di infiammazione delle palpebre: 

  • L'infiammazione dell'occhio anteriore che si verifica all'esterno dell'occhio in cui si trovano le ciglia. La forfora sulle sopracciglia e le reazioni allergiche negli occhi possono causare l'infiammazione della palpebra anteriore.
     
  • L'infiammazione delle palpebre posteriori che si verifica sul bordo interno delle palpebre più vicino all'occhio. Una ghiandola oleifera malfunzionante dietro i follicoli delle ciglia di solito provoca questa forma di infiammazione.

Sintomi di blefarite

L'infiammazione delle palpebre è di solito evidente perché può irritare gli occhi e influire sulla vista.

I sintomi dell'infiammazione includono:

  • Palpebre pruriginose
  • Palpebre gonfie
  • Palpebre rosse o infiammate
  • Sensazione di bruciore agli occhi
  • Palpebre oleose
  • La sensazione di avere qualcosa negli occhi
  • Occhi rossi
  • Vista offuscata
  • Occhi pieni di lacrime
  • Una crosta sulle ciglia o negli angoli degli occhi
  • Sensibilità alla luce

Questi sintomi possono anche indicare una grave infezione agli occhi. Si dovrebbero trattare questi sintomi come un'emergenza e consultare immediatamente il medico.

Durante la notte possono formarsi fiocchi o croste. In questo caso, potrebbe essere difficile aprire gli occhi al mattino. Se la blefarite non viene trattata prontamente, può portare a un'infezione alla base di una ciglia o ad una ghiandola oleifera. Questa infezione si chiama orzaiolo. Se non trattato, può diventare una cisti cronica. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuoverlo.

Cause della blefarite

La causa esatta della blefarite non è chiara. In alcuni casi, può essere contagiosa. Potrebbe essere associata a uno o più dei seguenti fattori:

  • Dermatite seborroica (forfora del cuoio capelluto e delle sopracciglia)
  • Infezione batterica
  • Ghiandole oleifere nelle palpebre ostruite o malfunzionanti
  • Rosacea (una condizione della pelle caratterizzata da arrossamento del viso)
  • Allergie comprese reazioni allergiche al collirio, alle soluzioni per lenti a contatto o al trucco/cosmetici
  • Acari o pidocchi delle ciglia
  • Secchezza oculare

 

Complicazioni della blefarite

La blefarite può causare:

  • La caduta delle ciglia, la loro crescita anomala (ciglia mal indirizzate) o la perdita di colore.
  • Problemi della pelle delle palpebre. Le cicatrici possono svilupparsi sulle palpebre da blefarite a lungo termine. Oppure i bordi delle palpebre potrebbero girare verso l'interno o verso l'esterno.
  • Lacrimazione in eccesso o secchezza degli occhi
  • Secrezioni oleose anomale e altri detriti rilasciati dalle palpebre, come desquamazione associata alla forfora, possono accumularsi nel film lacrimale - la soluzione di acqua, olio e muco che forma le lacrime. Una pellicola lacrimale anomala interferisce con l'umidità delle palpebre. Ciò può irritare gli occhi e causare sintomi di secchezza oculare o lacrimazione eccessiva.
  • Orzaiolo. L’orzaiolo è un'infezione che si sviluppa vicino alla base delle ciglia. Il risultato è un nodulo doloroso sul bordo della palpebra. E’ generalmente più visibile sulla superficie della palpebra.
  • Calazio. Un calazio si verifica quando c'è un blocco in una delle piccole ghiandole oleose al margine della palpebra, proprio dietro le ciglia. Questo blocco provoca infiammazione della ghiandola, che rende la palpebra gonfia e arrossata.
    Il calazio può regredire oppure trasformarsi in una ciste dura.
  • Congiuntivite cronica. La blefarite può portare a ricorrenti attacchi di congiuntivite.
  • Lesione alla cornea. L'irritazione costante causata da palpebre infiammate o da ciglia mal dirette può causare lo sviluppo di una piaga sulla cornea. Non avere abbastanza lacrime (secchezza oculare) potrebbe aumentare il rischio di un'infezione corneale.

Trattamento della blefarite

La blefarite non può essere curata, ma il trattamento può gestire con successo i sintomi.

Oltre al trattamento domiciliare, le persone con infiammazione delle palpebre dovrebbero evitare di usare cosmetici come eyeliner, mascara e altri trucchi intorno agli occhi.

 

Trattamenti domiciliari

La gestione della blefarite comporta:

  • Impacchi caldi, per ammorbidire le croste
  • Pulizia delle palpebre, per rimuovere le croste
  • Massaggio, per spremere (delicatamente) le ghiandole sebacee delle palpebre

 

Come usare un impacco caldo

Semplicemente posizionare un panno caldo sopra le palpebre chiuse, riscaldare l'impacco con acqua calda fino a quando si raffredda e riapplicare per un massimo di 10 minuti.

Suggerimenti:

  • Immergere il panno in acqua calda: alcuni pazienti hanno subìto ustioni facciali usando un forno a microonde per riscaldare il panno bagnato.
  • Usare solo un panno morbido: strofinare troppo energicamente o usare un panno ruvido può danneggiare la pelle e gli occhi.
  • Dopo aver applicato un impacco caldo per un massimo di 10 minuti, detergere le palpebre.

Maschere riscaldanti per gli occhi: possono ottenere gli stessi effetti delle compresse di tessuto caldo e possono essere più convenienti.

 

Come pulire le palpebre

Strofinare delicatamente il margine della palpebra - alla base delle ciglia e dove si trovano le ghiandole - con un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione diluita di shampoo per bambini. Usare da 2 a 3 gocce in circa mezza tazza di acqua calda.

Questa igiene deve essere mantenuta come un regime di auto-cura due volte al giorno ogni giorno. Si tratta di un notevole impegno per tutta la vita, ma i sintomi torneranno senza di essa.

 

Come massaggiare gli occhi

Dopo aver usato l'impacco caldo per allentare il sebo, il massaggio aiuta a far fuoriuscire il contenuto oleoso delle ghiandole.

Con un dito o un cotton fioc, massaggiare il margine della palpebra, dove si trovano le ciglia e le ghiandole, usando piccoli movimenti circolari.

 

Lacrime artificiali

Sono disponibili senza prescrizione medica per contrastare la secchezza degli occhi causata dalla blefarite durante il giorno. Le lacrime artificiali senza conservanti sono i migliori tipi da usare.

Lavare gli occhi e applicare un impacco caldo può ridurre l'infiammazione.

 

Trattamenti medici

A seconda della gravità dell'infiammazione e se l'infiammazione è causata da un'infezione, il medico può raccomandare trattamenti come:

Microesfoliazione delle palpebre: rimuove eventuali acari, batteri e biofilm che generano dalle palpebre. Apre anche eventuali ghiandole di meibomio intasate (sono ghiandole escretorie interne dell’occhio).

Trattamento di pulsazione termica: scioglie qualsiasi materiale che ostruisce le ghiandole di meibomio.

Terapia intensa della luce pulsata (IPL): questo apre le ghiandole palpebrali intasate.

Prevenzione della blefarite

L'infiammazione delle palpebre può essere scomoda, dolorosa e sgradevole. Sfortunatamente, questa condizione non è sempre prevenibile, ma si possono prendere misure per ridurre il rischio di infiammazione.

Assicurarsi di lavare il ​​viso regolarmente. Ciò include rimuovere il trucco degli occhi e del viso prima di andare a letto.

Non toccarsi gli occhi con le mani sporche e non strofinare le palpebre pruriginose. Strofinarsi gli occhi può diffondere un'infezione esistente. Inoltre, far controllare le palpebre se si nota dolore, arrossamento o gonfiore.

Anche il controllo della forfora aiuta anche a ridurre l'infiammazione. Se si ha una forte forfora, sarebbe opportuno parlarne con il medico. Potrebbe essere necessario uno shampoo specifico su prescrizione.

Valutazione medica gratuita

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.
 

Valutazione medica gratuita


Dipartimento di Medicina Generale Integrata

Nell'ottica di offrire una Medicina Personalizzata e di Precisione, presso la nostra struttura collaborano medici e professionisti sia della medicina tradizionale che complementare, con l'obbiettivo di offrire servizi di Medicina Integrata

Presso il Biomedic vengono fornite prestazioni mediche convenzionali e di medicina complementare (detta anche medicina naturale, essendo inquadrata come tendenzialmente priva di effetti collaterali), offrendo ai pazienti, anche nel campo della medicina naturale, controlli e verifiche al fine di garantire la tutela della salute dei pazienti stessi.

Dipartimento di Medicina Integrata

INDAGINI E TRATTAMENTI DI BIORISONANZA

Test e trattamenti di medicina integrata per l'identificazione ed il trattamento di infezioni fungineintolleranze, allergie, condizioni infiammatorie.

 



CERCA ARTICOLI

Riferimenti e Bibliografia:

  • Chan I, et al. (2018). Balanoposthitis.
    bestpractice.bmj.com/topics/en-us/401

  • Lien C-S, et al. (2017). Adult balanoposthitis patients have a higher risk of type 2 diabetes mellitus: A nationwide population-based cohort study. DOI:
    10.1016/j.urols.2017.07.002

  • Pandya I, et al. (2014). Approach to balanitis/balanoposthitis: Current guidelines. DOI:
    10.4103/0253-7184.142415

  • Shenot PJ. (2017). Balanitis, posthitis, and balanoposthitis.
    merckmanuals.com/professional/genitourinary-disorders/penile-and-scrotal-disorders/balanitis,-posthitis,-and-balanoposthitis

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.