Caricamento in corso ...

disturbi del sonno

Disturbi del Sonno

Disturbo del sonno caratterizzato dalla difficoltà di addormentarsi o da frequenti risvegli notturni.

I principali sintomi evidenziati sono: difficoltà ad addormentarsi o risvegli frequenti.

Le principali cause su cui indagare sono: il consumo di cibi con effetti stimolanti (caffè, cacao, the, ecc.) vicino all’ora di coricarsi, l’esercizio fisico prima di dormire, l’assunzione di alcuni farmaci, un ritmo sonno-veglia irregolare, stress, il dolore cronico, difficoltà respiratorie, l’ipertiroidismo, il reflusso gastroesofageo, allergie alimentari, patologie neurologiche motorie e degenerative.

Jet lag

Detta anche “sindrome da fuso orario”, è una condizione fisiologica che deriva dall’alterazione della capacità dell’organismo di mantenere una condizione di equilibrio interno, indipendentemente dalle modificazioni che avvengono all’esterno, spesso dovuta ad una variazione di fuso orario. 
Un viaggio aereo che copre lunghe distanze, può alterare il proprio ritmo biologico, in quanto l’orario di partenza, non corrisponderà proporzionalmente a quello di arrivo nel luogo di destinazione. 

I principali sintomi evidenziati sono: infiammazione dell’uretra (piccolo condotto che convoglia l’urina dalla vescica verso l’esterno) e problemi di incontinenza, disallineamento o schiacciamento vertebrale, contrattura muscolare, mal di testa, nausea, dolore agli occhi o calo della vista, mal di denti, acufeni (disturbo uditivo costituito da rumori nell’orecchio come fischi o ronzii, ecc.), problemi d’equilibrio, problematiche circolatorie, riduzione della capacità respiratoria, problemi circolatori dei liquidi negli arti inferiori, senso di stanchezza e irrequietezza degli arti inferiori, vene varicose (dilatazione delle vene), gonfiore cutaneo, flebite (infiammazione delle vene), alterazioni neurologiche (che riguardano il sistema nervoso), alluce valgo.

Le principali cause su cui indagare sono: predisposizione ereditaria, utilizzo abituale di scarpe con tacco alto, sedentarietà, postura scorretta da seduti, attività sportiva, trasporto di pesi non equilibrati (come lo zaino o la borsa su una spalla sola, ecc.), attività prolungate svolte in torsione, accavallamento delle gambe, difetto di masticazione, marcata scarsità visiva da un occhio rispetto all’altro, sovrappeso, traumi e lesioni, interventi chirurgici.

Consigli

  • A seconda dei casi, limitare o evitare l’assunzione di alimenti ricchi di istamina la sera (ad esempio alimenti in scatola, bevande e alimenti fermentati, maiale, salumi ed insaccati, estratti di carne, pesce, uova, latticini, lievito di birra, pomodoro, spinaci, funghi, melanzane, leguminose, banane, ananas, agrumi, fragole, uva, pere, ribes, lamponi, kiwi, papaya, avocado, frutta secca, zucchero, bibite gasate, cacao, caffeina, ecc.).
  • Avvalersi di rimedi fitoterapici specifici (ad esempio valeriana, passiflora, ecc.).