Loading ...

Emicrania - Analisi diagnostiche specifiche

Emicrania - test diagnostici specifici

L'emicrania è una condizione neurologica che può causare più sintomi. È spesso caratterizzata da forti mal di testa debilitanti. I sintomi possono includere:

  • nausea
  • vomito
  • difficoltà a parlare
  • intorpidimento o formicolio
  • sensibilità alla luce e al suono

Le emicranie colpiscono persone di tutte le età. Possono essere di due tipi: con aura e senza aura (insieme dei disturbi psichici, visivi, motori e/o neurologici che possono precedere l'insorgenza dell’emicrania).

I sintomi dell'emicrania possono iniziare uno o due giorni prima del mal di testa stesso. Ciò è noto come stadio prodromico.

I sintomi durante questa fase possono includere:

  • Voglie di cibo
  • Depressione
  • Stanchezza o bassa energia
  • Sbadigli frequenti
  • Iperattività
  • Irritabilità
  • Rigidità del collo

Nell'emicrania con aura, l'aura si presenta dopo lo stadio prodromico.

Durante un'aura, si potrebbero avere problemi con la vista, la sensibilità, il movimento e la parola come ad esempio:

  • difficoltà a parlare chiaramente
  • sensazione di formicolio o pizzicore (come spilli) al viso, alle braccia o alle gambe
  • vedere forme, lampi di luce o punti luminosi
  • perdere temporaneamente la vista
  • pensieri o esperienze confusi
  • la percezione di luci strane, scintillanti o lampeggianti
  • linee a zig-zag nel campo visivo
  • punti ciechi o chiazze vuote nella visione
  • rigidità alle spalle, al collo o agli arti
  • fastidio verso alcuni odori

La fase successiva è nota come fase di attacco.

Questa è la più acuta o grave delle fasi in cui si verifica il vero dolore dell’emicrania. In alcune persone, questo può sovrapporsi o verificarsi durante un'aura.

I sintomi della fase di attacco possono durare da ore a giorni e possono variare da persona a persona.

Alcuni sintomi possono includere:

  • maggiore sensibilità alla luce e al suono
  • nausea
  • vertigini o svenimento
  • dolore su un lato della testa (sinistro, destro, anteriore o posteriore o nelle tempie) dolore alla testa pulsante
  • vomito

Dopo la fase di attacco, una persona sperimenterà spesso la fase post-sindrome.

Durante questa fase, di solito ci sono cambiamenti nell'umore e nei sentimenti. Questi possono variare da sentirsi euforici ed estremamente felici, a sentirsi molto affaticati e apatici. Può persistere un mal di testa lieve e sordo.

La lunghezza e l'intensità di queste fasi possono verificarsi in gradi diversi in persone diverse.

A volte, viene saltata una fase ed è anche possibile che si verifichi un attacco di emicrania senza mal di testa.

 

cause dell'emicrania

I ricercatori non hanno identificato una causa definitiva per l'emicrania. Tuttavia, hanno trovato alcuni fattori che possono scatenare la condizione.

Ciò include i cambiamenti nelle sostanze chimiche del cervello, come un aumento del rilascio di serotonina da parte del cervello (la serotonina è un neurotrasmettitore che nel Sistema Nervoso Centrale esplica diverse funzioni, tra cui la trasmissione degli stimoli dolorifici. La serotonina dapprima produrrebbe vasocostrizione, da cui dipende la fenomenologia dell’aura emicranica, seguita da una successiva reazione di tipo vasodilatatorio, correlata alla fase dolorosa dell’attacco)

Altri fattori che possono scatenare un'emicrania includono:

  • Luci forti
  • Caldo intenso o altre temperature estreme
  • Disidratazione
  • Variazioni della pressione barometrica
  • Cambiamenti ormonali nelle donne, come fluttuazioni di estrogeni e progesterone durante le mestruazioni, la gravidanza o la menopausa
  • Stress eccessivo
  • Suoni forti
  • Intensa attività fisica
  • Saltare i pasti
  • Cambiamenti nei modelli di sonno
  • Uso di alcuni farmaci, come i contraccettivi orali 
  • Odori insoliti
  • Alcuni alimenti
  • Fumo
  • Uso di alcol

 

Alimenti che scatenano l'emicrania

Alcuni alimenti o ingredienti alimentari possono avere maggiori probabilità di scatenare l'emicrania rispetto ad altri.

Questi possono includere:

  • Alcool o bevande contenenti caffeina
  • Additivi alimentari, come nitrati (un conservante nei salumi), aspartame (uno zucchero artificiale) o glutammato monosodico 
  • Tiramina, che si trova naturalmente in alcuni alimenti La tiramina aumenta anche quando gli alimenti vengono fatti fermentare o invecchiare. Ciò include cibi come alcuni formaggi stagionati, crauti e salsa di soia. Tuttavia, la ricerca in corso sta esaminando più da vicino il ruolo della tiramina nelle emicranie. In alcune persone può essere un protettore del mal di testa piuttosto che un fattore scatenante.
  • Cioccolata (contiene caffeina e anche beta-feniletilamina, che in alcuni soggetti può provocare mal di testa)
  • Salumi - tra cui insaccati, prosciutto, hot dog e salsicce (contengono conservanti chiamati nitrati, che conservano il colore e il sapore. Questi alimenti possono rilasciare ossido nitrico nel sangue, che si ritiene dilati i vasi sanguigni nel cervello)
  • Alimenti in salamoia e fermentati possono contenere elevate quantità di tiramina. Questi alimenti includono: sottaceti, kimchi (un piatto tradizionale coreano, fatto di verdure fermentate con spezie), kombucha (un tè dolcificato fermentato che può anche avere contenuto alcolico), gombo in salamoia o sottaceto (frutto di una pianta proveniente dall’Africa)
  • Cibi e bevande congelati come gelati o granite possono scatenare forti dolori lancinanti alla testa.
  • Alimenti salati, in particolare gli alimenti trasformati salati che possono contenere conservanti dannosi, possono scatenare emicranie in alcune persone.

 

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che dovrà allegare.

Le risponderemo quanto prima

Valutazione medica gratuita

IPERSENSIBILITA' IGG MEDIATA AGLI ALIMENTI

TEST PER LE INTOLLERANZE ALIMENTARI - FOOD INTOLERANCE TEST

Anche tra i cibi quotidiani, in apparenza graditi e innocui, si possono nascondere alimenti verso i quali il nostro corpo ha sviluppato le cosiddette intolleranze alimentari: si tratta di reazioni i cui sintomi sono legati all’accumulo di sostanze non tollerate dall’organismo e che compaiono con un certo ritardo rispetto all’assunzione del cibo, per questo non è possibile collegare in modo automatico cause ed effetti.

 Test per le intolleranze alimentari

ESAME SULLO STRESS O AFFATICAMENTO SURRENALICO

PROFILO STRESS

L'esame sullo stress o affaticamento surrenalico valuta il dosaggio degli ormoni che entrano in azione nei meccanismi di regolazione e di risposta allo stress, per rilevare eventuali squilibri dell'asse ipofisi-surrene.

 Profilo stress

VALUTAZIONE DELL' EQUILIBRIO ORMONALE DELLA DONNA

PROFILO DONNA FERTILE

Il pannello è utile per stabilire se vi sono alterazioni nella funzione delle ovaie con conseguente inibizione dell'ovulazione o irregolarità o assenza di mestruazioni.

 Profilo Ormoni Donna Età Fertile

DIFFICOLTA' A DORMIRE - ESAME ORMONALE 

PROFILO BUONANOTTE

L'esame è consigliato in caso di difficoltà ad addormentarsi, insonnia, forte stress psico-fisico, ansia, depressione, e a chi ha problemi di memoria.

 Profilo Buonanotte

ANALISI SULLE CARENZE DI VITAMINE E MINERALI

VITAMINERAL PROFILE

Il test misura esattamente i livelli sierici delle vitamine A, E, De di alcuni minerali, in modo tale da valutare eventuali carenze che potrebbero portare ad un cattivo funzionamento dell’intero organismo.

 Vitamineral Profile