Caricamento in corso ...

Archivio Blog


Piano dietetico per l'anemia

Ogni dieta va studiata con un medico specialista o un nutrizionista, ma dagli esperti ecco le indicazioni dietetiche per prevenire (o meglio controllare) ogni tipo di anemia dipendente da carenze nutrizionali. I piani di trattamento dell'anemia spesso includono cambiamenti nella dieta. Il miglior programma dietetico per l'anemia include cibi ricchi di ferro e altre vitamine essenziali per la produzione di emoglobina e globuli rossi. Dovrebbe anche includere alimenti che aiutano il corpo ad assorbire meglio il ferro.

Esistono due tipi di ferro negli alimenti: ferro eme (ovvero legato all’emoglobina) e ferro non eme.

Il ferro eme si trova nella carne, nel pollame e nei frutti di mare. L'eme è un componente dell'emoglobina e di altre proteine, che contiene il ferro in una forma particolare. Costituisce circa il 40% del ferro contenuto nei cibi carnei. Esso è altamente assorbibile (la quota assorbita varia dal 10 al 35%, nei soggetti normali) e non è influenzato dalla composizione generale della dieta.

Il ferro non eme si trova negli alimenti vegetali e negli alimenti arricchiti con ferro. E' assorbibile in una percentuale che varia dal 2 al 10%.

La maggior parte del ferro alimentare è costituito dal ferro non-eme. Esso costituice il 60% circa del ferro contenuto nella carne ed il 100% del ferro contenuto nei cibi di origine vegetale, nel latte e nei suoi derivati. Il ferro sotto questa forma è poco assorbibile ed è influenzato dalla presenza, negli alimenti, di fattori favorenti o inibenti l'assorbimento. In modo più specifico, l'assorbimento del ferro contenuto nei cereali e nelle verdure è inferiore al 5%, ma può aumentare fino al 10-20% in presenza di cibi carnei o di acidi organici (per es. l'acido citrico contenuto nel limone, l'acido lattico nei crauti e l'acido ascorbico, o vitamina C, contenuto in diversi frutti).

Sebbene i piani di trattamento dell'anemia siano individualizzati, la maggior parte richiede da 150 a 200 milligrammi di ferro al giorno. È difficile ottenere questi livelli solo attraverso la dieta. Potrebbe anche essere necessario assumere ferro o un integratore di ferro da banco fino a quando i livelli non vengono ripristinati.

Aggiungere i seguenti alimenti alla dieta per ottenere più ferro e aiutare a combattere l'anemia sideropenica:

 

1. Vegetali a foglia

Le verdure a foglia verde, specialmente quelle scure, sono tra le migliori fonti di ferro non eme. Includono:

  • Spinaci
  • Cavolo
  • Cavolo verde
  • Denti di leone verdi
  • Bietole

Alcune verdure a foglia verde come la bietola e il cavolo contengono anche folati. Una dieta povera di folati può causare anemia da carenza di folati. Agrumi, fagioli e cereali integrali sono buone fonti di folati.

Le verdure scure a foglia verde hanno però un limite per quanto riguarda l’assimilazione del ferro. Alcuni vegetali ricchi di ferro, come spinaci e cavoli, sono anche ricchi di ossalati. Gli ossalati sono composti che impediscono l'assorbimento del ferro non eme. Quindi, mentre è utile mangiare le verdure come parte di una dieta generale per l'anemia, non bisogna dipendere solamente da queste per curare la condizione.

La vitamina C aiuta lo stomaco ad assorbire il ferro. Mangiare verdure a foglia verde con cibi che contengono vitamina C come arance, peperoni rossi e fragole, può aumentare l'assorbimento del ferro. Alcuni vegetali sono buone fonti di ferro e vitamina C, come il cavolo e la bietola.

 

2. Carne e pollame

Tutta la carne e il pollame contengono ferro eme. La carne rossa, l'agnello e soprattutto la carne di cavallo sono le migliori fonti. In particolare la carne di cavallo contiene questo minerale (3,9 mg per 100 grammi), in una forma immediatamente disponibile per l'organismo e facilmente assimilabile.

Pollame e pollo ne hanno quantità inferiori. Mangiare carne o pollame con cibi contenenti ferro non eme, come verdure a foglia verde, può aumentare l'assorbimento del ferro.

 

3. Fegato

Molte persone evitano le carni di organi interni, ma sono un'ottima fonte di ferro. Il fegato è probabilmente il più popolare. È ricco di ferro e folati. Alcune altre carni di organi interni ricchi di ferro sono il cuore, la milza, i reni e la lingua di manzo.

 

4. Frutti di mare

Alcuni frutti di mare sono fonti di ferro eme. Molluschi come cozze, ostriche, vongole e crostacei come i gamberi sono buone fonti. La maggior parte dei pesci contiene ferro. I pesci ricchi di ferro includono:

  • Sardine, in scatola in olio
  • Tonno in scatola o fresco
  • Salmone fresco
  • Ippoglosso fresco
  • Pesce persico fresco
  • Eglefino fresco

 

Sebbene il salmone sia fresco che quello in scatola siano buone fonti di ferro, il salmone in scatola è ricco di calcio. Il calcio si lega al ferro e ne riduce l'assorbimento. Gli alimenti ricchi di calcio non dovrebbero essere consumati contemporaneamente a quelli ricchi di ferro. Altri esempi di alimenti ricchi di calcio includono:

  • Latte intero
  • Yogurt
  • Kefir
  • Formaggio
  • Sardine
  • Broccoli
  • Tofu

 

5. Alimenti fortificati

Molti alimenti sono arricchiti con ferro. Aggiungere questi alimenti alla dieta se si è vegetariano o si fa fatica a mangiare altre fonti di ferro:

  • Succo d'arancia fortificato
  • Cereali fortificati e pronti da mangiare
  • Alimenti a base di farina raffinata fortificata come il pane bianco
  • Pasta fortificata
  • Alimenti a base di farina di mais fortificata
  • Riso bianco fortificato

 

6. Fagioli

I fagioli sono buone fonti di ferro sia per i vegetariani che per chi mangia carne. Sono anche economici e versatili. Anche se c’è molta differenza nel contenuto di ferro una volta cotti. Alcune varietà ricche di ferro sono:

  • Fagioli Borlotti in scatola, scolati (2,2 mg per 100 g)
  • Ceci secchi, cotti -bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolati (2,2 mg per 100 g)
  • Lupini, ammollati (5,5 mg per 100 g)
  • Soia secca (6,9 mg per 100 g)
  • Fagioli Borlotti secchi crudi (9 mg per 100 g)
  • Fagioli, dall'occhio secchi (8,8 mg per 100 g)
  • Piselli secchi (4,5 mg per 100 g)

 

7. Noci e semi

Molti tipi di noci e semi sono buone fonti di ferro. Hanno un ottimo sapore da soli o aggiunti a insalate o yogurt. E’ preferibile scegliere varietà crude quando possibile. Alcune noci e semi che contengono ferro sono:

  • Semi di zucca
  • Anacardi
  • Pistacchi
  • Semi di canapa
  • Pinoli
  • Semi di girasole

 

Le mandorle sono anche una buona fonte di ferro. Sono ottime come parte di un piano alimentare salutare, ma poiché sono anche ricche di calcio, potrebbero non aumentare i livelli di ferro.

 

8. Cioccolato fondente

Una buona notizia per chi ne è goloso. Il cioccolato fondente è una buona fonte di ferro (17,4 mg ogni 100 grammi).

 

9. Uova

Anche le uova sono una buona fonte di ferro: 1,5 mg per uovo (circa 60 grammi).

 

I dolori alla schiena colpiscono circa l’80% della popolazione adulta e solo nel 20% dei casi derivano da vere e proprie patologie vertebrali.
In genere il dolore è per lo più dovuto a:

  • Cattiva postura
  • Abitudine ad eseguire movimenti in maniera non corretta
  • Eccessiva tensione muscolare derivante da stress psicologico
  • Scadente tono muscolare (addominale, lombare e dorsale)
  • Sovrappeso

Camminare, correre, sollevare dei pesi, restare seduti per tante ore alla scrivania o in auto, sono spesso la causa dell’insorgere di protrusioni e ernie del disco. Nei movimenti quotidiani spesso, sia per problemi scheletrici che posturali, non siamo in grado di mantenere le curve della colonna in posizione corretta, causando la compressione dei dischi vertebrali (cuscinetti ammortizzanti), con possibile schiacciamento dei nervi (es nervo sciatico), il dolore si può sentire sul gluteo, la coscia, il polpaccio o il piede. 

I muscoli esercitano importanti funzioni di impalcatura che da un lato permettono la tenuta, ma dall’altro aumentano la compressione delle vertebre e di conseguenza dei dischi vertebrali.

Secondo uno studio (Belavy e coll.2017), la corsa, se ben distribuita a livello posturale, è il più potente mezzo di adattamento e rigenerazione a livello delle strutture osteo-articolari.

Se, da un lato, il carico prodotto dalla corsa può danneggiare le strutture articolari, in particolare i dischi intervertebrali, dall’altro la teoria riporta che un carico adeguato e bilanciato possa invece essere un fattore protettivo e possa anzi favorire i processi fisiologici di rigenerazione tissutale.

I risultati dimostrano che la popolazione dei runner, sia uomini che donne, presenta una maggiore idratazione dei dischi intervertebrali su tutti i livelli della colonna lombare.

E’ bene sottolineare che i partecipanti alla ricerca non presentavano condizioni di lombalgia, lombosciatalgia o altre malattie a carico della colonna lombare. I risultati dimostrano che, su una colonna “sana”, il Running non ha alcun effetto negativo ed anzi è in grado di proteggere la degenerazione dei dischi

 

IL PERCORSO POSTURALE BIOMEDIC

 

E’ un percorso posturale, basato su 35 anni di esperienza clinica, appositamente con lo scopo di correggere a lungo termine una cattiva postura, che è una causa primaria dei problemi a livello muscolare, articolare, vertebrale, respiratorio, cardiaco, circolatorio, visivo, mandibolare, digestivo e della traumatologia sportiva.

Il percorso è costituito da una tecnica posturale/respiratoria e da un plantare preparato su misura.

Ogni paziente che decide di iniziare questo programma deve essere consapevole che viene fatto un lavoro sul corpo a 360 gradi.

Quello che serve è la ricerca della esatta causa che scatena il sintomo, non un semplice lavoro per ridurre il sintomo.

Per ottenere il completo beneficio è necessario seguire l’intero programma.

La tecnologia posturale/respiratoria si prefigge di corregge i difetti posturali del corpo sul piano sagittale (visione laterale del corpo), comprende il bacino, la colonna vertebrale, la cassa toracica, le spalle, il diaframma.

E’ necessario eliminare quell’atteggiamento del corpo chiuso con le spalle in avanti, in particolar modo da seduti (in ufficio o alla guida) che nel tempo ha causato o può causare:

  • CERVICALE (tensione, ernia)
  • FORMICOLIO (braccia, mano, gamba)
  • MAL DI TESTA
  • VERTIGINI
  • MAL DI SCHIENA (protrusione, ernia)
  • SCIATICA (schiacciamento del nervo sciatico)
  • REFLUSSO GASTRICO
  • DEFICIT RESPIRATORIO

IMPETIGINE

Questa infezione batterica è più comune nei caldi mesi estivi, ma può verificarsi durante tutto l'anno. Si manifesta con croste color miele e bordi rossi. L'eruzione cutanea può iniziare sul viso, spesso sotto il naso. Si diffonde quando i batteri vengono trasferiti dalla pelle infetta a una nuova area.

 

Suggerimenti per l'Impetigine

La mupirocina, una crema antibiotica o unguento topica, può aiutare. Per un'eruzione cutanea più diffusa, i bambini potrebbero aver bisogno di antibiotici per via orale. Un buon lavaggio delle mani è importante, soprattutto quando un bambino o un genitore ha toccato l'area infetta.

Consigli in sintesi

Una padella in ghisa è uno strumento base per la dieta dell'anemia. I cibi cotti nella ghisa assorbono il ferro dalla padella.

Quando si segue una dieta per l'anemia, è bene ricordare queste linee guida:

Non mangiare cibi ricchi di ferro con cibi o bevande che bloccano l'assorbimento del ferro. Questi includono caffè o tè, cibi ricchi di ossalati, tannini  e cibi ricchi di calcio (evitare pane icon salame e formaggio insieme ad esempio).

Mangiare, nello stesso pasto cibi ricchi di ferro insieme a cibi ricchi di vitamina C, come arance, pomodori o fragole, per migliorarne l’assorbimento. Ad esempio preparare pasta e broccoletti, condire la verdura con il limone, la macedonia con succo di limone o di arancia.

Mangiare nello stesso pasto cibi ricchi di ferro insieme a cibi che contengono beta carotene o vitamina A, come albicocche, peperoni rossi e barbabietole, per migliorarne l’assorbimento, e rame che si trova nei cereali, nella carne, nei molluschi, nelle uova e nella frutta secca in guscio. Ottimo l’abbinamento degli spinaci con molluschi o legumi (ricchi di rame) oppure con il succo di limone o con spremute di agrumi e kiwi (ricchi di vitamina C).

Mangiare nello stesso pasto cibi contenenti ferro eme e non eme insieme quando possibile per aumentare l'assorbimento del ferro. Ad esempio la cisteina, contenuta nella carne e nel pesce, è in grado di fare assorbire 2 o 3 volte di più il ferro non eme presente nelle verdure. Dunque, sarebbe bene accompagnare un secondo di carne con un contorno di verdura.

Aggiungere cibi ricchi di folati e vitamina B-12 per sostenere la produzione di globuli rossi.

 

 

 

Quanto peso possono sopportare le nostre vertebre?

In un uomo di taglia normale in posizione eretta, la pressione sui dischi lombari è di circa 80 kg. Sia in piedi che da seduti, siamo tendenzialmente ingobbiti in avanti con le spalle chiuse, aumentando così del 50% la pressione sui dischi arrivando a circa 120 kg di carico. Da seduti il carico discale aumenta del 40%.

In posizione eretta risulta fondamentale mantenersi diritti, rispettare il baricentro e preservare le curve fisiologiche della colonna vertebrale (Anatomie et science du geste sportif” di Virhed R. – Ed. Vigot 1987). E’ fondamentale avere una colonna vertebrale correttamente allineata a partire dal bacino, con le curve il più corrette possibili (lordosi e cifosi).

 

E se solleviamo un peso?

  • Per un peso di 10 Kg corrisponde una pressione sui dischi pari a 340 Kg.
  • Con 20 Kg la pressione aumenta fino a 600 Kg.
  • Con 50 Kg la pressione sul 5° disco lombare è pari a 900 Kg.
  • Sollevando 100 Kg la pressione arriva fino a 1000 Kg.

Secondo il libro Anatomia Funzionale di Kapandji, la massima pressione che può sopportare un disco vertebrale è di circa 800 Kg fino a 40 anni e si riduce a 450 Kg dopo quell’età.


Maggiori saranno i vizi posturali, prima arriveranno i problemi.

 

IL PLANTARE

Il Plantare è indispensabile per correggere i difetti posturali sul piano frontale, causati da uno scorretto appoggio dei piedi ancora prima dell’adolescenza.

I piedi sono le fondamenta dello scheletro, se la base non è diritta, tutto quello che è appoggiato sopra tende a diventare storto (vedere la figura).

Ogni scheletro ha dei difetti di postura, conosciuti o no dalla persona, che vanno corretti al meglio, per evitare inevitabili sovraccarichi articolari (artrosi, meniscopatia), muscolari (contrattura, infiammazione, strappi, tendinite), vertebrali (ernia, sciatica).

Il plantare deve provocare le spinte necessarie per rendere il più corretto possibile l’appoggio del piede in posizione eretta, in camminata, nella corsa o durante lo sport.

Il plantare è molto sottile, utilizzabile nella maggior parte delle scarpe, di varie densità in proporzione al peso, all’attività sportiva e alla correzione da raggiungere. E’ lavabile e leggerissimo.

Viene fatta una visita che consiste in una impronta del piede, una valutazione posturale completa di fronte ad uno specchio, usando degli spessori di diversa densità posizionati nei punti del piede che necessitano di spinta, fino ad arrivare ad un equilibrio posturale che sia il migliore possibile. Vengono fatte delle foto da varie angolazioni e poi usando delle speciali solette elettroniche si farà camminare il paziente e se necessario anche correre o facendogli fare il gesto sportivo che è abituato ad eseguire.

E’ necessario utilizzare il plantare circa 15 gg per far si che lo scheletro ne subisca l’effetto e si metta in asse dopo anni di cattiva postura, dopodichè è necessario controllare il corpo in piedi sul plantare e in camminata per verificare la nuova postura corretta, anche con scarpe diverse.

Nel controllo utilizziamo una speciale soletta elettronica dotata di sensori che rileverà le pressioni del piede, con e senza plantare, da fermi e in camminata o durante la corsa, verificando in tempo reale i miglioramenti ottenuti nell’appoggio dei piedi.

Può essere che al controllo sia necessaria una correzione del plantare, perché in fase di costruzione del plantare (indipendentemente dalla tecnologia utilizzata) non si può sapere come il corpo reagirà al nuovo appoggio.

La postura scheletrica con il plantare deve essere la più corretta possibile e deve rimanere tale.

Faremo un successivo controllo dopo 3 mesi e sarà consigliabile fare un controllo periodico (ogni 6 mesi) della postura con il plantare, da in piedi, in camminata e se necessario, nella corsa o durante il gesto atletico specifico.

Durante il programma e alla fine, vengono dati degli esercizi molto semplici da eseguire a casa, che hanno lo scopo di continuare ad ottenere il cambiamento della postura e di rinforzare la muscolatura specifica posturale.


Tabelle degli alimenti con maggior contenuto di ferro

CARNI (mg di ferro EME per 100 g) - assimilato dal 10 al 35%
FEGATO DI MAIALE FEGATO DI EQUINO FEGATO DI BOVINO RANA PATE' CARNE DI CAVALLO CARNE DI AGNELLO COSCIO DI FARAONA BRESAOLA CARNE BOVINA COSCIO DI TACCHINO
10,2 9 8,8 6 Coniglio 4,2 - Fegato 4,1 - Pollo 4,5 - Prosciutto 3,8 3,9 3,2 2,8 2,4 Filetto 1,9 - Lombata 1,4 1,7

EDERA VELENOSA

Questa eruzione cutanea altamente pruriginosa appare in caso di contatto con le foglie di edera velenosa (ma anche della quercia o del sommacco). L’edera velenosa è una comune causa di dermatite da contatto, cioè una reazione allergica a qualcosa che viene a contatto diretto con la pelle. La pelle diventa rossa e può somigliare alla superficie di un'arancia. Linee o chiazze di minuscole vesciche si sviluppano rapidamente. Le vesciche si allargano e, nel tempo, possono aprirsi e trasudare.

 

Suggerimenti per l'Edera Velenosa

Evitare le piante a tre foglie. Se il bambino ne tocca accidentalmente una, strofinarlo rapidamente con sapone può prevenire una reazione, ma questo è spesso impraticabile perché deve essere fatto immediatamente dopo l'esposizione. (Dopo 10 minuti, solo il 50% della resina è rimovibile, e dopo 30 minuti solo il 10%.). Se l'eruzione cutanea è iniziata, applica una crema steroidea topica all'1%, disponibile al banco. Bagni di farina d'avena e impacchi freddi sono stati raccomandati per contribuire ad alleviare i sintomi. Quando l'eruzione è grave, come quando colpisce il volto o causi vesciche estese, steroidi per via orale (ad esempio, prednisone) possono contribuire a produrre un rapido miglioramento.

PESCE (mg di ferro EME per 100 g) - assimilato dal 10 al 35%
DENTICE FRESCO CAVIALE MORMORA SCORFANO PAGELLO SPIGOLA SARDINE IN SCATOLA ACCIUGHE FRESCHE GAMBERI SGUSCIATI SURGELATI TROTA COTTA AL FORNO TONNO IN SCATOLA AL NATURALE ARINGA AFFUMICATA
12 11,8 5,6 5,5 4,3 4,1 3,2 2,8 2,6 2,3 1,8 1,4

I corpi tendono ad avere una postura scorretta:

  • Spalle incurvate in avanti 
  • Chiusura del petto e della cassa toracica 
  • Testa sbilanciata in avanti 
  • Spesso la mancanza della lordosi (curva vertebrale lombare) 
  • Fuori asse ombelico/sterno 
  • Appoggio scorretto e sbilanciato dei piedi
  • Diversa altezza del bacino che causa differente altezza delle gambe 
  • Scorretta proporzione tra cifosi (curva vertebrale del collo) e lordosi

Nella corsa spesso si ha un movimento asimmetrico delle braccia e dell’appoggio dei piedi. Importantissimo eseguire un'attenta valutazione posturale per individuare gli squilibri del corpo per non sovraccaricare la schiena.  

DA SEDUTI SI HA LA MEDESIMA POSTURA SCORRETTA CHE DA IN PIEDI.

La lordosi deve sempre essere presente sia da in piedi che da seduti (da seduti usare sempre un supporto lombare o un asciugamano arrotolato).

La cifosi va ridotta attraverso esercizi posturali mirati.

QUESTE 2 CONDIZIONI CAUSANO UNO SCHIACCIAMENTO VERTEBRALE.

 


FRUTTI MARE (mg di ferro EME per 100 g) - assimilato dal 10 al 35%
VONGOLE OSTRICHE COZZE GRANCHIO IN SCATOLA
7,4 6 5,8 2,8

MALATTIA MANO-PIEDE-BOCCA

Questa malattia virale contagiosa è più comune in estate ma può verificarsi in qualsiasi momento.

Si manifesta con febbre, piccole piaghe nella parte posteriore della bocca (di solito ai lati, davanti alle tonsille) e piccole vesciche (spesso su palmi, piante dei piedi e glutei, talvolta braccia e gambe).

 

Suggerimenti per la Malattia Mano-Piede-Bocca

Mantieni il tuo bambino idratato. Forniscigli una dieta leggera. Se necessario, si può somministrare del paracetamolo per la febbre o il dolore. Questa eruzione si diffonde attraverso le secrezioni orali, quindi scoraggia la condivisione di tazze e bottiglie d’acqua.

CEREALI (mg di ferro non EME per 100 g) - assimilato dal 2 al 10%
CRUSCA DI FRUMENTO MUESLI FIOCCHI D’AVENA CORNFLAKES MAIS
12,9 5,6 5,2 2,8 2,4

 

Come uno scorretto appoggio dei piedi causa il mal di schiena

L’appoggio dei pedi “corretto” è essenziale per avere un corretto allineamento delle articolazioni, del bacino e della colonna vertebrale.

I piedi, a causa di fattori principalmente genetici, nel momento in cui inizia la stazione eretta del bambino sono sottoposti al peso e alla gravità, tendono ad assumere sul piano frontale 3 posizioni scorrette:

  • Supinazione (carico esterno) di entrambi i piedi
  • Pronazione (carico interno) di entrambi i piedi
  • Un piede in supinazione e l’altro in pronazione

Un piede che prona o supina, causa una rotazione del ginocchio, dell’anca , del bacino, delle vertebre, fino al tratto cervicale.

Inoltre causa un abbassamento del bacino e un conseguente fuori asse vertebrale.

E’ un effetto domino sulla colonna.

I runner, spesso tendono ad avere un appoggio scorretto ma non tutti lo percepiscono, basta osservare l’usura delle scarpe, sia quelle da running che quelle di uso quotidiano.

Anziché comprare le scarpe anti supinazione/pronazione, l’unico modo per correggere l’appoggio dei piedi è un plantare costruito appositamente su misura e successivamente, dopo 2 settimane di utilizzo, verificato da uno specialista in postura che osservi la scomparsa di tutti i difetti strutturali, da in piedi, in camminata e in corsa.

 

Dott. Luca Corvi

Fisioterapista/Posturologo

Email : fisioterapia@biomediccenter.com

Tel : +39 031 928764

Dal mercoledi al sabato 9.00 – 19.00 (orario continuato)

 

La Malocclusione dentale

Anche l’aspetto masticatorio è importante perché può causare:

  • Tensioni al collo, spalle
  • Formicolio braccio o mano
  • Ernia cervicale
  • Acufene (fischio)
  • Mal di testa
  • Vertigine

Un difetto masticatorio causa problematiche fino all’altezza dello sterno, per cui un dolore dorsale o lombare o al ginocchio, se di origine posturale, non è causato dalla masticazione ma dall’appoggio dei piedi.

In una valutazione posturale completa è necessario verificare anche la masticazione, a volte ci possono essere dei difetti nel movimento mandibolare. Durante l’apertura e la chiusura della bocca la mandibola, questa si può spostare a destra o a sinistra rispetto al naso, causando sovraccarichi sulle vertebre cervicali, dolori cervicali, tensioni muscolari, mal di testa, acufene, formicolio al braccio o mano. Questo spostamento è osservabile allo specchio e mettendo le dita sull’articolazione della mandibola si può sentire se le due articolazioni si muovono allo stesso modo o meno.

Dopodichè in coordinazione con lo specialista, se necessario, si valuterà come procedere per allineare la masticazione e ci sono diverse soluzioni.

Il paziente viene seguito da una equipe specializzata in ogni aspetto posturale.

Lo scopo è un reset della vecchia postura, la riduzione o la scomparsa del problema, con una postura nuova e corretta, con una consapevolezza e controllo posturale naturale e giornaliero in ogni movimento e posizionamento del corpo, nello sport e al lavoro.

 

 

Dott. Luca Corvi

Fisioterapista/Posturologo

Email : fisioterapia@biomediccenter.com

Tel : +39 031 928764

Dal mercoledi al sabato 9.00 – 19.00 (orario continuato)


VERDURE E ORTAGGI (mg di ferro non EME per 100 g) - assimilato dal 2 al 10%
RADICCHIO VERDE TARASSACO (DENTE DI LEONE) SPINACI CRUDI POMODORI (CONSERVA) BIETOLA (BOLLITA SENZA SALE)
7,8 3,2 2,9 2,2 2,0

QUINTA MALATTIA

Chiamata anche "malattia della guancia schiaffeggiata", questa lieve malattia virale provoca stanchezza, dolore e talvolta mal di testa, ma senza febbre. Si manifesta con l'arrossamento delle guance, seguito dopo diversi giorni da un'eruzione piatta, dall'aspetto merlettato all'interno delle cosce o sugli avambracci.

Suggerimenti per la Quinta Malattia

Il tuo bambino non avrà bisogno di cure per la quinta malattia. Tuttavia, questo virus presenta rischi per i bambini con disturbi del sangue e donne in gravidanza. Quindi fai attenzione che tuo figlio non esponga questi soggetti accidentalmente al contagio.

FRUTTA (mg di ferro non EME per 100 g) - ASSIMILATO DAL 2 AL 10%
PISTACCHI ANACARDI ALBICOCCHE DISIDRATATE PRUGNE SECCHE COCCO ESSICCATO UVA SECCA/NOCCIOLE SECCHE FICHI, FICHI SECCHI, MANDORLE DOLCI SECCHE MORE RIBES
7,3 6 5,3 3,9 3,6 3,3 3,0 1,6 1,3

FONTE: TABELLA DEI VALORI NUTRIZIONALI STILATA DALL' INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) ora CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l'analisi dell'economia agraria). Consultabili per esteso sul sito: https://www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/banche-dati

ORTICARIA

Queste risposte allergiche cutanee possono svilupparsi dopo che i bambini allergici sono esposti a saponi, detergenti, lozioni, antibiotici o nuovi alimenti. Appaiono come lividi chiari e sollevati con margini rossi. Possono essere rotondi o di forma insolita. I lividi variano in dimensioni da quelle che sembrano punture di insetti ad "alveari giganti". (I grandi alveari non sono più gravi di quelli piccoli.)

 

Suggerimenti per l'Orticaria

Se l'orticaria è limitata alla pelle, somministrare per via orale difenidramina. Se persistono o si ripresentano, consultare il pediatra. Sebbene si verifichi raramente, se il bambino sviluppa orticaria con difficoltà a respirare o deglutire o vertigini, vai immediatamente al pronto soccorso o chiama il 112.

RIFERIMENTI:

  • www.healthline.com/health/best-diet-plan-for-anemia

  • Anemia. (n.d.).  nhlbi.nih.gov/health-topics/anemia

  • Does cooking with cast iron pots and pans add iron to our food? (2015).
    goaskalice.columbia.edu/answered-questions/does-cooking-cast-iron-pots-and-pans-add-iron-our-food

  • Folate-deficiency anemia. (n.d.). hopkinsmedicine.org/healthlibrary/conditions/ hematology_and_blood_disordersanemia_of_folate_deficiency_85,P00089/

  • Iron [Fact sheet]. (2018).
    ods.od.nih.gov/factsheets/Iron-HealthProfessional/

  • Iron-deficiency anemia. (n.d.).
    hematology.org/Patients/Anemia/Iron-Deficiency.aspx

  • Mayo Clinic Staff. (2017). Anemia.
    mayoclinic.org/diseases-conditions/anemia/symptoms-causes/syc-20351360

  • Yan L. (2016). Dark green leafy vegetables.
    ars.usda.gov/plains-area/gfnd/gfhnrc/docs/news-2013/dark-green-leafy-vegetables/