Stanchezza cronica: 4 passaggi per superarla

Prevenzione - Consigli - Stress Medicina Complementare

Spesso agli individui con sindrome da stanchezza cronica vengono prescritti antidepressivi e sonniferi. In molti casi, gli effetti collaterali di questi farmaci sono effettivamente peggiori dei sintomi originali.

 

4 PASSAGGI PER SUPERARE LA SINDROME DA STANCHEZZA CRONICA

Spesso agli individui con sindrome da stanchezza cronica vengono prescritti antidepressivi e sonniferi. In molti casi, gli effetti collaterali di questi farmaci sono effettivamente peggiori dei sintomi originali.

Passaggio 1: eliminare le sensibilità alimentari e gli allergeni

Sempre più ricerche indicano un legame tra allergie e/o sensibilità alimentari e la sindrome da stanchezza cronica. Le allergie a determinati alimenti, pollini, metalli e altre sostanze chimiche ambientali possono causare l’aumento del numero di individui con CFS (Sindrome da stanchezza cronica, in inglese Chronic Fatigue Syndrome, da cui la sigla CFS)

Secondo uno studio pubblicato sullo Scandinavian Journal of Gastroenterology, l’IBS (Sindrome dell’intestino irritabile), la fibromialgia e la stanchezza cronica sono collegati ed i ricercatori sono rimasti sorpresi. In uno studio su 84 pazienti che erano stati indirizzati per “problemi digestivi inspiegabili”, quasi tutti i pazienti (tranne uno) si sono qualificati per una diagnosi di IBS, l’85% aveva la sindrome da stanchezza cronica e il 71% aveva la fibromialgia. Il denominatore comune, ritengono i ricercatori di questo studio, è la cattiva digestione e la sensibilità alimentare. 

 

Glutine e altre comuni intolleranze

Ad esempio, una delle sensibilità alimentari più comuni di oggi è quella al glutine. Anche l’intolleranza al lattosio, un’allergia alla caseina e un’intolleranza ad altri allergeni comuni possono essere alla radice della stanchezza cronica. Altri allergeni comuni includono noci, arachidi, latticini, soia, crostacei e lievito.

E’ suggeribile prendere in considerazione la possibilità di eseguire un test IgG (immunoglobulina G) per determinare gli alimenti a cui sei sensibile, quindi effettuare un adeguato trattamento per eliminare l’intolleranza. Eliminando gli allergeni personali conosciuti, i sintomi di IBS, ADHD, fibrosi cistica, artrite reumatoide e stanchezza cronica possono essere potenzialmente alleviati.

 

Squilibrio della Candida

Sarebbe inoltre opportuno aggiungere una verifica per la Candida albicans. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Orthomolecular Medicine, un sorprendente 83% dei partecipanti che hanno seguito una dieta anti-candida ha sperimentato una riduzione dei sintomi legati alla sindrome da stanchezza cronica.

Una dieta che aiuta a ripristinare i corretti valori della candida include cibi ricchi di probiotici tra cui kefir, yogurt, crauti e kimchi, oltre a verdure verdi, semi di lino e chia e succo di mirtillo non zuccherato. Richiede anche l’eliminazione degli alimenti che alimentano la candida nel corpo. Questi includono zucchero, frutta, alcol e cereali.

Quando la candida non viene trattata, provoca una risposta immunitaria infiammatoria e crea varchi nel rivestimento intestinale, portando a permeabilità intestinale.

 

Caseina

La caseina, una proteina presente nei latticini, può causare gravi reazioni allergiche. Un’allergia alla caseina è più importante della semplice sensibilità al lattosio; deriva dal sistema immunitario che produce anticorpi per proteggere dalle proteine ​​e può indurre il corpo a rilasciare istamina. Ciò può causare orticaria, congestione nasale, respiro sibilante, gonfiore delle labbra, della bocca, della lingua, del viso o della gola e persino anafilassi.

Naturalmente, il modo migliore per evitare questi sintomi è evitare la caseina. Questa proteina è concentrata nei latticini ad alto contenuto proteico, tra cui yogurt, latte, formaggio e gelato. Tuttavia, la maggior parte delle persone non avrà problemi con il burro chiarificato.

 

Helicobacter Pylori

Inoltre, si ritiene che i batteri chiamati H. pylori siano un fattore che contribuisce e sono comuni in quasi i due terzi della popolazione mondiale.  Questo batterio ostile attacca il rivestimento dello stomaco; se non trattati, questi germi possono portare a ulcere gastriche.

I ricercatori hanno scoperto che una volta che H. pylori era fuori dal corpo dei partecipanti allo studio, i loro sintomi fisici e psicologici, compresi quelli di IBS, fibromialgia e stanchezza cronica, guarivano.

 

Passaggio 2: aumenta l’assunzione di vitamina B

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Royal Society of Medicine, i ricercatori hanno trovato un collegamento diretto tra i ridotti livelli di vitamina B e la sindrome da stanchezza cronica.

 

Vitamina B6

Lo studio si è concentrato su B-6, riboflavina e tiamina e i ricercatori ritengono che la B6 (o piridossina) sia particolarmente importante. Gli alimenti ricchi di vitamina B6 includono tonno selvatico e salmone, banane, manzo nutrito con erba, patate dolci, tacchino, nocciole, aglio e spinaci cotti.

La vitamina B6 aiuta a prevenire e alleviare la stanchezza e supporta un sistema immunitario sano. Come affermato sopra, alcuni ricercatori ritengono che alcuni virus abbiano un ruolo nella CFS, quindi aumentare i livelli di B6 può essere un trattamento utile. La vitamina B6 aiuta a supportare il funzionamento dei linfociti T, consentendo loro di combattere più abilmente le infezioni.

 

Importanza della metilazione

Metilazione è il termine dato al processo nel corpo in cui i composti metilici (un atomo di carbonio, tre atomi di idrogeno) vengono utilizzati nelle funzioni critiche del corpo: funzione immunitaria, produzione di energia, umore, infiammazione, funzione nervosa, disintossicazione e persino DNA – che sono tutte sfide nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica.

La metilazione aiuta a elaborare le tossine, a produrre ormoni e persino a produrre neurotrasmettitori come la melatonina.  Una scarsa metilazione può portare a una varietà di condizioni croniche tra cui alcuni tipi di cancro, malattie cardiovascolari, diabete, allergie, disturbi digestivi, disturbi dell’umore e psichiatrici e stanchezza cronica.

 

Vitamina B12

La metilazione richiede vitamina B6, folato e vitamina B12 utili per il funzionamento del corpo a livello cellulare. Quando si ha una carenza di vitamina B12, si altera il processo di metilazione e può causare numerosi malfunzionamenti che contribuiscono direttamente alla sindrome da stanchezza cronica.

Molti sintomi della carenza fanno eco ai sintomi della CFS. Questi includono mancanza di motivazione, bassa energia, scarsa concentrazione, scarsa memoria, sbalzi d’umore emotivo, affaticamento, tensione muscolare e altro ancora.

La vitamina B12 può aumentare l’energia, ridurre la depressione, prevenire la degenerazione neurologica e proteggere da alcuni tipi di cancro. La B12 è un nutriente fondamentale che supporta il ciclo di metilazione e può aiutare a stimolare stati d’animo migliori, più energia e una migliore funzione cognitiva. 

Vegani e vegetariani sono particolarmente a rischio di carenza di vitamina B12, poiché si trova più comunemente negli alimenti di origine animale. Gli alimenti ricchi di vitamina B12 includono fegato di manzo di mucche nutrite con erba, sardine, tonno, formaggio crudo, ricotta, agnello, latte crudo, uova e salmone selvatico.

Per trattare efficacemente la sindrome da stanchezza cronica, le vitamine del gruppo B sono essenziali. Oltre agli alimenti ricchi di vitamina B, può essere d’aiuto un integratore di vitamina B complessa. Nel complesso, le vitamine del gruppo B lavorano insieme per supportare un sano funzionamento metabolico, la produzione di ormoni e la vitalità.

SE STAI SPERIMENTANDO UNA STANCHEZZA INSOLITA, SOTTOPONICI LA TUA SITUAZIONE.

VALUTAZIONE MEDICA GRATUITA

Compili il modulo per sottoporci, in via preliminare, la sua situazione.

La nostra equipe si riunirà per valutare il suo caso clinico, prendendo in esame anche eventuali esami già in suo possesso che le chiediamo, se possibile, di allegare.

Le risponderemo quanto prima.

Valutazione medica gratuita

 

Passaggio 3: aumentare l’assunzione di potassio e magnesio

La ricerca mostra che sia il potassio che il magnesio possono aiutare a migliorare i sintomi associati alla sindrome da stanchezza cronica.

 

Magnesio

In uno studio pubblicato sulla rivista medica britannica The Lancet, è stato riscontrato che i pazienti con sindrome da stanchezza cronica avevano carenti livelli di magnesio che spiegavano un basso numero di globuli rossi.

In questo studio, i pazienti che sono stati trattati con integratori di magnesio hanno riportato un miglioramento dei livelli di energia, uno stato emotivo più equilibrato e meno dolore. Alla fine dello studio di sei settimane, tutti i pazienti a cui è stato somministrato magnesio hanno riportato i livelli di magnesio nei globuli rossi alla normalità. 

Se soffri di sindrome da stanchezza cronica, considera l’aggiunta di questi alimenti ricchi di magnesio da aggiungere alla dieta: spinaci, bietole, semi di zucca, yogurt e kefir, mandorle, fagioli neri, avocado, fichi, cioccolato fondente e banane.

Questi cibi deliziosi possono aiutarti a superare la stanchezza cronica, uno dei sintomi di una carenza di magnesio, e supportare una sana funzione nervosa, livelli sani di zucchero nel sangue, regolazione della pressione sanguigna e molto altro ancora. 

 

Potassio

Il potassio è responsabile del corretto equilibrio elettrolitico nel corpo. Gli alimenti ricchi di potassio includono avocado, spinaci, patate dolci, acqua di cocco, kefir e yogurt, fagioli bianchi, banane, zucca di ghiande, albicocche secche e funghi.

I sintomi di una carenza di potassio includono i comuni sintomi della CFS: affaticamento, irritabilità e crampi muscolari. Mangiare una dieta ricca di potassio può aiutare ad alleviare questi sintomi, in particolare quando gli alimenti che causano allergie sono stati rimossi.

 

Passaggio 4: crea pace e relax

La CFS può essere debilitante sia fisicamente che mentalmente. Soffrire di stanchezza persistente, ridotta cognizione cerebrale, dolori muscolari e articolari cronici, stress e persino sensi di colpa mettono a dura prova il corpo e la psiche.

Il controllo e il rilassamento dello stress a lungo termine devono essere una parte vitale di qualsiasi protocollo utilizzato per superare la sindrome da stanchezza cronica. Sebbene apparentemente impossibile, è imperativo che i malati di CFS facciano del loro meglio per gestire efficacemente lo stress e il riposo.

 

Il potere del riposo

“Riposo” significa molto di più che dormire. Dedica un giorno alla settimana quando non hai responsabilità o impegni. Impegnati davvero per un’intera giornata di riposo. Questo dà al tuo corpo e alla tua mente una tregua tanto necessaria, aiutando a combattere lo stress, l’ansia e l’esaurimento. È anche importante durante la settimana, se stai attraversando una giornata particolarmente difficile, non sovraccaricarti.

Mentre l’esercizio fisico regolare supporta il benessere e aiuta a diminuire lo stress, le persone con sindrome da stanchezza cronica devono esercitare a un’intensità controllata. Gli allenamenti ad alta intensità possono lasciarti prosciugato per diversi giorni.

 

Esercizio fisico

L’esercizio fisico ha dimostrato di aiutare con la stanchezza, la chiarezza mentale e la depressione nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica.  Secondo uno studio pubblicato sull’European Journal of Clinical Investigation, alle persone con CFS è stato consigliato di svolgere attività aerobiche in palestra due volte al mese, in combinazione con esercizi a casa per circa 5-15 minuti della durata, cinque giorni alla settimana. 

 

Dormire

Chi soffre di sindrome da stanchezza cronica ha comunemente difficoltà a dormire. In particolare, addormentarsi e restare addormentati, gambe senza riposo, spasmi muscolari notturni e sogni vividi (a volte spaventosi). È importante stabilire una routine regolare per andare a dormire, che includa un periodo di rilassamento fisico ed emotivo.

Sì, questo significa staccare la spina dalla tecnologia, inclusi computer, tablet, televisione e smartphone, almeno 90 minuti prima di andare a letto. Secondo un recente studio sul Journal of Clinical Sleep Medicine, l’uso di dispositivi tecnologici interattivi un’ora prima di andare a dormire provoca un sonno povero e disturbi generali del sonno. 

Rendi la tua camera da letto un paradiso per il relax e per fuggire dallo stress della giornata. La tua camera da letto dovrebbe essere fresca la sera per facilitare il sonno e l’illuminazione non dovrebbe essere troppo intensa. Preparare il terreno per un sonno ristoratore è davvero metà della battaglia per addormentarsi velocemente e rimanere addormentati.

Gli oli essenziali sono meravigliosi per aiutare quando non riesci a dormire. Prova alcune gocce in un diffusore o punteggiate sulle tempie. Gli oli essenziali che aiutano a rilassarsi e dormire includono eucalipto, lavanda, valeriana, camomilla romana, maggiorana, bergamotto, salvia sclarea, gelsomino e ylang ylang.

 

Evita gli stimolanti

Evita caffeina, alcol e tabacco, poiché questi stimolanti possono causare ulteriore irrequietezza durante la notte. Assicurati di aver terminato l’esercizio fisico almeno quattro ore prima di andare a letto, poiché l’esercizio può anche agire come stimolante e creare un sonno agitato.

 

Prenditi una vacanza

Prenditi una vacanza! Un cambiamento di scenario è importante di tanto in tanto, perché consente al nostro corpo e alla nostra mente di riprendersi dalla nostra vita quotidiana. Allontanati dalla famiglia o dagli amici, o anche da solo, per combattere il burn out (uno stato di esaurimento sul piano emotivo, fisico e mentale. L’OMS classifica questa sindrome come una forma di stress lavorativo che non si è in grado di gestire con successo.), alleviare lo stress e stimolare relazioni più strette.

Viaggiare apre nuove porte, cambia la nostra prospettiva e dà alla nostra mente qualcosa su cui concentrarsi invece delle nostre attività quotidiane. Proprio come l’esercizio fisico regolare, le vacanze e le fughe regolari sono indispensabili per la salute e il benessere a lungo termine.

Alcune idee per ritiri rilassanti includono weekend di yoga, viaggi in un ranch per ragazzi, un cottage su una spiaggia o un lago tranquilli o una capanna in montagna, con una pila dei tuoi libri preferiti.

 

Relazioni sociali

La sindrome da stanchezza cronica può causare una divisione nelle relazioni, poiché a volte le persone semplicemente non capiscono il tuo livello di esaurimento, dolore e mancanza di interesse.

Dopo aver eliminato dalla dieta gli alimenti che causano i sintomi della CFS e aver aumentato l’assunzione di vitamina B, potassio e magnesio, i livelli di energia aumenteranno.

Quindi contatta i tuoi amici e programma incontri in cui puoi recuperare il ritardo, condividere una bella risata o due. La ricerca ha dimostrato che il supporto sociale è essenziale per mantenere la salute psicologica e fisica.

 

RIFERIMENTI E BIBLIOGRAFIA

  • cdc.gov/me-cfs/ – Centers for Disease Control and Prevention, National Center for Emerging and Zoonotic Infectious Diseases (NCEZID), Division of High-Consequence Pathogens and Pathology (DHCPP)- Myalgic Encephalomyelitis/Chronic Fatigue Syndrome – January 28, 2021
  • womenshealth.gov/a-z-topics/chronic-fatigue-syndrome – Office on Women’s Health in the U.S. Department of Health and Human Services.
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18836094/ – Esme Fuller-Thomson, Jodie Nimigon – Factors associated with depression among individuals with chronic fatigue syndrome: findings from a nationally representative survey – PMID: 18836094 DOI: 10.1093/fampra/cmn064
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11703165/ – A C Logan, C Wong – Chronic fatigue syndrome: oxidative stress and dietary modifications – PMID: 11703165
  • mayoclinic.org/diseases-conditions/chronic-fatigue-syndrome/symptoms-causes/syc-20360490 
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20192908/ – Nicole S Porter, Leonard A Jason, Aaron Boulton, Nancy Bothne, Blair Coleman – Alternative medical interventions used in the treatment and management of myalgic encephalomyelitis/chronic fatigue syndrome and fibromyalgia – PMID: 20192908 DOI: 10.1089/acm.2008.0376
  • sciencenorway.no/allergies-disease-forskningno/food-intolerance-is-linked-to-different-disorders/1372788 – Food intolerance is linked to different disorders – A. Berstad, R. Undseth, R. Lind & J. Valeur, Functional bowel symptoms, fibromyalgia and fatigue: A food-induced triad?, Scandinavian Journal of Gastroenterology.
  • The Effect of Nutritional Therapy for Yeast Infection ( Candidiasis ) in Cases of Chronic Fatigue Syndrome – E. White, C. Sherlock – semanticscholar.org/paper/The-Effect-of-Nutritional-Therapy-for-Yeast-%28-%29-in-White-Sherlock/6b5e79d5d32f3394fb7a615ce70b51983d4b689b?p2df – Corpus ID: 40811214
  • webmd.com/allergies/casein-allergy-overview – Casein Allergy Overview – WebMD Medical Reference: 
  • The Nemours Foundation: “Milk Allergy.”
  • Children’s Hospital Boston Center for Young Women’s Health: “Milk Allergy: A Guide for Teens.”
  • The Food Allergy & Anaphylaxis Network: “Anaphylaxis.”
  • webmd.com/digestive-disorders/h-pylori-helicobacter-pylori – What Is H. pylori?
  • National Digestive Diseases Information Clearinghouse: “Peptic Ulcer Disease and H. Pylori.” – WebMD Medical Reference:
  • National Cancer Institute: “Helicobacter pylori and Cancer.”
  • KidsHealth: “Infections: Helicobacter Pylori.”
  • National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases: “The Burden of Digestive Diseases: Peptic Ulcer Disease.”
  • American College of Gastroenterology: “Peptic Ulcer Disease.”
  • UpToDate. “Helicobacter pylori infection and treatment.”
  • American Cancer Society: “How is stomach cancer diagnosed?” “How is stomach cancer treated?” and “Signs and symptoms of stomach cancer.”
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10450194/ – Vitamin B status in patients with chronic fatigue syndrome – L C Heap , T J Peters, S Wessely – PMID: 10450194 PMCID: PMC1297139 DOI: 10.1177/014107689909200405
  • psychologytoday.com/intl/blog/health-matters/201011/nutrition-and-depression-nutrition-methylation-and-depression-part-2 – Nutrition and Depression: Nutrition, Methylation, and Depression, Part 2
  • Bourre, JM: J. Nutrition, Health & Aging: Vol 10(5) 2006: 377-385. Effects of nutrients (in food) on the structure and function of the nervous system: update on dietary requirements for brain: Part 1: micronutrients.
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/1672392/ – Red blood cell magnesium and chronic fatigue syndrome – I M Cox , M J Campbell, D Dowson – PMID: 1672392 DOI: 10.1016/0140-6736(91)91371-z
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15115421/ – Randomised controlled trial of graded exercise in chronic fatigue syndrome – Karen E Wallman, Alan R Morton, Carmel Goodman, Robert Grove, Andrew M Guilfoyle – PMID: 15115421 DOI: 10.5694/j.1326-5377.2004.tb06019.x
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22725992/ – How to exercise people with chronic fatigue syndrome: evidence-based practice guidelines – Deborah Van Cauwenbergh, Margot De Kooning, Kelly Ickmans, Jo Nijs – PMID: 22725992 DOI: 10.1111/j.1365-2362.2012.02701.x
  • pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24340291/ – The sleep and technology use of Americans: findings from the National Sleep Foundation’s 2011 Sleep in America poll
  • Michael Gradisar, Amy R Wolfson, Allison G Harvey, Lauren Hale, Russell Rosenberg, Charles A Czeisler – PMID: 24340291 PMCID: PMC3836340 DOI: 10.5664/jcsm.3272
  • medlineplus.gov/ency/article/001244.htm – Myalgic encephalomyelitis / chronic fatigue syndrome (ME/CFS)
  • ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2921311/ – Social Support and Resilience to Stress – From Neurobiology to Clinical Practice – Fatih Ozbay, MD, Douglas C. Johnson, PhD, Eleni Dimoulas, PhD, C.A. Morgan, III, MD, MA, Dennis Charney, MD, and Steven Southwick, MD

 

 

 

Autore: Alessia Panizza