Caricamento in corso ...

allergie e intolleranze alimentari

 COMPILI IL MODULO PER SOTTOPORCI, IN VIA PRELIMINARE E GRATUITAMENTE, LA SUA SITUAZIONE:     Al Modulo 

Intolleranze alimentari

Una reazione avversa dell’organismo verso determinati cibi, che si manifesta gradualmente. Coinvolge gran parte della popolazione.

I principali sintomi evidenziati sono: gonfiore addominale, gas intestinale, ulcerazioni della bocca, inappetenza o eccessivo appetito, nausea, stipsi, diarrea, digestione difficile, ritenzione idrica, improvvisi cambiamenti di peso, iperacidità, gastrite, intestino irritabile, colite, raffreddore, infezione delle vie aeree, infiammazioni della cute, eruzioni cutanee con prurito, acne, capogiri, mal di testa, sonnolenza, stanchezza cronica, ansia, insonnia, depressione.

Le principali cause su cui indagare sono: la predisposizione famigliare, l’incapacità di metabolizzare alcune componenti dei prodotti alimentari (come il lattosio nel latte), lo stress, una dieta squilibrata, l’alterazione della flora batterica intestinale, malattie che predispongono alla sensibilizzazione alimentare.

 

Allergie alimentari

Una reazione esagerata del sistema immunitario, che si scatena in risposta ad una molecola riconosciuta come potenzialmente pericolosa per l’organismo. 

I principali sintomi evidenziati sono: prurito al cavo orale o alla faringe, orticaria, prurito cutaneo, eruzione cutanea, gonfiore delle labbra o del viso o della lingua o della gola o di altre parti del corpo, asma, congestione nasale, problemi respiratori, dolore addominale, diarrea, nausea, vomito, vertigini, svenimenti, emicrania, capogiri.

Le principali cause su cui indagare sono: una predisposizione famigliare, danni alla mucosa intestinale, un’insufficiente azione digestiva, la debilitazione del sistema immunitario, una scarsa funzionalità dei sistemi enzimatici, 
uno svezzamento precoce, un’eccessiva igiene, ridotti contatti con persone esterne che stimolino il sistema immunitario, l’abuso di farmaci e di alimenti OGM (organismi geneticamente modificati), l’abuso di alimenti contenenti additivi.

 

Shock anafilattico

È la complicanza più temibile di un’allergia e spesso può essere scatenata da quantità minime di alimento. 
Nelle forme più gravi può condurre all’occlusione delle vie respiratorie, al coma o alla morte. È necessario un pronto intervento per evitare il peggio. 

I principali sintomi evidenziati sono: 

  1. brusco calo di pressione, pallore intenso, orticaria generalizzata (che inizia di solito a mani e piedi), sudorazione  con cute fredda, vertigini, senso generalizzato di grave malessere, ansietà, angoscia, raucedine,  abbassamento della voce, tosse stizzosa 
  2. gonfiore delle vie aeree superiori, occlusione parziale o totale delle vie respiratorie, aumento della frequenza respiratoria, dolori addominali, nausea, vomito, arrossamento e prurito diffuso della cute 
  3. colorazione bluastra della cute, marcata sensazione di soffocamento
  4. collasso circolatorio, perdita di coscienza, convulsioni, impossibilità di respirare, severo abbassamento della pressione, coma, morte.